GAS RUSSIA, DA OGGI STOP FORNITURA A FINLANDIA

Ucraina, Ungheria pronta a rinunciare a petrolio

1653113024394_PROVA_CRISI_UCRAINA_RUSSIA.jpg

cms_26130/gazprom_russia_logo_afp.jpgInterrotte da oggi le forniture di gas naturale dalla Russia alla Finlandia. Lo comunica una nota pubblicata sul sito web della società energetica finlandese Gasum, secondo cui "sono state interrotte le forniture di gas naturale alla Finlandia nell’ambito del contratto di fornitura di Gasum". "A partire da oggi - si precisa - durante l’imminente stagione estiva, Gasum fornirà gas naturale ai suoi clienti da altre fonti attraverso il gasdotto Balticconnector". In una nota, ieri Gazprom Export spiegava di aver "informato la società energetica finlandese Gasum che le forniture di gas naturale alla Finlandia nell’ambito del contratto di fornitura di Gasum saranno interrotte sabato alle 7". Le stazioni di rifornimento di gas di Gasum, si legge nella nota, "nell’area della rete del gas continueranno a funzionare normalmente".

"È altamente deplorevole che le forniture di gas naturale nell’ambito del nostro contratto di fornitura vengano ora interrotte. Tuttavia, ci siamo preparati con cura per questa situazione e a condizione che non ci siano interruzioni nella rete di trasporto del gas, saremo in grado di fornire gas a tutti i nostri clienti nei prossimi mesi ", affermava il Ceo di Gasum Mika Wiljanen.

***** ***** ***** ***** *****

Il più grande gruppo energetico ungherese è pronto a rinunciare al petrolio russo. Mol, che è in parte di proprietà statale - riporta l’agenzia ucraina Unian riprendendo il Financial Times - intende sviluppare un piano per abbandonare il petrolio russo.

cms_26130/MOL_UNGHERIA.jpg

"Dobbiamo ricostruire l’aereo in volo. Questo è un processo che dobbiamo pianificare fin da ora", ha affermato Zolt Huff, direttore della produzione, riferendosi alla necessità di un piano per consentire all’azienda di raffinare petrolio alternativo a quello russo, soluzione già in parte iniziata.

La società stima che la conversione di una raffineria a sud di Budapest che utilizzi una varietà di fonti diverse dal petrolio russo potrebbe costare fino a 700 milioni di euro e richiedere diversi anni prima che sia operativa.

(fonte AdnKronos - foto dal web)

Redazione Esteri

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos