CONTINUANO LE RICERCHE DI MONITORAGGIO CIVICO SUL TERRITORIO DI POGGIARDO DELL’IISS DON TONINO BELLO – NINO DELLA NOTTE

1646278831CONTINUANO_LE_RICERCHE_DI_MONITORAGGIO_CIVICO_SUL_TERRITORIO_DI_POGGIARDO___DELL’IISS_DON_TONINO_BELLO_–_NINO_DELLA_NOTTE_.jpg

Con il progetto ministeriale A Scuola di OpenCoesione l’istituto affida ai suoi Paladini dei Tratturi le ricerche sul progetto del SAC

Anche quest’anno l’IISS Don Tonino Bello – Nino Della Notte di Tricase, Alessano e Poggiardo (LE) si occupa di monitoraggio civico attraverso la piattaforma ASOC (A Scuola di OpenCoesione) e nomina gli studenti delle classi 2A, 4AA e 4AD del liceo artistico di Poggiardo come Paladini dei Tratturi. Superare l’idea infondata di un Salento povero, desertificato e arido è l’obiettivo prioritario del progetto SAC “SERRE SALENTINE” – SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE che i Paladini hanno scelto di monitorare.

cms_25042/poggiardo-istituto-della-notte-653x367.jpg

Il piano di azione prende avvio dall’esigenza di rivalutare tutti gli elementi naturalistici e culturali, vanto di questo territorio, al fine di creare un mosaico che tenga conto delle tradizioni salentine in un contesto di sviluppo nuovo e attuale.

L’obiettivo del progetto è quello di sperimentare forme integrate di fruizione dei beni culturali sulla base delle peculiarità del territorio le cui risorse, distribuite in maniera puntiforme e di interesse prettamente locale, possono rappresentare un’attrattiva turistica e produttiva funzionale allo sviluppo. Il progetto, pertanto, inserisce i beni territoriali in un "sistema" capillare in grado di "infrastrutturare" una efficiente rete di servizi interconnessi. Al progetto sono annessi diversi interventi per la tutela e la valorizzazione dei patrimonio storico-artistico con il coinvolgimento di 16 comuni di cui il comune di Poggiardo è capofila e si è sviluppato in un periodo che va dal 2010 al 2018.

Nella prima fase progettuale il comune di Poggiardo ha provveduto all’installazione di una postazione di bike sharing con l’acquisto di 100 biciclette; ha acquistato un pulmino per il trasporto e l’assistenza al servizio; ha installato pensiline per la fermata degli autobus e pannelli luminosi pubblicitari. In una seconda fase progettuale si è provveduto a creare una rete di collegamento tra i diversi siti con la creazione di itinerari turistici consultabili in forma cartacea e digitale (attraverso applicazione disponibile con QR code), con l’installazione di una biglietteria unica, collegata ad altri servizi del territorio (alberghi, ristoranti, centri d’interesse). Nell’ultima fase sono stati inseriti nel sistema interventi di recupero e valorizzazione non solo sul territorio di Poggiardo, ma anche nei comuni limitrofi, sono state avviate inoltre alcune collaborazioni con attività già in essere come laboratori archeologici accessibili anche alle scuola.

cms_25042/2_1646278026.jpg

Il progetto ha inoltre innestato sulla scia del proprio sviluppo tutto il patrimonio immateriale del territorio, facendo tesoro di eventi culturali, tradizioni gastronomiche, fiere locali, feste patronali, attività laboratoriali legate ai musei e ai centri di interesse archeologico e paesaggistico.

Il SAC ha avuto il merito di concepire un SISTEMA di valorizzazione dei propri tesori che, riprendendo linfa vitale dalle opere di restauro sostenute e dai servizi ad esse annessi, hanno reso complementari le loro potenzialità.

I servizi associati al progetto sono funzionali alle esigenze di un’utenza molto eterogenea: le visite guidate e i percorsi cicloturistici sono stati pensati per visitatori amanti della natura e della storia locale, le attività laboratoriali sono fruibili da un’utenza più giovane, gli eventi culturali ed enogastronomici attraggono visitatori più interessati al patrimonio delle tradizioni salentine. La varietà dei beni interessati dalla valorizzazione ha dato un impulso considerevole all’economia del territorio, garantendo la crescita e lo sviluppo delle attività associate direttamente e indirettamente al progetto: le attività commerciali, il settore turistico e della ristorazione, i servizi di trasporto, le imprese agricole e manifatturiere interessate nelle fiere e negli eventi legati alla tradizione, tutte le aziende coinvolte nella manutenzione dei beni. A questo si aggiunge la richiesta di figure qualificate e di supporto alla gestione dei servizi che ha ampliato le opportunità di impiego offerte ai locali.

cms_25042/3.jpg

Il progetto ha pertanto promosso e tutelato l’identità, l’integrità e l’unitarietà delle risorse locali. Negli ultimi anni il territorio ha beneficiato di un significativo aumento di visitatori. L’incremento turistico ha portato alla nascita di alberghi diffusi e di nuovi servizi legati alla ristorazione, incentivando l’economia del territorio.

Accanto al turista tipicamente estivo, affascinato dalla bellezza e dalla fama della costa salentina, il SAC attrae un nuovo visitatore interessato maggiormente al patrimonio culturale e ambientale. Poggiardo ha ampliato così il suo potenziale attrattivo, richiamando un turista di nicchia (storico-naturalista, straniero, over 60) e stimolando la conoscenza dell’entroterra salentino, meno conosciuto ma non per questo meno interessante.

Leonardo Bianchi

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos