CASERTA: GIOVANE DONNA UCCISA (PER GIOCO) NELLA SUA CAMERA DA LETTO

CASERTA_GIOVANE_DONNA_UCCISA_(PER_GIOCO)_NELLA_SUA_CAMERA_DA_LETTO.jpg

Uno scenario agghiacciante quello che emerge dalla tragedia avvenuta nelle primissime ore della mattina dello scorso ventisette ottobre nell’alto casertano.

cms_28055/1.jpgFrancesca Compagnone, 28enne residente a Teano in provincia di Caserta, è stata uccisa da un uomo di 23 anni che le ha sparato un colpo di fucile. Da una prima ricostruzione dei fatti è emerso che, poco prima dell’accaduto, entrambi si trovavano nell’abitazione della ragazza e precisamente in camera da letto. Il ragazzo avrebbe imbracciato l’arma, un fucile semiautomatico, che avrebbe puntato contro la ragazza colpendola mortalmente. Ad ora l’uomo si trova in stato di fermo con l’accusa di omicidio colposo, ma è ancora da chiarire se il colpo sia partito per errore. Da quello che emerge potrebbe trattarsi di un gioco finito male e dall’imperizia a maneggiare un fucile che avrebbe fatto partire il colpo divenuto letale per la povera ragazza.

E’ stato lo stesso autore dell’omicidio ad allertare immediatamente i soccorsi i quali, giunti sul posto, hanno immediatamente accertato la morte della donna. Sul luogo, oltre all’arma del delitto, sono stati trovati e sottoposti a sequestro anche due fucili con canne sovrapposte.

cms_28055/2_1666928860.jpgImmediatamente i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Capua, insieme ai militari della Stazione di Pietramelara, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per omicidio colposo del 23enne moldavo indagando come mai ci fosse un fucile carico in casa. Il giovane, residente a Riardo, dopo l’arresto è stato posto a disposizione della competente autorità giudiziaria intervenuta sul posto e dopo aver passato una notte in caserma, potrebbe essere interrogato in tribunale nelle prossime ore. Sulla salma di Francesca invece, sarà presto effettuato un esame autoptico per capire bene le dinamiche del suo decesso.

Anna Di Fonzo

Tags:

Lascia un commento

Emanuele

Anche se fosse stato un gioco finito male,non capisco come mai questa persona abbia in casa armi e munizioni,sicuramente ci saranno attente indagini da parte delle autorità competenti per chiarire il tutto.....
Commento del 13:51 28/10/2022 | Leggi articolo...



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram