Houston: cosa bruciavano martedì al consolato cinese?

Il punto della situazione sulla misteriosa vicenda

1595515883Copertina.jpg

Martedì scorso, intorno alle ore 20:30, alcuni residenti dei grattacieli adiacenti al consolato cinese di Houston (Texas, Usa) si sono riversati in strada e hanno chiamato i vigili del fuoco dopo aver visto del fumo levarsi dal cortile del palazzo sede dell’istituzione.

Arrivati sul posto, i pompieri non hanno potuto accedere all’edificio perché non autorizzati a farlo, dato che si tratta di un territorio sovrano cinese, e in quanto tale è inviolabile; a quel punto, hanno rassicurato i residenti nella zona spiegando che non era accaduto nulla di grave e che potevano tornare alle proprie abitazioni.

cms_18393/Foto_1.jpg

Le riprese effettuate dall’alto ritraggono alcuni individui intenti a bruciare carte accatastate nei bidoni della spazzatura. Questo gesto ha dato adito a diverse interpretazioni di una vicenda che resta tuttora avvolta nel mistero.

Il consolato aveva chiuso ad aprile a causa dell’emergenza Covid-19, ma nonostante ciò ha continuato a rendere fruibili i propri servizi via mail per chi ne avesse bisogno. Secondo alcune testimonianze, tuttavia, a molte persone è stata negata assistenza; situazione, questa, che ha comportato disagi ai cinesi che necessitano di un’adeguata documentazione per la cittadinanza statunitense.

cms_18393/Foto_2.jpg

Alcuni testimoni hanno dichiarato che le autorità cinesi, in questo periodo di emergenza, stanno approfittando per raccogliere dati sensibili dei propri connazionali con la scusa di effettuare tamponi. D’altronde, non è un mistero che gli asiatici siano temuti, in particolare dagli Stati Uniti, per la loro abilità di spionaggio e hackeraggio. Per questo, Mike Pompeo, segretario di stato degli Stati Uniti, ha ordinato l’immediata chiusura della sede del consolato cinese di Houston, adducendo come motivazione il rispetto e la protezione dei dati sensibili che riguardano i cittadini.

Anche Morgan Ortagus, portavoce del dipartimento di stato, ha ripreso le parole di Pompeo, aggiungendo che qualsiasi consolato straniero deve comunque rispettare le leggi dello stato di cui è ospite, senza interferire nei suoi affari interni.

La reazione della Cina non si è fatta attendere, e Wang Wenbin, ministro degli esteri cinese, ha parlato di decisione “scandalosa”.

Francesco Ambrosio

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App