GOLEADA AZZURRA AL ‘MAPEI STADIUM’ E L’ITALIA TORNA AL SUCCESSO.

Mancini: “I ragazzi che sono andati in campo hanno fatto bene. I 37 risultati di fila? Siamo felici”.

GOLEADA_AZZURRA_AL_MAPEI_STADIUM.jpg

Dopo i due pareggi consecutivi, ottenuti contro Bulgaria e Svizzera, la nazionale italiana torna al successo battendo la Lituania per 5-0. Una vittoria prevedibile quanto utile sia per la classifica degli azzurri - in quanto permette di ristabilire le distanze dalla Svizzera - quanto per Mancini che può conquistare, così, il record mondiale di imbattibilità con 37 risultati utili consecutivi.

Un successo netto e meritato da parte dell’Italia nonostante la condizione fisica non ancora ottimale e l’ampio turnover annunciato dal CT azzurro alla vigilia. Troppa la differenza in campo tra le due squadre e tante le occasioni create dalla nazionale italiana. La Lituania, dal canto suo, ha giocato provando a sfruttare la propria fisicità e innalzando una barriera difensiva che, però, è crollata sotto i continui colpi degli azzurri.

cms_23102/2_Mancini_Ftg_IPA_OK.jpg

I ragazzi che sono andati in campo - ha dichiarato il CT, Roberto Mancini, ai microfoni di Rai 1 – hanno fatto bene, hanno fatto ciò che dovevano anche se gli avversari non erano di grande valore. Ma segnare tanti gol non è mai facile. Raspadori e Kean? Se si impegnano e lavorano con serietà avranno un grande futuro, ma dipende da loro. Tutti possono sbagliare, l’importante è restare calmi. I trentasette risultati utili consecutivi? Siamo felici”.

Questa volta, in effetti, l’Italia raccoglie quanto seminato. Segna tanti gol rischiando poco o nulla – anche per la pochezza degli avversari – mostrando quella concretezza che era mancata nelle due precedenti gare e che era costata all’Italia ben quattro punti, oltre alla compromissione della leadership nel girone.

Ma alla luce dei risultati di questo sesto turno l’Italia torna saldamente in testa alla classifica del Girone C con 14 punti seguita dalla Svizzera (8) che, però, ha due partite ancora da recuperare. Nel peggiore dei casi, pertanto, gli elvetici potrebbero solo raggiungere gli azzurri per poi giocarsi tutto nello scontro diretto del 12 novembre. Ma l’Italia sta messa bene anche come differenza reti e gol all’attivo. La qualificazione diretta verso ‘Qatar 2022’, dunque, è più concreta che mai.

LA PARTITA IN SINTESI

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

Con il 4-3-3 il CT azzurro, Mancini, manda in campo: Donnarumma; Di Lorenzo, Acerbi, Bastoni, Biraghi; Pessina, Jorginho, Cristante; Bernardeschi, Raspadori, Kean.

Con il 4-2-3-1, invece, il CT lituano, Razanauskas, schiera: Setkus; Lasickas, Klimavicius, Utkus, Slavickas; Dapkus, Slivka; Kazlauskas, Verbickas, Novikovas; Dubickas.

Parte subito forte l’Italia che chiude la gara già nella prima mezz’ora di gioco grazie alle reti di Kean (10’ e 29’) - la prima da due passi e la seconda con una conclusione al volo - Utkus (autogol al 14’) e Raspadori (24’) di rapina. Nella ripresa Mancini effettua altri cambi, ma non cambia l’atteggiamento propositivo dell’Italia. Arriva, così, anche il quinto gol con una fortunosa conclusione dal limite di Di Lorenzo (54’). Nel finale c’è spazio anche per Castrovilli (84’) che colpisce un clamoroso palo con un tiro dal limite.

(Foto da adnkronos.com Ipa e Fotogramma - si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos