CRISI UCRAINA: È UN GRANDE BLUFF?!?

CRISI_UCRAINA_È_UN_GRANDE_BLUFF!.jpg

Con un pizzico di onestà intellettuale sto constatando che la crisi Ucraina è lontana da giungere a una soluzione che porti nell’immediato a un vero cessate il fuoco e a un vero tavolo di negoziazione, possibilmente non mediato da Stati ambigui come la Turchia. Ogni guerra, sappiamo benissimo, include, dopo la fine delle ostilità, un negoziato. Solo una trattativa che accontenti tutte le parti in campo (USA inclusi), magari rimettendo sul “tavolo da gioco” le carte Crimea e Donbass al fine di far dividere (in un certo qual modo) equamente la posta tra russi ed ucraini, può essere auspicabile per un ritorno allo status quo ante il 20 febbraio 2014. Magari lasciare che il Donbass ritorni a essere realmente un’enclave di Mosca, considerate le popolazioni residenti russofone e i confini territoriali con la terra degli Zar (ogni riferimento a Putin non sarebbe casuale), e la Crimea sotto l’egida di Kiev. Devo anche sottolineare, però, l’enorme quantità di superficialità e ipocrisia, da una parte all’altra degli schieramenti, con il quale si sta portando avanti questa guerra di aggressione di Putin e (in risposta) per procura dagli USA. È ovvio che prima dell’invasione delle forze armate russe ci sono sempre stati in ballo in quella zona del pianeta, in primis, obiettivi geopolitici ed economici mondiali sia da parte degli Stati Uniti sia dalla Russia, che mettono in secondo piano quelli di natura etnico territoriale.

cms_27672/foto_1.jpeg

Sin dal 2014, con l’indipendenza della Crimea dall’Ucraina, conseguente a un referendum non riconosciuto dalla comunità internazionale, le due superpotenze hanno giocato sporco con le pedine sistemate sullo scacchiere a est della cortina di ferro, avviando una partita con le regole della Guerra Fredda. Fermo restando l’invasione militare da manuale lanciata da Vladimir Putin, l’intelligence americana, però, sotto il comando di Obama prima, passando da Trump dopo e infine con Biden, ha tergiversato voltando le spalle a un pericolo di cui erano a conoscenza anche i muri. Con il risultato che dalle scaramucce mortali tra indipendentisti del Donbass e forze regolari ucraine aiutate dai paramilitari neonazisti del battaglione Azov, si è passati a una vera e propria guerra tra due nazioni dalle similari origini etniche. La crisi Ucraina ha avuto inizio alla fine di febbraio di quest’anno. Sono trascorsi molti mesi, però, senza che nessuno, fino a oggi, avesse la meglio sull’altro. Il Capo di Stato ucraino Volodymyr Zelens’kyj ogni giorno dall’inizio delle ostilità canta vittoria, forte del sostegno militare della NATO in termini di forniture belliche, mentre dall’altra parte le truppe di Vladimir Putin conquistano e perdono ripetutamente terreno senza riuscire a portare a termine l’Operazione Speciale di “liberazione dell’Ucraina dai nazisti”.

cms_27672/foto_2.jpeg

Il programma di Mosca di chiudere la partita in pochi giorni, massimo un mese, alla fine non è riuscito. Putin, pertanto, nonostante l’aumento delle forze in campo, l’uso dell’aviazione per radere al suolo intere città, disseminando di morti (soprattutto gente inerme) gran parte dei territori prima occupati e poi perduti, l’utilizzo dei mercenari e l’arruolamento dei riservisti, continua a tenere alto l’allerta di un attacco con missili nucleari. Nel frattempo, due giorni fa Rai News ha ripreso alcune parole del Consigliere per la sicurezza nazionale degli Usa, Jake Sullivan, riguardo all’utilizzo di armi nucleari sull’Ucraina da parte della Russia, rilasciate durante la trasmissione del network NBC, Meet the Press: “se oltrepasserà questa linea, subirà conseguenze catastrofiche. Gli Stati Uniti reagirebbero con decisione”. Usare la minaccia nucleare come botta e risposta nel dialogo tra le due superpotenze fa rabbrividire! “Occhio per occhio e il mondo divenne cieco”, diceva il Mahatma Gandhi. Spero si tratti solo di un bluff giocato ad armi pari tra il Cremlino e la Casa Bianca, anche se dall’inizio del conflitto in palio come posta continuano a esserci i civili rei, in questo caso, di essere nati e cresciuti nel posto sbagliato.

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram