GREEN PASS OBBLIGATORIO PER ENTRARE IN VATICANO, MA NON PER LA MESSA

In Italia ulteriori 2.407 contagi e altri 44 morti - I dati dalle Regioni - Vaccino covid, terza dose a oltre 6mila italiani - Figliuolo: "Informatevi, nessuno vuole obbligare" - "Pfizer sicuro tra 5 e 11 anni"

21_9_2021.jpg

cms_23232/vaticano_ingresso_fg_ipa.jpg

Green pass obbligatorio per entrare in Vaticano, ma non per la messa

Green Pass obbligatorio, dal 1 ottobre, per accedere in Vaticano tranne "per coloro che partecipano alle celebrazioni liturgiche per il tempo strettamente necessario allo svolgimento del rito, fatte salve le vigenti prescrizioni sanitarie sul distanziamento, sull’utilizzo di dispositivi di protezione individuale, sulla limitazione della circolazione e dell’assembramento di persone e sull’adozione di peculiari norme igieniche. Lo stabilisce una ordinanza del Governatorato della Città del Vaticano alla luce dell’udienza del Papa al presidente del Governatorato nella quale Bergoglio "ha affermato che è necessario assicurare la salute e il benessere della Comunità di lavoro nel rispetto della dignità, dei diritti e delle libertà fondamentali di ogni suo membro".

Nel dettaglio, l’ordinanza dispone che "a far data dal 1° ottobre, è consentito l’ingresso nello Stato della Città del Vaticano e nelle aree di cui agli artt. 15 e 16 del Trattato Lateranense, esclusivamente, ai soggetti muniti del Certificato Digitale Covid dello Stato ("Green Pass vaticano"), del Certificato Digitale Covid di cui all’art. 4, §1 del Decreto n. CDXXXII del 15 luglio 2021 ("Green Pass europeo") o di certificazione verde Covid19 estera comprovante lo stato di avvenuta vaccinazione contro il SARS-Cov-2 o la guarigione da SARS-Cov-2, ovvero l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus SARS-Cov-2".

Il controllo è demandato al Corpo della Gendarmeria. "Le presenti disposizioni - dice l’ordinanza - si applicano ai cittadini, ai residenti nello Stato, al personale in servizio, a qualsiasi titolo, nel Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e nei vari Organismi della Curia Romana e delle Istituzioni ad essa collegate, a tutti i visitatori e fruitori di servizi".

L’obbligo del Green Pass non riguarda i fedeli che vanno a messa: "Viene fatta eccezione per coloro che partecipano alle celebrazioni liturgiche per il tempo strettamente necessario allo svolgimento del rito, fatte salve le vigenti prescrizioni sanitarie sul distanziamento, sull’utilizzo di dispositivi di protezione individuale, sulla limitazione della circolazione e dell’assembramento di persone e sull’adozione di peculiari norme igieniche".

cms_23232/4.jpg

cms_23232/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 2.407 contagi e altri 44 morti

Sono 2.407 i contagi da coronavirus in Italia, secondo dati e numero covid nel bollettino del ministero della Salute e della Protezione Civile.

Registrati altri 44 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 122.441 tamponi, il tasso di positività è al 2%.

Salgono a 3.982 (+53) i ricoverati con sintomi in Italia. Invece sono in calo (-7) i ricoverati in terapia intensiva che in totale scendono a 523. Sono 3.383 in più i dimessi e guariti, che portano il totale a 4.395.648, mentre gli attuali positivi sono complessivamente 112.514 (-1.022).

cms_23232/italia.jpg

I dati dalle Regioni

LOMBARDIA - Sono 150 i nuovi contagi da coronavirus. Si registra 1 decesso.

CAMPANIA - Sono 4198 i contagi da coronavirus.Si registrano 7 decessi.

ABRUZZO - Sono 11 i nuovi contagi da coronavirus. Non si registrano decessi.

BASILICATA - Sono 34 i contagi da coronavirus. Non si registrano decessi.

PUGLIA - Sono 60 i contagi da coronavirus. Non si registrano decessi.

TOSCANA - Sono 231 i contagi da coronavirus. Si registrano 5 decessi.

FRIULI VENEZIA GIULIA - Sono 29 i nuovi contagi da coronavirus. Si registra 1 decesso.

SARDEGNA - Sono 42 i nuovi contagi da coronavirus. Si registrano 2 decessi.

PIEMONTE - Sono 135 i nuovi contagi di coronavirus. Si registrano 2 decessi.

EMILIA ROMAGNA - Sono 333 i nuovi contagi da coronavirus. Si registrano 4 decessi.

LAZIO - Sono 243i nuovi contagi da coronavirus. Si registrano 5 decessi.

SICILIA - Sono 514 i contagi da coronavirus. Si registra 1decesso.

VALLE D’AOSTA - Nessun contagio da coronavirus. Non si registrano decessi.

CALABRIA - Sono 127 i contagi da coronavirus. Si registrano 3 decessi.

cms_23232/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_23232/Vaccino_anti-covid_e_terza_dose.jpgVaccino anti-covid e terza dose

Al via ieri la nuova somministrazione di vaccino anti-covid per le categorie dei fragili. Si tratta di 3 milioni di soggetti a rischio. A giorni, spiega intanto il commissario all’emergenza coronavirus Figliuolo, dovrebbe arrivare il via libera del Cts anche per sanitari, Rsa e over 80. A ricevere la dose aggiuntiva fino a ora sono state 6.803 persone (pari allo 0,73 % della popolazione oggetto di dose aggiuntiva/richiamo. Il totale delle somministrazioni è di 82.670.260: 44.356.849 ( 82,13 % della popolazione over 12) hanno ricevuto almeno una somministrazione mentre 41.175.922 (76,24 % della popolazione over 12) hanno completato il ciclo vaccinale).

cms_23232/Gen.jpgFigliuolo: "Informatevi, nessuno vuole obbligare"

"Siamo a 41 milioni di italiani vaccinati, siamo a circa il 76% di over 12. Aspettiamo l’ok del Cts per la terza dose a sanitari, over 80 e ospiti delle Rsa. A chi è diffidente sul vaccino, dico: informatevi, nessuno vuole obbligare", ha detto il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario all’emergenza, si esprime così durante la visita all’hub vaccinale di Villorba, in Veneto. "Abbiamo visto un incremento delle prenotazioni di vaccino, vedremo se questo trend si consolida. Mi sento di fare un appello a chi è un po’ diffidente e attende: informatevi, chiedete a medici e infermieri, a chi negli ospedali vede la sofferenza per il covid. Abbiamo avuto oltre 130mila morti per covid e ci sono persone che portano i segni del long covid, ho amici che fanno una rampa di scale e hanno il fiatone. Vi dico di informarvi e di fare una libera scelta, nessuno vuole obbligare", ha aggiunto Figliuolo. "Tutti gli strumenti di democrazia vanno bene. Io sono per la Costituzione", risponde ai giornalisti che chiedono un parere sull’ipotizzato referendum popolare contro il Green Pass obbligatorio.

"E’ bene che ognuno si informi. Vaccinarsi è un dovere civico e morale, come dice il presidente Mattarella. Dobbiamo mettere in salvo chi è attorno a noi, non si può essere egoisti. In questo, i nostri giovani ci hanno dato una grande lezione: nella fascia 20-29 anni in pochissimo tempo abbiamo avuto il maggior numero di adesioni, i giovani sono corsi in massa a vaccinarsi", prosegue. "Oggi partono le terze dosi in tutta Italia, parliamo di dosi aggiuntive per i cosiddetti immunocompromessi, persone con un sistema immunitario compromesso", evidenzia.

cms_23232/Vaccino_bimbi.jpgVaccino Pfizer, "efficace per bambini 5-11 anni a dosi più basse"

Il vaccino Pfizer è efficace e sicuro per i bambini tra i 5 e gli 11 anni. Lo hanno annunciato Pfizer e BioNTech in base ai risultati di uno studio di fase 2/3 che mostra per il loro vaccino anti Covid "un profilo di sicurezza favorevole e una robusta risposta" in termini di anticorpi neutralizzanti nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, utilizzando un regime a due dosi di 10 microgrammi (µg) a distanza di 21 giorni l’una dall’altra. Si tratta di una dose inferiore a quella (30 µg) utilizzata per le persone di età pari o superiore a 12 anni. Le risposte anticorpali nei partecipanti a cui sono state somministrate queste quantità "erano paragonabili a quelle registrate in un precedente studio Pfizer-BioNTech in persone di età compresa tra 16 e 25 anni immunizzate con dosi di 30 µg", spiegano le due azienda in una nota. "La dose di 10 µg è stata accuratamente selezionata come dose preferita per la sicurezza, la tollerabilità e l’immunogenicità nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni".

Pfizer e BioNTech intendono presentare "il prima possibile" i dati sul loro vaccino anti-Covid nella fascia 5-11 anni all’agenzia statunitense Food and Drug Administration (Fda) e all’Agenzia europea del farmaco Ema, ma anche ad altri enti regolatori. Da un lato, spiegano, è "prevista una richiesta all’Ema per aggiornare l’autorizzazione condizionata all’immissione in commercio dell’Ue". Dall’altro, per gli Stati Uniti, le aziende prevedono di includere i dati in una presentazione a breve termine per l’autorizzazione all’uso di emergenza (Eua), mentre continuano ad accumulare dati di sicurezza ed efficacia necessari per presentare la richiesta di approvazione completa in questa fascia di età.

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos