GATTINI VIRTUALI VENDUTI PER MIGLIAIA DI DOLLARI

Nft: la nuova frontiera dell’arte?

1631243737GATTINI_VIRTUALI_VENDUTI_PER_MIGLIAIA_DI_DOLLARI.png

Fin dagli albori di Internet e dei social network, i gattini sono sempre stati i padroni indiscussi del Word Wide Web ed il recente boom degli Nft non fa eccezione. Prima di dire che cosa significa e cos’è un Nft bisogna parlare delle sue origini, ovvero quando nel 2017 lo studio canadese Dapper Labs sviluppò CryptoKitties, un gioco basato sulla tecnologia blockchain della cryptovaluta di Ethereum che consentiva ai giocatori di acquistare, allevare e rivendere gattini virtuali unici tra loro. Il gioco però coinvolse talmente tante persone da aver causato un aumento delle transazioni su Ethereum tanto da arrivare a coprire il 25% del traffico della piattaforma e a generare un giro d’affari equivalente a 19,6 milioni di dollari in poco tempo dal suo rilascio.

cms_23107/foto_1.jpg

Nft sta per “non fungible token”, ovvero un token unico e irripetibile nel suo genere che sta ad indentificare un insieme di informazioni digitali presenti all’interno di una blockchain che conferisce diritti e caratteristiche a un determinato soggetto (come ad esempio una foto, un video, un testo, ecc.…) e che una volta acquistato, diventa un attestato di proprietà e di autenticità registrato in una blockchain. I NFT attribuiscono dunque a una creazione digitale tutti i diritti che avrebbe fisicamente come opera, come la rarità, l’autenticità e la proprietà. Per utilizzare un parallelismo analogico, un NFT corrisponderebbe a una copia autografata di un oggetto, una sorta di pezzo da collezione, ma in versione digitale. Gli affari che si stanno facendo con gli Nft rendono bene la dimensione del fenomeno.

cms_23107/foto_2.jpg

Il primo tweet pubblicato su Twitter è stato certificato con Nft e ha raggiunto un valore di 2,5 milioni di dollari. L’autore è lo stesso Jack Dorsey, fondatore della piattaforma che nel lontano 2006 scriveva “just setting up my twttr”. Infine, la reazione iniziale di chiunque si approcci per la prima volta al curioso mondo degli Nft è quella di domandarsi che senso abbia acquistare, e di conseguenza rivendicare, la proprietà di un file, dal momento in cui esso può comunque essere copiato e "consumato" da tutti. Una risposta vera e propria non esiste, ma resta il fatto che nell’etereo e aleatorio universo virtuale gli Nft stiano introducendo per la prima volta introdotto il concetto di esclusività e di rarità.

Francesco Maria Tiberio

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram