COVID E CURE,OK OMS A DUE FARMACI PER FORMA GRAVE E LIEVE

In Italia ulteriori 186.253 contagi e altri 360 morti - I dati delle Regioni - Covid Italia, epidemia verso picco: Rt, contagi, ricoveri - Covid, Dpcm slitta: continua confronto su ’esenti’ green pass

164222454215.jpg

cms_24462/OMS_VARIANTE_PERUVIANA.jpg

Covid e cure, ok Oms a due farmaci per forma grave e lieve

Novità nelle cure del Covid 19, l’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda altri due farmaci, baricitinib e sotrovimab. Baricitinib, già usato per il trattamento dell’artrite reumatoide, è fortemente raccomandato per i pazienti con malattia grave o in una situazione clinica critica, spiega l’Oms. Fa parte di una classe di farmaci chiamati inibitori della Janus chinasi (Jak), che sopprimono la sovrastimolazione del sistema immunitario. L’agenzia ginevrina suggerisce che venga somministrato con corticosteroidi. L’Oms ha anche raccomandato in via condizionale l’anticorpo monoclonale sotrovimab per il trattamento di Covid lieve o moderato in pazienti ad alto rischio di ricovero, ad esempio anziani, immunocompromessi, con condizioni di base come diabete, ipertensione e obesità, e non vaccinati.

Sotrovimab viene indicato come "alternativa a casirivimab-imdevimab, un cocktail di anticorpi monoclonali raccomandato dall’Oms nel settembre 2021 - ricorda l’Organizzazione - Sono in corso studi sull’efficacia degli anticorpi monoclonali contro" la variante "Omicron, ma i primi studi di laboratorio - precisa - dimostrano che sotrovimab mantiene la sua attività".

Le raccomandazioni di oggi, che costituiscono l’ottavo aggiornamento delle linee guida sulle terapie Covid-19, si basano sull’analisi di 7 studi che coinvolgono oltre 4mila pazienti con Covid non grave, grave e critico. Gli esperti che hanno redatto le linee guida hanno ha anche esaminato altri due farmaci per la patologia grave e critica da Sars-CoV-2: ruxolitinib e tofacitinib. Dati i loro effetti incerti, tuttavia, l’Oms ha formulato una raccomandazione condizionale contro il loro uso.

cms_24462/4.jpg

cms_24462/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 186.253 contagi e altri 360 morti

Sono 186.253 i contagi da coronavirus in Italia, secondo numeri e dati covid - regione per regione - inseriti nel bollettino di Protezione Civile e ministero della Salute. Registrati altri 360 morti da ieri. I nuovi casi sono stati individuati su 1.132.309 tamponi, l’incidenza è al 16,5%.

Sono 18.019 (+371) i pazienti covid ricoverati con sintomi. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 1.679 (+11). I guariti da ieri sono 125.199.

cms_24462/italia.jpg

I dati delle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 - 14 Gennaio 2022)

LOMBARDIA - Sono 33.856 contagi da coronavirus in Lombardia oggi, 14 gennaio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Si registrano altri 115 morti, che portano a 35.777 il totale dei decessi dall’inizio dell’emergenza. I nuovi casi sono stati rilevati su 214.163 tamponi effettuati, l’incidenza è al 15,8%. In terapia intensiva ci sono 262 persone (+5) mentre i ricoverati non in terapia intensiva sono 3.469 (+17).

Sono 10.450 i nuovi positivi nella provincia di Milano, di cui 4.188 a Milano città. Questi i dati delle altre province: Bergamo: 2.999; Brescia: 4.473; Como: 1.998; Cremona: 1.087; Lecco: 897; Lodi: 821; Mantova: 1.433; Monza e Brianza: 2.709; Pavia: 1.855; Sondrio: 961; Varese: 2.976.

LAZIO - Sono 15.307 i contagi da coronavirus nel Lazio oggi, 14 gennaio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati altri 25 morti. A Roma, segnalati 8.547 casi. In particolare, "su 28.112 tamponi molecolari e 74.020 tamponi antigenici per un totale di 102.132 tamponi, si registrano 15.307 nuovi casi positivi (+5.035); sono 25 i decessi (-9), 1.675 i ricoverati (+55), 204 le terapie intensive (stabile) e +5.204 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 14,9%. I casi a Roma città sono a quota 8.547. il valore Rt e l’incidenza nel Lazio sono più bassi di quelli nazionali, rispettivamente Rt a 1.13 (1.56 valore Italia) e incidenza a 1.392 per 100mila abitanti (1.988 valore Italia), mentre la diffusione di Omicron è di 2 punti superiore al valore italiano", dice l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Nel dettaglio, i casi e i decessi nelle ultime 24 ore nelle aziende sanitarie regionali. Asl Roma 1: sono 2.604 i nuovi casi e 5 i decessi; Asl Roma 2: sono 5.217 i nuovi casi e 5 i decessi; Asl Roma 3: sono 726 i nuovi casi e 3 i decessi; Asl Roma 4: sono 475 i nuovi casi e 1 decesso; Asl Roma 5: sono 1.355 i nuovi casi e 3 i decessi; Asl Roma 6: sono 1.100 i nuovi casi e 1 decesso.

Nelle province si registrano 3.830 nuovi casi. Asl di Frosinone: sono 833 i nuovi casi e 3 i decessi; Asl di Latina: sono 1.944 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl di Rieti: sono 644 i nuovi casi e 3 i decessi; Asl di Viterbo: sono 409 i nuovi casi e 1 decesso.

VENETO - Sono 18.357 contagi da coronavirus in Veneto oggi, 14 gennaio 2022, secondo i numeri covid del bollettino della regione. Si registrano altri 29 morti considerando la differenza tra il totale indicato ieri dal ministero della Salute e quello presente nel bollettino diffuso oggi dalla regione. I nuovi casi sono stati individuati a fronte di 28.746 molecolari e 115.415 antigenici.

I decessi covid da inizio pandemia sono 12.688. I pazienti covid ricoverati in ospedale sono 1.727,208 in terapia intensiva.

PIEMONTE - Sono 14.609 i contagi da coronavirus in Piemonte oggi, 14 gennaio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati altri 21 morti. I nuovi casi (di cui 12.392 dopo test antigenico) sono pari al 14% di 104.007 tamponi eseguiti, di cui 89.197 antigenici. Dei 14.609 positivi, gli asintomatici sono 10.134 (69,4%).

I ricoverati in terapia intensiva sono 147 (+1 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 1.930 (invariati rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 160.774. I tamponi diagnostici finora processati sono 12.862.604 ( + 104.007 rispetto a ieri).

Sono 21, 4 di oggi, i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid).

I pazienti guariti diventano complessivamente 499.632 (+ 12.331 rispetto a ieri).

CAMPANIA - Sono 20.206 i nuovi contagi da coronavirus oggi 14 gennaio in Campania, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 26 morti. Dei nuovi casi, 11.254 sono risultati positivi al tampone antigenico e 8.952 a quello molecolare. I test analizzati sono 100.228, di cui 59.122 antigenici e 41.106 molecolari. La percentuale di test risultati positivi sul totale dei test eseguiti è pari al 20,16%. Dei nuovi decessi, 20 sono avvenuti nelle ultime 48 ore e 6 in precedenza, ma registrati ieri.

Resta stabile il numero di pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 79 come ieri, mentre aumentano i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza, 1.191 (+37 rispetto al dato diffuso ieri).

EMILIA ROMAGNA - Sono 20.346 i contagi da coronavirus in Emilia Romagna oggi, 14 gennaio 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati altri 24 morti. I nuovi casi sono stati rilevati su 69.665 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi è quindi del 29,2%.

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 148 (-3 rispetto a ieri); l’età media è di 61,9 anni. Sul totale, 98 non sono vaccinati (zero dosi di vaccino ricevute, età media 60,5 anni), il 66,2%, mentre 50 sono vaccinati con ciclo completo (età media 64,4 anni).

Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 2.312 (+54 rispetto a ieri), età media 69 anni.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 2.971 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 479.992. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 276.793 (+17.351). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 274.333 (+17.300), il 99,1% del totale dei casi attivi.

VALLE D’AOSTA - Sono 587 i nuovi contagi da coronavirus oggi 14 gennaio 2022 in Valle d’Aosta, secondo dati e numeri dell’ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registra un altro decesso.

I nuovi casi di positività in Valle d’Aosta portano il totale delle persone contagiate dal virus da inizio emergenza ad oggi a 23.048. I positivi attuali sono 5994 di cui 5925 in isolamento domiciliare, 63 ricoverati in ospedale, sei in terapia intensiva. I guariti complessivi sono 16.560, +440 rispetto a ieri. I casi fino ad oggi testati sono 119.027 mentre i tamponi effettuati sono 395.407. Con il decesso di oggi salgono a 494 le persone decedute in Valle d’Aosta risultate positive al Covid da inizio epidemia.

SARDEGNA - Sono 1.549 i nuovi contagi da coronavirus oggi 14 gennaio in Sardegna, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 3 morti.

I nuovi casi individuati sulla base di 4.757 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 19.867 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 26 (2 in meno rispetto a ieri). I pazienti ricoverati in area medica sono 227 (4 in meno di ieri ). Sono 18.934 i casi di isolamento domiciliare (765 in più di ieri). Dei decessi: sono un uomo di 79 anni e una donna di 83, entrambi residenti nella Città Metropolitana di Cagliari, e una donna di 81 anni, residente nella provincia di Oristano.

CALABRIA - Sono 3.653 i nuovi contagi da coronavirus oggi 14 gennaio in Calabria, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 8 morti. I nuovi casi sono stati registrati su 12.383 tamponi effettuati. Sono +1.462 i guariti, mentre i decessi da inizio pandemia salgono a 1.708. Il bollettino, inoltre, registra +2.183 attualmente positivi, +16 ricoveri (per un totale di 415) e, infine, -2 terapie intensive (per un totale di 31).

FRIULI VENEZIA GIULIA - Sono 4.584 i nuovi contagi da coronavirus oggi 14 gennaio 2022 in Friuli Venezia Giulia, secondo dati e numeri dell’ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 12 morti. Nel dettaglio, oggi in Friuli Venezia Giulia su 11.605 tamponi molecolari sono stati rilevati 1.769 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 15,24%. Sono inoltre 19.526 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 2.815 casi (14,42%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 44 mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 369. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

Per quanto riguarda l’andamento della diffusione del virus tra la popolazione, la fascia d’età più colpita è quella da 0 a 19 anni (19,18%) seguita da 50-59 anni (18,19%), 40 a 49 anni (17,04%), 30-39 anni (15,27%), 20-29 (13,85%), 60-69 (8,77%), 70-79 (5,15%), 80-89 (2,14%), 90 e oltre (0,41%).

I decessi complessivamente ammontano a 4.324, con la seguente suddivisione territoriale: 1.049 a Trieste, 2.113 a Udine, 804 a Pordenone e 358 a Gorizia. I totalmente guariti sono 150.564, i clinicamente guariti 621, mentre le persone in isolamento sono 44.637. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 200.559 persone.

TOSCANA - Sono 11.859 i contagi da coronavirus in Toscana oggi, 14 gennaio 2021, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Si registrano altri 24 morti. I nuovi casi, 5.029 confermati con tampone molecolare e 6.830 da test rapido antigenico, portano il totale a 559.367 dall’inizio dell’emergenza sanitaria da Coronavirus. E sono il 2,2% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dell’1,9% e raggiungono quota 365.690 (65,4% dei casi totali).

Oggi sono stati eseguiti 22.670 tamponi molecolari e 48.425 tamponi antigenici rapidi, di questi il 16,7% è risultato positivo. Sono invece 17.609 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 67,3% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 185.878, +2,7% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.315 (19 in più rispetto a ieri), di cui 126 in terapia intensiva (3 in più). Oggi si registrano 24 nuovi decessi: 12 uomini e 12 donne con un’età media di 83,3 anni.

ABRUZZO - Sono 3.570 i nuovi contagi da coronavirus oggi 14 gennaio 2022 in Abruzzo, secondo dati e numeri dell’ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 8 morti. I nuovi casi positivi al Covid portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 159.002. Dei positivi odierni, 2.225 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 8 nuovi casi (di età compresa tra 71 e 96 anni, 2 residenti in provincia dell’Aquila, 3 in provincia di Chieti, 1 in provincia di Pescara, 1 in provincia di Teramo e 1 residente fuori regione) e sale a 2689. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 93.386 dimessi/guariti (+1382 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 62927 (+2180 rispetto a ieri), nel totale sono ricompresi anche 51.885 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche. Sono 350 i pazienti (+1 rispetto a ieri) ricoverati in ospedale in area medica; 41 (+4 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 62536 (+2175 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

PUGLIA - Sono 9.757 i nuovi contagi da coronavirus oggi 14 gennaio in Puglia, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 8 morti. I nuovi casi, individuati a fronte di 75.448 tamponi effettuati, sono così distribuiti per provincia: Bari: 8.631; Bat: 2.807; Brindisi: 2.601: Foggia: 3.111; Lecce: 3.872; Taranto: 3.103; Residenti fuori regione: 194; Provincia in definizione: 87.

Sono 84.659 le persone attualmente positive, 530 ricoverate in area non critica e 56 in terapia intensiva. Dati complessivi: 395.100 casi totali, 6.665.442 tamponi, 303.394 persone guarite e 7.047 decessi.

BASILICATA - Sono 921 i nuovi contagi da coronavirus oggi 14 gennaio in Basilicata, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano 1 morto. I nuovi casi, di cui 878 riguardano residenti, sono stati individuati su un totale di 2.648 tamponi molecolari. La persona deceduta risiedeva a Lagonegro, in provincia di Potenza. I lucani guariti o negativizzati sono 271. I ricoverati per Covid-19 sono 85 (+4) di cui 2 (-1) in terapia intensiva: 45 (di cui 1 in TI) nell’ospedale di Potenza; 40 in quello di Matera. Nel complesso gli attuali positivi residenti in Basilicata sono 13.082.

cms_24462/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_24462/picco_covid.jpgCovid Italia, epidemia verso picco: Rt, contagi, ricoveri

L’indice Rt a livello nazionale sale fino a 1,56. "Nel periodo 22 dicembre 2021- 4 gennaio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,56, in ulteriore aumento rispetto alla settimana precedente e ben al di sopra della soglia epidemica", rileva il report, smentendo previsioni relative ad una discesa già in atto. L’incidenza settimanale a livello nazionale "continua ad aumentare: 1.988 ogni 100.000 abitanti (7-13 gennaio) contro 1.669 ogni 100.000 abitanti (31 dicembre 2021-6 gennaio 2022).

Crescono anche i ricoveri in ospedale e l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva. "Il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 17,5% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 13 gennaio) contro il 15,4% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 06 gennaio). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 27,1% (rilevazione del ministero della Salute al 13 gennaio) contro il 21,6% (rilevazione del ministero al 6 gennaio)", si legge.

cms_24462/BRUSAFERRO.jpg"Nelle ultime settimane la crescita dell’incidenza è stata molto, molto significativa. Tutte le regioni hanno un Rt superiore a 1 che sappiamo essere la soglia epidemica. In alcuni casi raggiunge anche il valore di 2", evidenzia Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss). I casi crescono in ogni fascia d’età. "La fascia 20-29 anni è quella che ha il maggior numero di casi in aumento, seguita poi da 10-19 e 30-39. Tutte le altre sono a seguire. Se guardiamo poi le fasce d’età più giovani, vediamo che la curva è in crescita un po’ in tutte", afferma. Le proiezioni a 30 giorni sui ricoveri "mostrano una probabilità di occupazione dei posti letto di area medica significativamente presente in tutte le regioni". Che sarà "un po’ più contenuta per quanto riguarda la terapia intensiva".

L’Italia, nel complesso, vive "una situazione epidemica acuta. Per quanto riguarda i servizi ospedalieri, hanno un andamento che è sovrapponibile a quanto sta avvenendo anche negli altri Paesi europei ed è importante che la tendenza alla crescita dei ricoveri" per Covid "possa essere invertita, proprio per cercare di evitare dei sovraccarichi dei servizi che già oggi sono fortemente impegnati".

La diffusione della variante Omicron, intanto, è arrivata all’80,75%, "questo vuol dire che nei prossimi giorni sarà la dominante nel nostro Paese". Omicron "si avvia a diventare quella che caratterizza la circolazione e i nuovi casi che si verificano nel nostro Paese. C’è ancora una circolazione della variante Delta, intorno al 19-20%, che determina alcuni casi".

cms_24462/DPCM.jpgCovid, Dpcm slitta: continua confronto su ’esenti’ green pass

Slitta alla settimana prossima la firma del Dpcm legato all’ultimo decreto che ha introdotto, il 5 gennaio scorso, l’obbligo vaccinale per gli over 50. Il Dpcm in questione deve dettagliare le realtà in cui non sarà richiesto il super green pass - quello che possono esibire i vaccinati o guariti da Covid - o il semplice green pass per poter accedervi. Il Dpcm era atteso questa settimana, ma servirà ancora qualche giorno, riferiscono fonti di governo pur assicurando che non c’è stata alcuna frenata.

La bozza è sul tavolo, al centro di un confronto - "tecnico, non politico", sostengono le stesse fonti - che vede coinvolti i ministeri competenti, ovvero Salute, Giustizia, Pubblica amministrazione e Sviluppo economico. Ma se i primi tre dicasteri condividono la proposta di richiedere il green pass base - dunque in tasca non solo a vaccinati o guariti ma anche a chi esibisce l’esito di un tampone negativo - ad attività legate a esigenze alimentari (pizzicagnoli e supermercati) sanitarie (farmacie e parafarmacie) e di giustizia (le caserme dove poter sporgere denuncia se si è vittime di un reato) che abbiano il criterio dell’urgenza e dell’indifferibilità, il Mise sarebbe intenzionato ad allargare le maglie, includendo nel pacchetto, ad esempio, edicole e tabaccai, nonché i negozi più in generale, tra questi, ad esempio, fiorai, cartolerie, vivai, fotografi, librerie, esercizi dove si vendono giocattoli piuttosto che articoli sportivi. Si tratta delle realtà al dettaglio riportate nell’elenco 23 allegato al Dpcm del 2 marzo 2021.

Una richiesta, quella del dicastero guidato da Giancarlo Giorgetti, che dovrà essere considerata all’interno del tavolo di confronto, prima dell’interlocuzione con la presidenza del Consiglio preludio della firma. A questo punto attesa la settimana prossima.

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos