COVID,OMS: "MORTI REALI SONO 2-3 VOLTE PIU’ DI QUELLI DICHIARATI UFFICIALI"

In Italia ulteriori 5.218 contagi e altri 218 morti. I dati dalle Regioni. Rt in calo, tutta Italia zona gialla da lunedì

22_5_2021.jpg

cms_21965/2_OMS-logo.jpg

Covid, Oms: "Morti reali sono 2-3 volte più di quelli dichiarati ufficiali"

I 3,4 milioni di morti per Covid-19 attualmente segnalati all’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) "sono probabilmente sottostimati in misura significativa. Le cifre reali" potrebbero essere "almeno 2-3 volte superiori". A suggerirlo è l’Oms sulla base delle "stime di mortalità in eccesso per il 2020", calcolate nell’ambito della valutazione annuale sullo stato di salute del mondo, contenuta nel World Health Statistics report, pubblicato oggi.

"Al 31 dicembre 2020 - spiega in una nota l’agenzia Onu per la salute - stime preliminari suggeriscono che il numero totale di decessi nel mondo attribuibili alla pandemia di Covid-19 nel 2020 sia di almeno 3 milioni, cioè 1,2 mln in più rispetto agli 1,8 mln ufficialmente segnalati". Ogni Paese si trova ad affrontare diverse sfide per censire in maniera completa e corretta i decessi Covid, argomenta l’Oms che spiega come si stia "lavorando con tutte le parti interessate per perfezionare i modelli statistici e ottenere conteggi accurati".

La pandemia, continua l’ente, "pone gravi minacce alla salute e al benessere della popolazione a livello globale e ostacola i progressi nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile e degli obiettivi del ’triplo miliardo’ fissati dall’Oms. Con il 90% dei Paesi che ha segnalato interruzioni ai servizi sanitari essenziali e il 3% delle famiglie che spende più del 25% del proprio budget per l’assistenza sanitaria nel 2015, "la copertura sanitaria universale è maggiormente a rischio di restare indietro".

cms_21965/4.jpg

cms_21965/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 5.218 contagi e altri 218 morti

Sono 5.218 i contagi da coronavirus in Italia, secondo i dati, regione per regione, della Protezione Civile.

Ieri, nelle regioni, registrati altri 218 morti. Nelle ultime 24 ore eseguiti 269.744 tamponi, il tasso di positività è all’1,9%. Sono 51 i pazienti entrati nelle ultime 24 ore in terapia intensiva con il coronavirus mentre, considerando le persone dimesse, in rianimazione cala a 1.469 il numero totale dei ricoverati (-75). I ricoverati con sintomi sono 458 in meno in 24 ore, così il totale dei pazienti nei reparti covid scende a 9.925.

cms_21965/italia.jpg

I dati dalle Regioni

LOMBARDIA - Sono 847 i nuovi contagi da Coronavirus.Nella tabella si fa riferimento ad altri 11 morti.

LIGURIA - Sono 70 i nuovi contagi da Coronavirus. Nella tabella si fa riferimento ad altri 4 morti.

EMILIA ROMAGNA - Sono 412 i nuovi contagi da Coronavirus. Nella tabella si fa riferimento ad altri 7 morti.

CAMPANIA - Sono 705 i nuovi contagi da Coronavirus. Si registrano altri 107 decessi, 85 dei quali "si evincono da un’ulteriore e approfondita verifica effettuata dalle Asl e si riferiscono ai mesi precedenti" si legge nel bollettino diffuso dall’Unità di crisi della Regione Campania.

SARDEGNA - Sono 42 i nuovi contagi da Coronavirus. Si registrano altri 3 decessi.

LAZIO - Sono 471 i nuovi contagi da Coronavirus. Nella tabella si fa riferimento ad altri 11 morti.

CALABRIA - Sono 253 i nuovi contagi da Coronavirus. Registrati altri 4 morti.

PUGLIA - Sono 365 i contagi da Coronavirus. Si registrano altri 18 morti.

VALLE D’AOSTA - Nessun decesso e 13 nuovi contagi da Coronavirus.

FRIULI VENEZIA GIULIA - Sono 38 i nuovi contagi da Coronavirus. Si registrano altri 2 morti.

BASILICATA - Sono 62 i nuovi casi di positivi al Sars Cov-2 (60 sono residenti). Si registra 1 decesso.

VENETO - Sono 274 i contagi da Coronavirus. Si registrano altri 14 morti.

TOSCANA - Sono 392 i contagi da Coronavirus. Si registrano altri 11 morti.

MARCHE - Sono 176 i contagi da Coronavirus. Il rapporto positivi/testati è pari al 3%.

ABRUZZO - Sono 67 i contagi da Coronavirus. Si registrano altri 2 morti.

SICILIA - Sono 493 i nuovi contagi da Coronavirus. Nella tabella si fa riferimento ad altri 11 morti.

cms_21965/ITALIA_IN_GIALLO.jpg

Rt in calo, tutta Italia zona gialla da lunedì

Tutta Italia zona gialla da lunedì (ristoranti aperti, spostamenti liberi - resta il coprifuoco dalle 23 - e in generale regole meno stringenti) con l’incide Rt che è sceso ancora e la prospettiva del passaggio a breve di alcune Regioni in zona bianca.

cms_21965/Roberto_Speranza.jpg"L’Italia sarà tutta in area gialla" ha annunciato ieri sui social il ministro della Salute, Roberto Speranza. "E’ il risultato delle misure adottate finora, del comportamento corretto della stragrande maggioranza delle persone e della campagna di vaccinazione. Continuiamo su questa strada con fiducia, prudenza e gradualità" ha scritto il ministro. La nuova ordinanza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, entrerà in vigore a partire dal 24 maggio. In zona gialla dunque anche la Valle d’Aosta, unica Regione attualmente in zona arancione.

In Italia l’indice Rt è sceso a 0.78, la scorsa settimana era 0.86, e questa settimana accelera il calo nell’incidenza settimanale (73 per 100.000 abitanti (10/05/2021-16/05/2021) contro 103 per 100.000 abitanti (03/05/2021-09/05/2021) dati flusso ISS), secondo il monitoraggio della cabina di regia Covid-19. La campagna vaccinale progredisce sempre più velocemente e l’incidenza si avvicina a livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il contenimento dei nuovi casi.

cms_21965/giovanni-rezza-1200x1200.jpgIeri sono stati registrati 5.218 nuovi contagi e 218 morti, un bilancio, quello delle vittime, ha precisato Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute in conferenza stampa, "dovuto al recupero di dati relativi ai giorni precedenti". I dati di Covid-19 "parlano chiaro questa settimana. Siamo poco sopra i 5mila nuovi positivi. Quindi sicuramente il trend è in deciso miglioramento" ha sottolineato Rezza. "A cosa è dovuto questo miglioramento? A una serie di fattori - ha illustrato - abbiamo fatto circa 30 milioni di vaccinazioni e abbiamo 20 milioni di vaccinati con almeno una dose. Abbiamo inoltre un certo numero di persone che si sono immunizzate strada facendo, perché ammalate o infettate" e poi guarite "durante questo anno e mezzo" di pandemia, "e questo comporta un aumento della popolazione immune. E inoltre abbiamo preso nei mesi scorsi misure importanti che hanno contribuito a diminuire la trasmissione dell’infezione". Dunque i dati epidemiologici di questa settimana "ci ispirano un cauto ottimismo. La situazione sta decisamente migliorando ma, al tempo stesso, dobbiamo continuare a monitorarla e ispirarci a comportamenti prudenti e responsabili da parte della popolazione. Come, del resto, sta già avvenendo" ha affermato Rezza.

cms_21965/BRUSAFERRO.jpg"Il quadro epidemiologico di questa settimana è in deciso miglioramento" ha spiegato anche Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio della cabina di regia Covid-19. "Nel nostro Paese, la combinazione tra le misure adottate e dei vaccini fa sì che la curva italiana si configuri come assolutamente positiva in questo momento", ha detto Brusaferro. "Rt questa settimana si colloca su un valore di 0.78 rispetto allo 0.86 della scorsa settimana. Ma il dato più interessante è che il limite superiore è sotto il livello di 1. E questo è importante" ha evidenziato. Il dato dell’occupazione delle aree mediche e delle terapie intensive "è in decrescita. Per le terapie intensive siamo al 19% rispetto al 29% della settimana precedente. Siamo passati da 2.056 casi a 1.689 casi, al 19 maggio. Mentre per quanto riguarda le aree mediche siamo passati al 19%". E le proiezioni a 30 giorni sono di non saturazione e comunque "indicano un rischio basso in tutte le Regioni", ha concluso.

cms_21965/Pregliasco.jpg"Questa settimana abbiamo il primo dato effettivo dopo le riaperture e direi che sta andando bene" ha commentato all’Adnkronos Salute Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale di Milano. "Speriamo che rimanga così dal punto di vista della progressione - ha aggiunto l’esperto - e che il colpo di coda da parte del coronavirus davvero non ci sia in seguito, comunque, al maggior numero di contatti che le aperture stanno determinando". Quanto al fatto che alcune Regioni a breve potrebbero passare in zona bianca, Pregliasco ha osservato: "Il bianco dà proprio il senso del liberi tutti, quindi, se dipendesse da me, per il momento lo eliminerei proprio. Posso sembrare un po’ cattivo, lo so. Ma davvero la progressione è importante ed eviterei le zone bianche finché non si è raggiunto almeno il 50% di popolazione vaccinata".

cms_21965/giorgio-sestili.jpg"Tutti i parametri sono in netto miglioramento, l’incidenza di nuovi casi è in calo in tutte le Regioni" e "al momento non c’è nessun segnale che possa lasciar presagire un’inversione di tendenza. La combinazione tra le vaccinazioni e il caldo estivo sta dando ottimi frutti e al momento le riaperture non hanno dato alcun segnale di pericolo. Quindi sembra che stiamo andando verso una risoluzione del problema Covid. Siamo fuori dal tunnel" ha sottolineato all’Adnkronos SaluteGiorgio Sestili, fisico e ideatore della pagina Facebook ’Coronavirus - Dati e analisi scientifiche’. Cosa fare per non tornare indietro? "Serve continuare a fare il monitoraggio con gli screening - ha raccomandato Sestili - poi tornare a fare contact tracing, visto che l’incidenza sta scendendo sotto i 50 casi su 100mila abitanti. E poi tenere d’occhio molto bene le varianti".

cms_21965/Matteo_Bassetti,Infettirologo.jpgMentre Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria, ha replicato a quanto scritto dal ministro Speranza sui social: "Mi dispiace contraddire il ministro della Salute Roberto Speranza ma il beneficio in termini di riduzione dei casi non è legato alle chiusure ma è legato ai vaccini. Negarlo è errore. Questi buoni risultati sono legati per un 80% alle immunizzazioni che hanno messo al sicuro gli anziani e fragili, poi il 20% sarà legato alle altre misure. Qui nell’ospedale dove lavoro a Genova registro per il terzo giorno di fila neanche un ingresso Covid al Pronto soccorso, cosa che non si verificava dall’estate 2020". "Ora però serve più coraggio - ha aggiunto Bassetti - anche con iniziative sulle mascherine o sull’evitare di fare tamponi ai vaccinati: lavoriamo per togliere l’obbligo della mascherina all’aperto iniziando con i vaccinati. Poi chi vorrà potrà continuare anche ad usarla. Ma siamo in una situazione molto buona. Mi auguro - ha concluso - che nel breve si possa tornare a fare tutto: cinema e teatri pieni, stadi con i tifosi. Lo spero vivamente".

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos