DAI CANNOLICCHI ALLE... BALENE E DINTORNI

DAI_CANNOLICCHI_ALLE_BALENE_E_DINTORNI_NR_13_I_SEGRETI_DELLA_PAROLE.jpg

cms_21185/1.jpg

Ho fatto spurgare i cannolicchi. Invece delle tre ore raccomandate, ho proceduto per ben ventiquattrore a cambiare più volte l’acqua (con un pizzico di sale). Devo costatare che sono tenacemente attaccati alla loro… ultima spiaggia. Due ore di lavoro per pulire poco più di un chilo di cannolicchi. Mi sovvengo di Darwin, degli evoluzionisti, dei creazionisti e del “Gesuita proibito” (Téilhard De Chardin), che li ha riconciliati. Come hanno dimostrato Miller-Yrei con il loro geniale procedimento nel 1953, la materia organica può formarsi da quella inorganica. La Terra sterile sarebbe diventata fertile quattro miliardi di anni fa. Con la sintesi degli aminoacidi. Lucy, la Eva – ava nostra più antica di cui si abbia notizia, vagava nell’Ogaden tre milioni e mezzo di anni fa.

Il genoma dell’Homo Sapiens è per il 98,5% uguale a quello degli scimpanzé. L’Homo Insipiens è quello ipotizzato nel film “Il Pianeta delle Scimmie”. Devasta la Terra e distrugge sé stesso. Cosicché l’evoluzione riprende il cammino dopo una pausa di riflessione, privilegiando le scimmie, che però scimmiottano gli humani (=tirati su dall’humus), munendosi di fucili.

Mi domando quanta differenza ci sia tra il genoma del cannolicchio e quello della balena. E tra quello dell’elefante e quello della pulce? Mi perdo in una serie di considerazioni sugli esseri viventi, costatando lapalissianamente che le piante (=esseri viventi) sono alla base dell’alimentazione di altri esseri viventi (erbivori), a loro volta alimento principe di altri essere viventi (carnivori).

cms_21185/2.jpgMa Darwin ha ragione: le specie che si adattano alle mutate condizioni ambientali sopravvivono. Lo dimostra la mia famiglia che (come tante altre) è sopravvissuta all’epidemia di Spagnola e alla Seconda Guerra Mondiale. Questione di fortuna, non di genoma, penso... Però ‘sti coronavirus sono impegnativi. O sono solo i Giannizzeri assoldati da Madre Terra stanca di sopportarci? Mistero.

Gli onnivori hanno più probabilità di farcela rispetto ai panda. Questi conoscono solo i germogli di bambù e sono sull’orlo dell’estinzione. Noi, i topi e i cinghiali, modestamente, mangiamo di tutto e di più. Potremmo riprodurci a velocità esponenziale fino a far scoppiare la Terra (ma quanto è bella!). Oppure sciamare verso altri pianeti del nostro sistema e perfino popolare esopianeti.

Chi sa se i viaggi spaziali non generalizzeranno l’uso di bistecche sintetiche (proteine ricavate oggi dal petrolio), Comunque, il riciclo delle “acque reflue” individuali attuato sulla ISS apre speranze per il futuro, Si risolverà una volta per sempre il problema dell’accesso all’acqua potabile. Il cerchio si chiuderebbe, permettendo di alimentare gli astronauti con meteoriti di passaggio, e a noi terrestri con tufo e calcari, senza più spargimento di linfa e / o di sangue…

Le divagazioni potrebbero continuare. Alla fine sorge spontaneo un senso di orgogliosa gratitudine per il cammino compiuto dalla materia con quella sintesi iniziata quattro miliardi di anni fa. Passata attraverso inimmaginabili mutamenti che fanno di “noi” i sopravvissuti alle mutazioni ambientali che hanno liquidato i Dinosauri Ci sono scienziati (= persone che conoscono i processi biochimici ecc.) che mettono in campo il Caso e la Necessità. Il geologo, paleontologo e teologo Téilhard de Chardin spiega l’evoluzione come una delle tante leggi inventate dal Creatore (al pari della gravitazione, dell’elettromagnetismo ecc.) per disciplinare l’Universo.

Trovo anch’io più appagante razionalmente e sentimentalmente l’idea che esista Qualcuno (Madre-Padre nostro celeste) con un progetto universale trascendente il mio comprendonio. Vediamo come va a finire.

Da qui,

Evoluzione.

Vertigini d’orgoglio al pensiero

di passato di specie mutate

e rimutate in ciò che sono.

Non so se il Tempo

che anima lo Spazio è Linfa

caduca d’una pianta eterna

che fa di ogni vita una pre-Vita

o musica di flauto incantatore

che trascina i sospiri delle cose

negli archivi di Dio. Certo è

il filo d’innocenza che lega

a lontani labirinti originali

e il desiderio della Conoscenza

che dà senso alla fatica di scavare

nell’agrodolce miniera dell’esistere.

Stella polare il lucore

che orienta la Speranza quando

rovino in fondo e, solo,

non voglio perdermi e arranco

su per impossibili pendii,

dove una forza profetica m’impegna.

E’ già in atto o tarda

un’ancestrale promessa

che mi filtra nelle limpide acque

del tuo Regno, Signore?

No, non saprò mai.

Ma so che la fine sempre,

solo la fine dà senso

all’inizio e al proseguimento.

E se il filo dell’incerto andare

si spezzasse improvviso proprio

quando più in fallo poso il piede,

vorrei essere l’acrobata

che lascia nell’urlo della pista

l’errore terminale, ma

non sentirmi per Te giammai perduto.

(da “Radiazioni di fondo”- Ed.Caramanica)

Antonio Villa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos