IL CASO EITAN CONTINUA A FAR DISCUTERE

Problemi per i nonni del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone

1631470335copertina.jpg

E’ un cittadino italiano, Pavia è la sua casa dove è cresciuto, siamo molto preoccupati”. Non è un caso semplice, soprattutto se ci sono bambini. La storia del piccolo Eitan sta facendo discutere, in primis per il comportamento dei nonni, che senza alcun preavviso hanno deciso di portare il piccolo in Israele. Tanti risvolti come le dichiarazioni della controparte. Intanto, le parole della zia Aya hanno toccato il cuore, perché lei stessa era stata nominata tutrice legale di Eitan. Le polemiche non mancano, ma in questo momento ciò che deve essere messo al primo posto e la salute del bambino.

cms_23141/foto_1.jpg

Infatti, proprio pochi mesi fa, il piccolo Eitan è sopravvissuto miracolosamente alla tragedia della funivia del Mottarone. Una storia triste, che vide molte persone perdere la vita tra cui diversi bambini. Pertanto, la zia Aya continua a gran voce ad invocare la legge, con la speranza che il governo italiano possa prendere provvedimenti. Infatti, lo stesso tribunale di Pavia aveva ordinato tassativamente di restituire il passaporto israeliano di Eitan entro il 30 agosto. Ovviamente non è stato consegnato nulla e il nonno si è preso tutte le responsabilità del caso.

cms_23141/foto_2.jpg

Fonti certe, affermano che il nonno del piccolo sia stato condannato per maltrattamenti in famiglia e, tale giudizio è stato riconfermato nei tre gradi di giudizio. Questa notizia non fa dormire sogni tranquilli, ma l’altra zia che risiede in Israele ci tiene a precisare: “”Abbiamo agito per il bene del bambino”. Goli Peleg non si trattiene e tramite la Radio Israeliana 103, afferma con tutta serenità che non c’è stata alcuna forma di rapimento e che il bambino è felice di vivere in Israele. Questa storia continuerà a far parlare di se, certamente la burocrazia regnerà sovrana dimenticando che in ballo c’è la vita di un bambino. Non sapremo come andrà a finire, ma siamo certi che il protocollo diplomatico sarà messo a dura prova.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram