EUTANASIA

Beppino Englaro: "Cittadini avanti rispetto a politica"

1639463035EUTANASIA.jpg

(AdnKronos - Sibilla Bertollini)"Citando Leonardo Sciascia, ’ad un certo punto della vita non è la speranza l’ultima a morire, ma il morire è l’ultima speranza’ è questo che andrebbe essenzialmente capito. I cittadini sul tema del fine-vita e il diritto all’autodeterminazione sono avanti rispetto alla politica. La Corte Costituzionale, d’altro canto, ha già dato delle indicazioni precise".

cms_24129/beppinoenglaro_fg.jpgCosì Beppino Englaro, il papà di Eluana, la giovane che è rimasta in stato vegetativo per 17 anni fino alla morte sopravvenuta il 9 febbraio 2009 a seguito dell’interruzione della nutrizione artificiale, interviene dopo che il ddl sul fine vita è approdato alla Camera. Beppino Englaro si è battuto per lunghi anni nelle aule della giustizia aprendo ad un ampio dibattito sul tema del fine-vita consentendo poi di giungere alla legge sulle disposizioni anticipate di trattamento (testamento biologico).

cms_24129/Eluana_Englaro.jpg"E’ evidente che i cambiamenti culturali hanno i loro tempi. Nella vicenda di Eluana - sottolinea all’Adnkronos Beppino Englaro - ci sono voluti 15 anni e 9 mesi, 5.750 giorni per venire a capo di una libertà e di un diritto fondamentale costituzionale, che era già chiaro per la famiglia nel gennaio del ’92. Era la prima volta che veniva rivendicata una libertà del genere e il contesto culturale non era pronto ad accettare la scelta di Eluana. Una sua scelta rimarca anche oggi a distanza di tempo. Grazie a questa vicenda oggi abbiamo ottenuto una legge e casi come quelli di Eluana possono essere evitati perché è possibile esprimere le proprie disposizioni anticipate di trattamento".

"Ora la questione è diversa e faccio un plauso all’Associazione Coscioni che porta avanti la sua battaglia. Possiamo considerarla - conclude - una evoluzione oltre la vicenda di Eluana, anche se quest’ultima - voglio ricordarlo a chi oggi fa ancora confusione - va distinta dal suicidio assistito che adesso si vorrebbe introdurre in Italia".

Redazione

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram