CON UN GOL DI MONTALTO IL BARI VINCE A PAGANI E PRESSA LA TERNANA

Auteri: “Vittoria sporca, ma legittima su un campo irregolare”

CON_UN_GOL_DI_MONTALTO_IL_BARI_VINCE_A_PAGANI_E_PRESSA_LA_TERNANA.jpg

Come da pronostico il Bari vince anche al “Marcello Torre” di Pagani. Un’altra vittoria importante per la squadra biancorossa che può restare aggrappata al secondo posto dietro alla capolista Ternana, protagonista assoluta di questo inizio di campionato.

Un successo che permette al Bari di ottenere la nona vittoria stagionale - la terza consecutiva - nonché il sesto successo in trasferta (terzo consecutivo).

Diversa, invece, la situazione della Paganese che in casa non ha ancora mai vinto (4 pareggi e 3 sconfitte) e nelle ultime cinque gare ha conquistato appena tre punti, frutto di 3 pareggi e 2 sconfitte.

Eppure, nonostante questi numeri, non è stata una gara semplice. Il Bari, infatti, complice un terreno in pessime condizioni, ha faticato parecchio a costruire gioco e a trovare l’imbeccata giusta.

cms_20224/2_Auteri_Ssc_bari_ok.jpg

“Una vittoria importante perché abbiamo mostrato anche un’altra faccia – ha dichiarato il tecnico Auteri ai microfoni di RadioBari – ma anche legittima perché ottenuta come dovevamo su un terreno pesante e irregolare. Su questi campi i valori tecnici si annullano e la Serie C è anche questa. È stata una partita sporca interpretata come si doveva, dove il Bari ha giocato con il giusto temperamento. Ma siamo stato compatti e solidi rischiando solo qualche traversone. Una partita diversa per questi motivi, ma non bisogna cercare il pelo nell’uovo”.

In effetti non era semplice giocare palla a terra con scambi veloci proprio perché il terreno di gioco era al limite della praticabilità. Il Bari, così, ci ha provato con conclusioni dalla distanza – soprattutto nel primo tempo - ma mai pericolose e peraltro finite abbondantemente fuori dalla porta difesa dal portiere Campani. Sull’altro versante, invece, neppure un tiro in porta. Si assiste così ad un primo tempo abbastanza tranquillo il cui equilibrio viene interrotto dal gol realizzato da Montalto (32’), direttamente su punizione. Avaro di emozioni anche il secondo tempo con il Bari che controlla abbastanza agevolmente gli attacchi campani e si rende pericoloso solo con la conclusione ravvicinata di Maita (75’), deviata da Campani.

La gara, dunque, non è stata spettacolare, ma la squadra biancorossa doveva vincere per cercare di mettere pressione alla Ternana (che scenderà in campo dopo il Bari) e allo stesso tempo cercare di mantenerne il passo. E così è stato. Ha lottato su ogni pallone, senza rischiare nulla neppure nella ripresa, ad eccezione della traversa colpita per un cross non velleitario di Diop. Merito sicuramente della squadra, ma soprattutto della difesa sempre attenta in tutti i novanta minuti. Un aspetto di non poco conto se pensiamo che, per la prima volta in questa stagione, il Bari riesce a non subire gol per tre giornate consecutive. Premesso ciò, non si può non sottolineare l’ottima prova di Maita - il più continuo dall’inizio della stagione - e di Di Cesare che ha giganteggiato nell’area di sua pertinenza.

Ci sarà tempo, dunque, per vedere spettacolo e bel gioco ricordando che i campionati si vincono anche con queste partite sporche.

(Foto di sscalciobari.it e Rino Lorusso – si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos