COVID,MAXI-STUDIO CONFERMA CHE VACCINI MRNA SICURI IN GRAVIDANZA

In Italia ulteriori 26.693 contagi e altri 152 morti - I dati dalle Regioni - Rezza: "Dati in calo e no congestione ospedali ma virus circola"

13_8_2022.jpg

cms_27139/COVID_VACCINO_GRAVIDANZA.jpg

Covid, maxi-studio conferma: vaccini mRna sicuri in gravidanza

I vaccini anti-Covid a mRna sono sicuri in gravidanza. La nuova conferma arriva da un ampio studio canadese pubblicato su ’The Lancet Infectious Diseases’, dal quale emerge come i disturbi riportati entro la settimana successiva alla vaccinazione, che hanno richiesto assenza dal lavoro o da scuola o valutazione medica, siano stati addirittura meno frequenti tra le donne in attesa che fra quelle non incinte: 7,3% contro 11,3% dopo due dosi. Non solo: questo tipo di problemi è stato riferito anche dal 3,2% di un gruppo controllo formato da donne in gravidanza non vaccinate, elemento che suggerisce come alcuni dei sintomi sperimentati dalle mamme immunizzate potrebbero non essere nemmeno correlati all’iniezione anti Sars-CoV-2.

cms_27139/fx1_lrg.jpgL’indagine, promossa dalla Canadian Natioal Vaccinne Safety (Canvas) e coordinata dal British Columbia Children’s Hospital Research Institute, ha esaminato dati raccolti in sette province e territori canadesi tra il dicembre 2020 e il novembre 2021. Le donne in attesa valutate per eventuali effetti collaterali post-vaccino, di età compresa tra 15 e 49 anni, sono state oltre 191mila relativamente alla prima dose e quasi 95mila relativamente alla seconda. A tutte è stato chiesto di segnalare autonomamente eventuali effetti collaterali registrati nei 7 giorni successivi a ogni dose di vaccino. Al gruppo controllo di donne incinte non immunizzate è stato invece somministrato un questionario, nel quale dovevano indicare eventuali problemi di salute avuti nei 7 giorni precedenti la compilazione.

Delle donne in gravidanza vaccinate, il 4% ha evidenziato un evento di salute significativo (con assenza dal lavoro o da scuola, o comunque impossibilità a svolgere le normali attività quotidiane, o necessità di consulto medico) dopo la prima dose e il 7,3% dopo la seconda; si è trattato nella maggior parte dei casi di sensazione generale di malessere, mal di testa/emicrania, infezione delle vie respiratorie. Delle donne non incinte vaccinate, hanno riportato eventi sanitari significativi il 6,3% dopo la prima dose e l’11,3% dopo la seconda. Gli eventi gravi (da pronto soccorso o ricovero) sono stati rari, con tassi simili e inferiori all’1%, in tutti in gruppi. Casi di aborto spontaneo o bimbo nato morto sono stati riferiti dal 2,1% delle mamme non vaccinate e dall’1,5% di quelle vaccinate.

cms_27139/Manish_Sadarangani.jpg"Grandi studi osservazionali come il nostro - afferma Manish Sadarangani, primo autore del lavoro - sono cruciali per una corretta comprensione dei tassi di eventi avversi in gravidanza dopo diverse dosi di vaccini Covid-19.

Queste informazioni dovrebbero essere utilizzate per informare le donne in attesa sugli effetti collaterali che potrebbero verificarsi nella settimana successiva alla vaccinazione".

In un commento all’articolo, Sascha Ellington e Christine Olson dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani, non coinvolte nella ricerca, osservano che "questi risultati sono coerenti" con altri precedentemente emersi "e si aggiungono al crescente corpo di prove sulla sicurezza dei vaccini anti-Covid a mRna in gravidanza. L’adesione alla vaccinazione contro Sars-CoV-2 da parte delle donne incinte continua a essere inferiore rispetto a quella delle donne in età fertile non in gravidanza - evidenziano - Considerati i rischi di Covid grave nelle donne in attesa, è imperativo continuare a raccogliere e a diffondere dati sulla sicurezza e l’efficacia della vaccinazione Covid-19 in gravidanza, e incoraggiare gli operatori sanitari a promuoverla durante tutti i trimestri di gestazione".

cms_27139/4.jpg

cms_27139/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 26.693 contagi e altri 152 morti

Sono 26.693 i nuovi contagi da coronavirus in Italia, secondo i dati e i numeri Covid - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 152 morti (+22 rispetto al dato precedente). Sono 177.819 i tamponi processati (189.141 il dato precedente), tra molecolari e antigenici, che fanno rilevare un tasso di positività al 15%, stabile rispetto al dato precedente. In calo ricoveri per un totale di 8.043 (-315) e terapie intensive per un totale di 306 (-15).

cms_27139/italia.jpg

I dati dalle Regioni

(Bollettino Covid - 12 Agosto 2022)

LAZIO

Sono 2.106 i nuovi contagi da coronavirus oggi 12 agosto 2022 nel Lazio, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 5 decessi. I ricoveri sono 868 (+14), 54 le terapie intensive (-2) e 5.413 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 14,8%. I casi a Roma città sono a quota 915. Nel dettaglio i contagi e i decessi nelle ultime 24 ore nelle aziende sanitarie regionali. Asl Roma 1: sono 281 i nuovi casi e 1 decesso; Asl Roma 2: sono 372 i nuovi casi e 3 i decessi; Asl Roma 3: sono 262 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl Roma 4: sono 100 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl Roma 5: sono 179 i nuovi casi e 1 decesso; Asl Roma 6: sono 209 i nuovi casi e 0 i decessi. Nelle province si registrano 703 nuovi casi: Asl di Frosinone: sono 262 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl di Latina: sono 262 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl di Rieti: sono 69 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl di Viterbo: sono 110 i nuovi casi e 0 i decessi.

LOMBARDIA

Sono 2.975 i nuovi contagi Covid registrati in Lombardia oggi, 12 agosto 2022, secondo il bollettino della Regione. I tamponi effettuati sono stati 23.125, per un tasso di positività del 12,8%. I morti sono stati 44, per un totale di 41.919 decessi da inizio pandemia. I ricoveri ordinari negli ospedali lombardi sono 1.010 (-45) mentre quelli in terapia intensiva 28 (-13). Lo riferisce la Regione nel bollettino quotidiano. In provincia di Milano i nuovi positivi sono 728 di cui 559 a Milano città. A Bergamo 284, a Brescia 490, a Como 137, a Cremona 164, a Lecco 94, a Lodi 94, a Mantova 206, a Monza e Brianza 211, a Pavia 195, a Sondrio 71 e a Varese 236.

EMILIA ROMAGNA

’’Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.791.309 casi di positività, 2.061 in più rispetto a ieri, su un totale di 10.168 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 5.500 molecolari e 4.668 test antigenici rapidi. 13 i morti. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 20,3%.I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 41 (+2 rispetto a ieri, +5%), l’età media è di 66,9 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.337 (-74 rispetto a ieri, -5%), età media 75,7 anni.Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 2 a Piacenza (invariato rispetto a ieri); 2 a Parma (-1); 3 a Reggio Emilia (invariato); 4 a Modena (invariato); 11 a Bologna (+2); 3 a Imola (invariato); 7 a Ferrara (+1); 2 a Ravenna (+1); 1 a Forlì (-1); 2 a Cesena (invariato); 4 a Rimini (invariato)’’. Lo comunica la Regione Emilia Romagna. ’’Le persone complessivamente guarite sono 3.797 in più e raggiungono quota 1.736.791.Purtroppo, si registrano 13 decessi:1 in provincia di Parma (un uomo di 69 anni); 4 in provincia di Reggio Emilia (due donne di 86 e 98 anni e due uomini di 86 e 88 anni); 1 in provincia di Modena (un uomo di 84 anni); 4 in provincia di Ferrara (due donne di 77 e 80 anni e due uomini di 77 e 89 anni); 1 in provincia di Ravenna (un uomo di 85 anni); 1 in provincia di Rimini (un uomo di 83 anni) e 1 fuori regione, un uomo di 58 anni il cui decesso è stato registrato dall’Ausl di Ferrara.Non si registrano decessi nelle province di Piacenza, Bologna, Forlì-Cesena e nel Circondario Imolese.In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 17.708. Rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi è stato eliminato 1 caso positivo in quanto giudicato non Covid-19’’.

TOSCANA

Sono 1.246 i nuovi contagi da coronavirus oggi 12 agosto 2022 in Toscana, secondo dati e numeri dell’ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 10 decessi. Nel dettaglio, in Toscana sono 1.358.543 i casi di positività al coronavirus, 1.246 in più rispetto a ieri (247 confermati con tampone molecolare e 999 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 1.261.997 (92,9% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 1.106 tamponi molecolari e 8.619 tamponi antigenici rapidi, di questi il 12,8% è risultato positivo. Sono invece 1.746 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 71,4% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 86.003, -0,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 489 (42 in meno rispetto a ieri), di cui 17 in terapia intensiva (2 in meno). Oggi si registrano 10 nuovi decessi: 2 uomini e 8 donne con un’età media di 88,9 anni. L’età media dei 1.246 nuovi positivi odierni è di 52 anni circa.

ABRUZZO

Sono 1.135 i casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 523.475. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 5 nuovi casi e sale a 3.574. Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 25.252 (-13 rispetto a ieri). Di questi, 230 pazienti (-8 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 9 (+1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre i restanti sono in isolamento domiciliare. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

SARDEGNA

Sono 715 i nuovi contagi da covid in Sardegna secondo il bollettino di oggi, 12 agosto. Si registrano inoltre altri 2 morti. 622 i nuovi casi diagnosticati da antigenico. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 3.239 tamponi. Si registrano 2 decessi: due donne di 80 e 96 anni, residenti nella provincia del Sud Sardegna. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 11 (+ 2). I pazienti ricoverati in area medica sono 132 (- 16). 18.660 sono i casi di isolamento domiciliare (- 859).

BASILICATA

In Basilicata sono 275 i nuovi casi di Sars Cov-2, su un totale di 1.136 tamponi eseguiti, e non si registra alcun decesso per Covid-19. Sono i dati del bollettino della task force regionale riferito a oggi, 12 agosto 2022. Nello stesso report sono state registrate 285 guarigioni. I ricoverati per Covid-19 sono 57 (-1) di cui 2 (-1) in terapia intensiva: 25 (di cui 2 in TI) nell’ospedale di Potenza; 32 in quello di Matera. Nel complesso gli attuali positivi residenti in Basilicata sono 8.722.

cms_27139/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_27139/rezza_giovanni.jpgRezza: "Dati in calo e no congestione ospedali ma virus circola"

"Continua a diminuire il tasso di incidenza di casi di Covid-19 nel nostro Paese, che questa settimana raggiunge i 365 casi per 100mila abitanti. Anche l’Rt mostra una tendenza alla discesa, siamo ormai allo 0,81, quindi ben al di sotto dell’unità. Il tasso di occupazione dei posti letto di ara medica e di terapia intensiva è rispettivamente al 13% e al 3,2%, quindi non si assiste ad alcuna congestione delle strutture sanitarie. Il virus però continua a circolare. E’ bene quindi fare un richiamo alla prudenza, alla responsabilità, soprattutto in presenza di grandi aggregazioni". Così il Direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute Giovanni Rezza, in un video di commento ai dati del monitoraggio settimanale Istituto superiore di sanità-ministero della Salute sull’andamento della pandemia.

Rezza ricorda quindi "innanzitutto" che "è possibile effettuare la quarta dose soprattutto agli ultra60enni e alle persone fragili per evitare le conseguenza gravi della malattia".

Il monitoraggio dell’Iss, "conferma la diminuzione dell’incidenza" di Covid-19 in Italia "per la quarta settimana consecutiva", con "una ulteriore riduzione della velocità di trasmissione a valori inferiori alla soglia epidemica. Si osserva una diminuzione nei tassi di occupazione dei posti letto in area medica e terapia intensiva". Questo il quadro tracciato dal monitoraggio settimanale Istituto superiore di sanità-ministero della Salute sull’andamento della pandemia, a fronte del quale "si ribadisce la necessità di continuare a rispettare le misure comportamentali individuali e collettive previste/raccomandate, l’uso della mascherina, aerazione dei locali, igiene delle mani, ponendo attenzione alle situazioni di assembramento".

"L’elevata copertura vaccinale, il completamento dei cicli di vaccinazione ed il mantenimento di una elevata risposta immunitaria attraverso la dose di richiamo, con particolare riguardo alle categorie indicate dalle disposizioni ministeriali - si ripete nel report - rappresentano strumenti necessari a mitigare l’impatto soprattutto clinico dell’epidemia".

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram