GREEN PASS, DA OGGI INGRESSO LIBERO IN ITALIA:COSA CAMBIA

In Italia ulteriori 24.267 contagi e altri morti - I dati delle Regioni - Mascherine al chiuso in Italia, fino a quando?

1_6_2022.jpeg

cms_26267/passeggeri_aeroporto_fg.jpg

Green pass, da oggi ingresso in Italia è libero: cosa cambia

Da oggi, mercoledì 1 giugno, niente più Green Pass per entrare in Italia. Questo vuol dire che, sia per gli italiani che rientrano nel nostro Paese sia per i turisti in arrivo per trascorrere le vacanze, non è più necessario esibire il certificato verde.

Nel frattempo, il 16 maggio, è caduto anche l’obbligo per quanto riguarda l’Europa, ma non Italia e in Germania, di indossare la mascherina per chi viaggia in aereo. Nel nostro Paese l’obbligo resta in vigore fino al 15 giugno, in Germania fino al 23 settembre.

Secondo quanto prevede un aggiornamento delle misure di sicurezza per i viaggi, pubblicato dall’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea (Easa) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), il dispositivo di protezione non sarà più obbligatorio sui voli nell’Unione europea e negli aeroporti, anche se "la mascherina resta una delle difese migliori contro la trasmissione di Covid-19", e usarla è fortemente raccomandato per chi tossisce o starnutisce, nonché per tutte le persone fragili.

Il prossimo 15 giugno è un’altra deadline importante per quanto riguarda le misure anti-Covid. Salvo un’eventuale proroga, quel giorno scadrà anche l’obbligo di mascherina nei luoghi ancora soggetti a questa regola, come ad esempio i mezzi di trasporto. Ma, sulla possibilità che da quella data si abbandoni completamente l’uso di questo dispositivo di sicurezza, è intervenuto il ministro della Salute Roberto Speranza affermando che "non c’è nessuna decisione già assunta".

cms_26267/4.jpg

cms_26267/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 24.267 contagi e altri morti

Sono 24.267 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia, secondo i dati e i numeri Covid - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 66 morti.
Nelle ultime 24 ore sono stati processati 242.060 tamponi, tra molecolari e antigenici, con un tasso di positività al 10%. Scendono i pazienti in terapia intensiva che sono 248 (-7) e i ricoverati con sintomi che oggi sono 5.121 (-160).

cms_26267/italia.jpg

I dati delle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 - 31 Maggio 2022)

LAZIO - Sono 3.210 i nuovi contagi da coronavirus oggi 31 maggio nel Lazio, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 2 morti. "Oggi nel Lazio, su 5.972 tamponi molecolari e 20.185 tamponi antigenici per un totale di 26.157 tamponi, si registrano 3.218 nuovi casi positivi (+1.985), sono 2 i decessi (-3), 582 i ricoverati (-15), 31 le terapie intensive (-2) e +4.404 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 12,3%. I casi a Roma città sono a quota 1.942", comunica l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.
Questa la situazione nel dettaglio nelle ultime 24 ore. Asl Roma 1: sono 720 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl Roma 2: sono 768 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl Roma 3: sono 454 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl Roma 4: sono 121 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl Roma 5: sono 213 i nuovi casi e 1 decesso. Asl Roma 6: sono 270 i nuovi casi e 0 i decessi.
Nelle province si registrano 672 nuovi casi. Asl di Frosinone: sono 211 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl di Latina: sono 267 i nuovi casi e 1 decesso. Asl di Rieti: sono 61 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl di Viterbo: sono 133 i nuovi casi e 0 i decessi.

LOMBARDIA - Sono 3.290 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 31 maggio 2022 in Lombardia, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono stati registrati 6 morti per un totale di 40.547 vittime da inizio pandemia. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 37.369 tamponi, tra molecolari e antigenici, di cui è risultato positivo l’8,8%. Stabili a 35 i ricoverati in terapia intensiva, mentre cala di due unità e raggiunge quota 613 il numero di pazienti nei reparti Covid ordinari.

Nel territorio metropolitano di Milano i nuovi casi sono 1.265, di cui 563 nella città capoluogo. Seguono la provincia di Brescia con 345 contagi, Monza e Brianza con 283, Varese con 253, Bergamo con 224, Como con 180, Pavia con 173, Mantova con 119, Cremona con 108, Lecco con 94, Lodi con 75 e Sondrio con 49.

VENETO - Sono 1.837 i nuovi contagi da coronavirus oggi 31 maggio in Veneto, secondo i dati dell’ultimo bollettino Covid-19 di Azienda Zero. Si registrano 3 morti. Il totale dei casi da inizio pandemia è arrivato a 1.753.993, mentre gli attualmente positivi sono 27.369. Il totale dei decessi da inizio pandemia è 14.693. Negli ospedali veneti sono ricoverate 243 persone in area medica e 12 in terapia intensiva. Negli ospedali di comunità i ricoverati positivi sono 51. Nella giornata di ieri sono state effettuate 663 vaccinazioni anti-Covid.

TOSCANA - Sono 1.430 i nuovi contagi da coronavirus oggi 31 maggio in Toscana, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19 anticipati su Telegram dal presidente della regione Eugenio Giani. Otto i decessi: 2 uomini e 6 donne con un’età media di 87,4 anni. "I nuovi casi di Covid in Toscana sono 1.430 su 13.192 test di cui 1.524 tamponi molecolari e 11.668 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 10,84% (65,1% sulle prime diagnosi)", si legge nel post. I ricoverati sono 304 (19 in meno rispetto a ieri), di cui 18 in terapia intensiva (3 in meno).

ABRUZZO - Sono 644 i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi, 31 maggio, in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 405.872. Dei positivi odierni, 523 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso (una 72enne della provincia di Teramo) e sale a 3.324. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità precisando che nel numero dei casi positivi sono compresi anche 382.004 dimessi/guariti (+1571 rispetto a ieri). 198 pazienti (-4 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 10 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 20336 (-924 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare.
Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 20.544 (-928 rispetto a ieri). Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 1.903 tamponi molecolari (2329599 in totale dall’inizio dell’emergenza) e 4874 test antigenici (3743473). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 9.5%.

CALABRIA - Secondo il bollettino sull’emergenza Covid-19 diffusi dal dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria, sono 833 i nuovi contagi registrati (su 5.280 tamponi effettuati), +1.228 guariti e 4 morti (per un totale di 2.611 decessi). Il bollettino, inoltre, registra -399 attualmente positivi, +2 ricoveri (per un totale di 172) e, infine, terapie intensive stabili (per un totale di 5).

PIEMONTE - Sono 1.310, di cui 1.255 a test antigenico, i nuovi positivi al Covid in Piemonte secondo quanto rileva la Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 16.723 tamponi, di cui 14.511 antigenici, con un tasso di positività all’ 7,8% I ricoveri ordinari sono 309, 22 in meno rispetto a ieri, quelli in terapia intensiva 15, in calo di due unità rispetto a ieri. Due i decessi di persone con diagnosi di Covid.

EMILIA ROMAGNA - Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.486.838 casi di positività, 898 in più rispetto a ieri, su un totale di 14.873 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 8.604 molecolari e 6.269 test antigenici rapidi. Questi numeri non comprendono Parma: per un problema tecnico non sono stati acquisiti a livello regionale i dati dei nuovi positivi della provincia, che saranno recuperati domani. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 6%.

Si registrano 9 decessi per un totale dall’inizio dell’epidemia di 16.940 vittime. I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 31 (stabili rispetto a ieri), l’età media è di 64,7 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 838 (-28 rispetto a ieri). La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 334 nuovi casi (su un totale dall’inizio dell’epidemia di 308.146), seguita da Modena (143 su 231.543); poi Ravenna (78 su 137.461), Rimini (75 su 138.712) e Reggio Emilia (68 su 168.438); quindi Forlì (43 su 68.619); quindi Piacenza (42 su 77.562), il Circondario imolese (41 su 45.983), Cesena (38 su 81.900); infine Ferrara con 36 nuovi casi di positività su un totale da inizio pandemia di 103.217. Le persone complessivamente guarite sono 1.923 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 1.450.623.

VALLE D’AOSTA - Nelle ultime 24 ore in Valle D’Aosta sono 62 i nuovi positivi a fronte di 73 guariti. Gli attuali positivi sono 952 di cui 8 ricoverati in ospedale. Nessun paziente risulta ricoverato in terapia intensiva e non si registrano decessi di persone con diagnosi Covid. I nuovi casi testati nelle ultime 24 ore sono 56, i tamponi effettuati 399.

cms_26267/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_26267/mascherine.jpgMascherine al chiuso in Italia, fino a quando?

Mascherine al chiuso, fino a quando resteranno obbligatorie in Italia? La deadline è il 15 giugno quando - salvo un’eventuale proroga - il nostro Paese potrebbe dire ufficialmente addio alle mascherine praticamente ovunque. Ma, sulla possibilità che dopo questa data rimangano alcune misure anti-Covid come l’uso del dispositivo di protezione sui mezzi di trasporto pubblico, "sono tutte valutazioni ancora da compiersi, non c’è nessuna decisione già assunta" fa sapere il ministro della Salute Roberto Speranza.

cms_26267/Speranza_Roberto.jpg"L’altissima protezione dovuta al fatto che oltre il 90% degli over 12 ha completato il ciclo primario di vaccinazione e l’altissima protezione che ci fornisce il vaccino, sono la forza del Paese che ci fa guardare con fiducia alle prossime settimane. Nell’esperienza accumulata negli ultimi due anni l’estate è sempre stata il momento più facile da gestire per mille ragioni, anche perché le persone stanno all’aperto. Ma dobbiamo essere preparati, tutte le discussioni che stiamo facendo dal G7 all’Oms, alla Commissione europea, ci dicono che la partita non è finita", ha sottolineato il ministro aggiungendo: "Guardiamo con particolare attenzione quello che accade nell’altro emisfero, sono numeri che dobbiamo seguire con attenzione perché ci daranno delle indicazioni per il nostro autunno".

Quanto alla quarta dose di vaccino, “valuteremo con la nostra comunità scientifica, l’auspicio è che ci possa essere un nuovo vaccino adattato a varianti in autunno. E poi valuteremo con gli scienziati a quali fasce d’età offrirle. Il mio appello è però non aspettare per chi ha più di 80 anni, per chi vive in Rsa e chi tra 60 e 79 anni ha particolari fragilità, devono essere protetti".

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram