EDUCAZIONE CIVICA CON LE STEM?

Quello che forse non si sa delle discipline del metodo sperimentale

1650945581EDUCAZIONE_CIVICA_CON_LE_STEM.jpg

cms_25797/1.jpgLa tecnologia spesso viene vista come una sorta di materia di secondo piano che se c’è è bene, ma se non c’è cambia poco. In realtà questo modo di pensare è lo stesso che ha reso quasi incomprensibile il bando di concorso ministeriale inerente all’immissione in ruolo di docenti relativi a tali ambiti disciplinari, e pochi sanno che dietro le quattro discipline c’è un mondo didattico e docimologico che permette uno sviluppo di competenze trasversali, oltre che mirate, unico.

Chi ha avuto un percorso di studi di tipo industriale e/o ingegneristico ha ben compreso quanto sia stato produttivo e formativo poter mettere in pratica in ambito laboratoriale ciò che è stato trasmesso a livello teorico o verificato a livello scritto.

Lo sviluppo cognitivo dello studente si perfeziona e permette l’assorbimento degli apprendimenti principalmente nei contesti in cui è possibile sbagliare, quando il contesto è non giudicante, quando lavora in sinergia con i suoi pari spingendosi al confronto, al pensiero critico e all’apprendimento cooperativo. Questa corrente di pensiero, questo modo di insegnare, è stato da tempo applicato negli istituti tecnici e professionali in cui le attività laboratoriali l’hanno fatta da padrone in quanto molto più istruttive ed educative rispetto a numerose ore di lezioni frontali, e pian piano la scuola ha tentato di inserirla anche negli indirizzi di studio prettamente basati sull’apprendimento teorico (vedi i licei classici o scientifici tradizionali).

La mancanza, però, di competenze inerenti alle discipline del metodo sperimentale rischia di rendere poco produttiva ed efficace questa strategia didattica, spingendo, a volte, molti docenti a rinunciare in quanto si autovalutano non in grado di completare l’intera unità di apprendimento o l’intero progetto. E allora bisognerebbe cercare competenze all’esterno che, per attività non finanziate con fondi esterni, specialmente per le scuole del I ciclo di istruzione, risulta essere difficoltoso.

cms_25797/2_1650944303.jpg

Eppure le STEM, Science, Technology, Engineering & Math, rappresentano non solo le materie base del metodo sperimentale, ma oggi si intersecano perfettamente nel contesto di educazione civica specialmente nel periodo emergenziale che sommerge la scuola.

Infatti tali discipline permettono lo sviluppo, nello studente, del pensiero critico, forse l’elemento cardine dello sviluppo dell’essere nella sua essenza, che, un domani, lo renderà cittadino del mondo, in grado di capire e di selezionare ciò che giusto da ciò che è sbagliato, liberandosi dai canoni di pensieri anche provenienti dalla propria famiglia (vedi disparità di genere, intolleranza verso l’altro sulla base di etnie e preferenze personali e sessuali), permettendogli di crescere e di svilupparsi in verticale applicando quei principi di rispetto del sé, dell’altro, dell’ambiente che oggi fanno fatica ad essere recepiti rispetto all’essere trasmessi.

cms_25797/3.jpg

Le STEM offrono la possibilità di lavorare in gruppo alla pari, di cooperare, di giudicare e di giudicarsi, di rendersi conto che la propria idea o la propria parola non è quella che per forza di cose deve essere quella della ragione, in quanto tali discipline forniscono sempre un risultato oggettivo: o è corretto o non è corretto. E’ il principio del mondo binario, quel fantastico mondo dei numeri digitali dove tutto è categorizzato, tutto è progettabile, nulla è impossibile, quel mondo che ha generato le magie dell’informatica, figlia della matematica, che insieme alla tecnologia ha sviluppato l’ingegneria.

Se i docenti avessero competenze tali da spendere in ogni ordine di scuola si darebbe un contributo non indifferente allo sviluppo di competenze civiche e di cittadinanza anche digitale, limitando, forse, anche i fenomeni di (cyber)bullismo e l’immedesimazione in fashionblogger o socialblogger di dubbia provenienza, dai dubbi valori: come riportava Freud “l’euforia della massa comporta l’annullamento del pensiero critico favorendo la regressione a una condizione illusoria di onnipotenza

Ivano De Luca

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram