Governo al lavoro su Fase 2 (Altre News)

Sanificazione: l’impatto del lockdown e i consigli per scegliere - De Micheli, le prossime regole per i trasporti - Catalfo: "Rinnovo Cura Italia e tutele colf e badanti"

ECONOMIA_26_4_20.jpg

Coronavirus, governo al lavoro su Fase 2

cms_17223/5119186_SEA180320-10.jpg

Si riunirà oggi la cabina di regia tra governo ed enti locali con il premier Giuseppe Conte e i ministri Francesco Boccia e Roberto Speranza. L’orario è ancora in via definizione. Sul tavolo le misure della Fase 2.

REDDITO DI EMERGENZA - La ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha spiegato su Facebook che "nei prossimi giorni, agli interventi che come governo abbiamo già messo in campo si aggiungeranno quelli del decreto Aprile, con il quale non solo rinnoveremo le misure già previste nel ’Cura Italia’ - dagli ammortizzatori sociali ai congedi parentali e voucher babysitter per i genitori con figli - ma tuteleremo anche altre categorie come colf e badanti e introdurremo il Reddito di emergenza per dare un aiuto concreto a tutti i cittadini più in difficoltà".

CIG - "In questa delicata fase che stiamo attraversando, assolutamente positiva è stata la sinergia creatasi con alcune delle principali realtà italiane - ha aggiunto - Il mese scorso, al Ministero abbiamo sottoscritto una convenzione con Abi e parti sociali per l’anticipo della cassa integrazione da parte delle banche. Proprio nelle ultime ore è stato fatto un nuovo, importante passo avanti. Infatti, in virtù di un accordo con l’INPS, Poste Italiane anticiperà la Cig (sia quella ordinaria sia in deroga) ai clienti BancoPosta e PostePay Evolution: la richiesta potrà essere presentata online accedendo al sito di Poste".

PENSIONI - Sul fronte pensioni, ha proseguito la ministra, "anche per il mese di maggio il pagamento sarà anticipato al 27 aprile per i titolari di un Conto BancoPosta, di un Libretto di Risparmio o di una Postepay Evolution mentre chi riscuote l’importo in contanti, al fine di contrastare il diffondersi del contagio da coronavirus, dovrà recarsi presso gli uffici postali seguendo questo calendario: lunedì 27 aprile dalla A alla B; martedì 28 aprile dalla C alla D; mercoledì 29 aprile dalla E alla K; giovedì 30 aprile dalla L alla P e sabato 2 maggio (mattina) dalla Q alla Z".

TRASPORTI - "Lo Stato si farà carico di compensare una parte della mancata bigliettazione che le aziende hanno avuto sia nella fase acuta, quindi marzo e aprile, ma è evidente che avranno questo problema per tutto il periodo fino a quando non torneremo ad una ragionevole normalità". Lo ha detto la ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli a Rai News.

Inoltre, "aiuteremo nelle prossime settimane a rendere sempre più elettronica la bigliettazione e stiamo ragionando per aiutare le aziende a calcolare sulla capacità di riempimento dei mezzi". Il governo, ha spiegato illustrando alcune delle prossime regole per i trasporti, sta ragionando anche su un "modello di organizzazione del lavoro che preveda differenziazioni di orari di accesso soprattutto. Anticiperemo delle risorse per incentivare la mobilità alternative. Modificheremo il codice della strada per permettere ai comuni di costruire rapidamente nuove piste ciclabili".

"Non vogliamo che questa fase faccia tornare la voglia a tutti di usare di più la macchina ma dobbiamo trovare un equilibrio tra la sicurezza e la possibilità di muoversi" ha detto De Micheli.

"Prima di tutto il distanziamento sociale - ha rimarcato - e quindi una riduzione del numero di persone che potranno salire sul singolo mezzo. In secondo luogo le regole sono legate al tipo di mezzo: continuerà ad esserci l’obbligo della mascherina sugli aerei. Ci saranno nelle stazioni e aeroporti dei percorsi dedicati per senso di marcia e sui mezzi l’indicazione che da una porta si può solo salire e dall’altra si esce".

TERMOSCANNER - Termoscanner per il rilevamento della temperatura anche nei piccoli aeroporti e in tutte le stazioni ferroviarie. E’ una delle misure al vaglio del governo per la fase 2 che riguarda i trasporti. Al momento i termoscanner sono presenti nei grandi hub aeroportuali mentre negli scali più piccoli si procede a rilevare manualmente la temperatura e non sono presenti invece nelle stazioni.

CARTELLE E ACCERTAMENTI - In vista del dl Aprile, si apprende da fonti di governo, è allo studio l’ipotesi di sospendere l’invio di accertamenti e cartelle fino al 30 settembre, allungando di tre mesi lo stop al momento previsto fino a fine maggio.

Coronavirus, sanificazione: l’impatto del lockdown e i consigli per scegliere

cms_17223/Sanificazione_1.jpg

Sanificazione in primo piano, un settore che adesso diventa centrale ma anche su questo il lockdown ha avuto e continua ad avere impatti importanti. “Lavoriamo con i migliori prodotti e mezzi meccanici sul mercato che però ora sono difficili da trovare, perché le aziende più grandi, anche di componenti, sono nel Veneto e sono parzialmente o completamente ferme. Un esempio? Abbiamo fatto un ordine che doveva arrivare a maggio e invece arriverà a metà luglio. Non vorrei fare polemiche ma siamo arrabbiati perché per fornire questo servizio, abbiamo bisogno che lavorino tutti. Bloccare una parte delle attività produttive alla fine si è tradotto nel bloccare tutto, perché questa è una filiera. E’ difficile andare avanti così”. Lo spiega all’AdnKronos Adriano Marchi, titolare della AM Verde 2000 srl, azienda che dal 1985 si occupa di igiene ambientale effettuando disinfestazioni, derattizzazioni e sanificazioni in enti pubblici, privati ed enti religiosi.

Attiva in particolare su Roma, dove lavora per istituti religiosi, ministeri, ambasciate, da Villa Madama al comando generale della Guardia di Finanza, l’azienda è stata subito subissata dalle richieste, e in questo ha dimostrato flessibilità per far fronte alla situazione: “Il lavoro è cambiato, così abbiamo dovuto mettere in secondo piano la parte disinfestazione e verde per lavorare sulla sanificazione. Ora riparte anche la cura del verde perché se c’è una cosa che non si è fermata è la natura, le piante sono cresciute e con il caldo che ha fatto è avvenuto in modo eccezionale. Quello che normalmente succede a maggio lo ha fatto ad aprile”.

Il consiglio per chi richiede un intervento di sanificazione? “Ci vogliono ditte specializzate che garantiscano l’utilizzo corretto dei prodotti giusti, ci vuole tanta professionalità - risponde Marchi - Dove c’è il lavoro, spesso c’è anche improvvisazione e in questo settore l’improvvisazione non va bene, le ditte devono essere specializzate e certificate. Noi, tra le altre, abbiamo anche la certificazione ambientale che certamente ha un costo, ma l’abbiamo fatta”.

E poi, ricordarsi che ci sono gli incentivi, che oggi più che mai sono fondamentali: “Il decreto legge del 17 marzo 2020, il decreto Cura Italia, riconosce un credito d’imposta al 50% delle spese di sanificazione degli ambienti di lavoro fino a un massimo di 20mila euro, sono fondamentali altrimenti una piccola attività non ce la fa”.

Coronavirus,De Micheli, le prossime regole per i trasporti
cms_17223/paolademicheli_ipa_fg.jpg

"Lo Stato si farà carico di compensare una parte della mancata bigliettazione che le aziende hanno avuto sia nella fase acuta, quindi marzo e aprile, ma è evidente che avranno questo problema per tutto il periodo fino a quando non torneremo ad una ragionevole normalità". Lo ha detto la ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli a Rai News.

Inoltre, "aiuteremo nelle prossime settimane a rendere sempre più elettronica la bigliettazione e stiamo ragionando per aiutare le aziende a calcolare sulla capacità di riempimento dei mezzi". Il governo, ha spiegato illustrando alcune delle prossime regole per i trasporti, sta ragionando anche su un "modello di organizzazione del lavoro che preveda differenziazioni di orari di accesso soprattutto. Anticiperemo delle risorse per incentivare la mobilità alternative. Modificheremo il codice della strada per permettere ai comuni di costruire rapidamente nuove piste ciclabili".

"Non vogliamo che questa fase faccia tornare la voglia a tutti di usare di più la macchina ma dobbiamo trovare un equilibrio tra la sicurezza e la possibilità di muoversi" ha detto De Micheli.

"Prima di tutto il distanziamento sociale - ha rimarcato - e quindi una riduzione del numero di persone che potranno salire sul singolo mezzo. In secondo luogo le regole sono legate al tipo di mezzo: continuerà ad esserci l’obbligo della mascherina sugli aerei. Ci saranno nelle stazioni e aeroporti dei percorsi dedicati per senso di marcia e sui mezzi l’indicazione che da una porta si può solo salire e dall’altra si esce".

Coronavirus, Catalfo: "Rinnovo Cura Italia e tutele colf e badanti"

cms_17223/NunziaCatalfo_repertorio_fg.jpg

"Fin dall’inizio di questa emergenza, come Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali sto facendo tutto il possibile per dare risposte a milioni di lavoratori e famiglie. È un impegno che sto portando avanti con grande e ferma determinazione: lo devo al nostro Paese". Così su Facebook la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, che annuncia: "Nei prossimi giorni, agli interventi che come Governo abbiamo già messo in campo si aggiungeranno quelli del decreto Aprile, con il quale non solo rinnoveremo le misure già previste nel ’Cura Italia’ - dagli ammortizzatori sociali ai congedi parentali e voucher babysitter per i genitori con figli - ma tuteleremo anche altre categorie come colf e badanti e introdurremo il Reddito di emergenza per dare un aiuto concreto a tutti i cittadini più in difficoltà".

"In questa delicata fase che stiamo attraversando, assolutamente positiva è stata la sinergia creatasi con alcune delle principali realtà italiane - prosegue - Il mese scorso, al Ministero abbiamo sottoscritto una convenzione con Abi e parti sociali per l’anticipo della cassa integrazione da parte delle banche. Proprio nelle ultime ore è stato fatto un nuovo, importante passo avanti. Infatti, in virtù di un accordo con l’INPS, Poste Italiane anticiperà la Cig (sia quella ordinaria sia in deroga) ai clienti BancoPosta e PostePay Evolution: la richiesta potrà essere presentata online accedendo al sito di Poste".

Sul fronte pensioni, aggiunge la ministra, "anche per il mese di maggio il pagamento sarà anticipato al 27 aprile per i titolari di un Conto BancoPosta, di un Libretto di Risparmio o di una Postepay Evolution mentre chi riscuote l’importo in contanti, al fine di contrastare il diffondersi del contagio da Coronavirus, dovrà recarsi presso gli uffici postali seguendo questo calendario: lunedì 27 aprile dalla A alla B; martedì 28 aprile dalla C alla D; mercoledì 29 aprile dalla E alla K; giovedì 30 aprile dalla L alla P e sabato 2 maggio (mattina) dalla Q alla Z".

"Dobbiamo continuare a remare tutti nella stessa direzione, rispettando le regole: insieme possiamo farcela", conclude Catalfo.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos