D-MONDO

Anche la disabilità è sexy!

1618540175D_MONDO_Anche_la_disabilità_è_sexy.jpg

cms_21594/1.jpgC’era una volta Armanda che un giorno, mentre leggeva il giornale, si è imbattuta in una notizia alquanto singolare. Una regista famosa, in vista del suo nuovo film, pubblica un casting che così annuncia: “Cercasi nano che faccia tenerezza”…

Suppongo vi starete chiedendo: “È mai possibile che al giorno d’oggi sia ancora radicato il pregiudizio per cui una persona con nanismo possa suscitare sentimenti di pietà e compassione?”

cms_21594/2.jpg

Con grande rammarico, mi viene da rispondere: purtroppo sì! Ma la protagonista di questo aneddoto, Armanda Salvucci, fondatrice dell’ Associazione Nessunotocchimario, non si è data di certo per vinta.

Così tra il 2016 e il 2017 viene lanciato Sensuability (https://sensuability.it/), un progetto che si pone l’obiettivo – come si legge nella presentazione sul sito - di “uscire vivi, gioiosi e gaudenti, dalla morsa dei tabù” sulla sessualità e disabilità, e di rispondere una volta per tutte ad interrogativi del tipo: “Perché la società è reticente a [...] raccontare e persino immaginare persone con disabilità alla ricerca del piacere sessuale?

cms_21594/3.jpg

Forse il corpo, le pulsioni erotiche e il desiderio sono un’esclusiva di chi non ha disabilità fisiche o cognitive? O le uniche risposte accettabili sono l’astinenza e l’assistenza sessuale?”.

cms_21594/4.jpg

Come spiega Salvucci, il titolo del progetto nasce dalla fusione di “due termini per molti inaccostabili quali “sessualità” e “disabilità” [...]”, ma Sensuability è inclusivo a 360 gradi, proprio perchè vuole arrivare a tutte e tutti, persone con disabilità (di ogni tipo) e non, modulandosi attraverso le forme d’arte più disparate: il cinema, la fotografia, la pittura, il fumetto.

Il progetto infatti ha origine con la realizzazione di un “mockumentary” (https://www.youtube.com/watch?v=-vs3U5rtf1Y&t=284s9 ovvero un falso documentario, che attraverso uno stile narrativo grottesco, non solo scardina tutti quei falsi miti che imperversano nell’immaginario collettivo - “Ma... É arrivato il circo?”/ “Bello grande sto lettone […] Ma a che ti serve?”/ “Se questa è la concorrenza... festa di alto livello, dicevano!” - ma mette a nudo anche quella parte emotiva delle persone con disabilità considerata dai più insolita e sconveniente, ossia quella della rabbia e dell’intolleranza - “Non c’è scampo! Sono dappertutto, anzi sembra quasi che ti seguano […] gli imbecilli!” - la quale, tuttavia alla fine lascia spazio al desiderio di promuovere una cultura veramente libera - “Poi inizi a pensare che questa non sia la soluzione migliore, e allora capisci che è il momento di fare la cosa giusta [...]”.

cms_21594/6.jpgNegli anni Sensuability cresce, e si trasforma in qualcosa di portata più ampia: il concorso di fumetti e illustrazioni Sensuability & Comics, che invita giovani artisti, affermati e non, a rappresentare il connubio disabilità – sessualità, superando quelle raffigurazioni che rimangono ancorate alle due visioni estreme “vittima/angelo ed eroe”.

Il concorso infine dà visibilità alle loro opere con la mostra “Te l’ha detto la mamma?” che da ormai tre edizioni si svolge presso la Casa del Cinema, a Roma: il tema principale della prima edizione (2019) è il fumetto nella sua forma più pura; nella seconda edizione (2020) è il cinema a fare da colonna portante;

l’ultima edizione (2021), a causa della situazione pandemica si realizza con il tour virtuale visitabile in qualsiasi momento su Sensuability

(https://sensuability.it/virtualtour2021/sensuability2021.html).

Dopo questa botta di creatività non mi rimane che chiedervi...Per voi la disabilità può essere sensuale?

fonte:

https://www.superabile.it/cs/superabile/tempo-libero/inchiostro/20210330-inchiostro-disabilita-sexy.html?fbclid=IwAR2jN1OLvSgcsl2J75auAN5vorqBLEUs41CwKCjT8RqOthyN3jtQeA9oYDM)

Claudio Imprudente

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram