False accuse ad un immigrato

Arrestati tre carabinieri

False_accuse_ad_un_immigrato.jpg

È accaduto a Giuliano (Na), dove i tre carabinieri - due ufficiali ed un appuntato - prestavano servizio.

La decisione presa dal Gip del tribunale di Napoli è scaturita da alcune accuse mosse nei confronti dei militari, i quali sono ora in stato di fermo per custodia cautelare.

cms_9557/2.jpg

Il reato loro contestato sarebbe riferito a false incriminazioni rivolte a un immigrato e il conseguente arresto di costui. Nello specifico, essi avrebbero accusato falsamente l’extra-comunitario di detenzione illecita di armi e conseguente probabile associazione dello stesso ad attività terroristiche.

Come afferma il procuratore aggiunto della Repubblica, Domenico Airoma, “le articolate attività di indagine hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei destinatari della misura cautelare”. “In particolare, - aggiunge - secondo l’ipotesi accusatoria, avvalorata dal gip, i tre, nell’ambito di attività di servizio istituzionale, procedevano a porre in arresto un cittadino extracomunitario, accusato falsamente di detenere armi clandestine per finalità di terrorismo internazionale”.

Le accuse a loro carico sono di falso ideologico, calunnia, detenzione e porto illegale di armi clandestine.

cms_9557/3.jpg

Secondo quanto si ipotizza circa la finalità di questa messa in scena, i militari dell’arma si aspettavano di ottenere un encomio, e invece il risultato è stato, figuraccia a parte, una incriminazione, la sospensione e il provvedimento di fermo a cui sono stati giustamente sottoposti.

In questo clima di razzismo alimentato da più fattori, c’è il rischio concreto che episodi come questo diventino sempre più frequenti. L’aria di “caccia all’untore” che si respira è estremamente deleteria e predisponente alla messa in circolazione di calunnie e false accuse in direzione dei più deboli, di coloro i quali spesso vivono ai margini della società.

Ci auguriamo, in tal caso, che i veri delinquenti vengano sempre individuati e assicurati alla giustizia, proprio come è accaduto per i tre dipendenti dell’arma.

L. D.A.

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram