Bonus assunzioni, a chi spetta: le novità (Altre News)

Voucher 500 euro tablet e pc, chi può richiederlo - Atlantia: "Soluzioni alternative per vendita Aspi"

ECONOMIA_5_8_20.jpg

Bonus assunzioni, a chi spetta: le novità

cms_18556/coronavirus_operaio_fg.jpg

Il bonus assunzioni a chi spetta? C’è una precondizione fondamentale per l’accesso agli sgravi contributivi per i nuovi assunti a tempo indeterminato (esonero dal pagamento per sei mesi, fino a dicembre, premi Inail esclusi). Per ottenere il cosiddetto ’bonus assunzioni’ previsto dal decreto Agosto, prossimo al varo, come sottolinea laleggepertutti.it, l’impresa deve avere un saldo occupazionale positivo.

Ciò significa che le nuove assunzioni devono comportare un incremento occupazionale netto, che viene individuato facendo la differenza tra il numero dei lavoratori in ciascun mese e il numero dei lavoratori mediamente occupati nell’anno che ha preceduto l’assunzione.

Un requisito che potrebbe escludere molti dall’incentivo a prendere nuovo personale con un contratto stabile. Nell’articolo si evidenzia che Il Sole 24 Ore fa notare che «l’introduzione di simili condizionalità ha ridotto notevolmente l’effetto della decontribuzione», in esperienze precedenti. È il quotidiano di Confindustria a dare notizia di una riunione tra ministero del Lavoro e dell’Economia per rivedere alcuni punti critici del pacchetto di misure sul lavoro contenuto del decreto Agosto. Tra i nodi da sciogliere, anche questo freno potenziale all’agevolazione, che rischia di neutralizzare il beneficio.

Le imprese che rispondono a questo requisito del saldo occupazionale positivo e assumono lavoratori a tempo indeterminato, secondo quanto previsto dal decreto Agosto, potranno non pagare i contributi previdenziali (dovranno comunque continuare a versare l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche) per un massimo di sei mesi a partire dall’assunzione. L’incentivo è riconosciuto fino al 31 dicembre. L’incremento della base occupazionale va considerato al netto delle diminuzioni occupazionali verificatesi in società controllate o collegate o facenti capo, anche per interposta persona, allo stesso soggetto.

Probabilmente servirà un’altra riunione in videoconferenza per mettere a punto i dettagli del provvedimento, prima del prossimo Consiglio dei ministri di giovedì. Per il sostegno al lavoro, oltre al bonus assunzioni, il dl prevede la proroga di 18 settimane della Cig Covid, con un contributo da pagare per il datore di lavoro che, dopo aver usufruito già delle prime nove settimane, si avvale anche delle altre nove. Esonerati dal contributo gli imprenditori che abbiano avuto perdite di fatturato superiori al 20%. Nella bozza del decreto c’è anche un incentivo per i datori di lavoro privati che non beneficiano della nuova proroga ma hanno già usato la Cig Covid a maggio e giugno: sono esonerati dal versare i contributi previdenziali per quattro mesi al massimo, fino al 31 dicembre. Prorogato anche il blocco dei licenziamenti.

Voucher 500 euro tablet e pc, chi può richiederlo

cms_18556/pc_tastiera_Afp.jpg

La Commissione europea ieri ha dato via libera ai voucher previsti dall’Italia per sostenere le famiglie più deboli nel dotarsi di connessione a Internet e di un personal computer o un tablet. ’’Ha riconosciuto la legittimità del regime di aiuto che permetterà alle famiglie con reddito Isee inferiore ai 20mila euro di poter beneficiare, dopo l’estate, di un voucher fino a 500 euro: per accedere a servizi di connettività e disporre di un tablet o un personal computer - ha sottolineato la ministra per l’Innovazione, Paola Pisano, in un’intervista al ’Corriere della Sera’ - Questa è solo la prima fase delle misure di sostegno che il Comitato banda ultra larga da me presieduto ha deliberato per promuovere la domanda di servizi di connettività in tutto il Paese. Un pacchetto che prevede complessivamente 1.150 milioni di euro di contributi a favore di imprese e famiglie’’.

’’Dobbiamo mirare all’indipendenza tecnologica nei confronti dell’estero, a preservare la nostra sovranità digitale, ma dobbiamo muoverci in un’ottica europea rispettando un quadro di regole che ci permetta di preservare la privacy di tutti i nostri dati e ci protegga dal rischio di intrusioni esterne - ha aggiunto Pisano - L’Europa e noi al suo interno siamo in ritardo nello sviluppo di cloud che reggano la competizione con quelli extraeuropei’’.

Atlantia: "Soluzioni alternative per vendita Aspi"

cms_18556/atlantia_afp.jpg

"Allo stato si rilevano concrete difficoltà nel proseguimento positivo delle trattative, non solo per concordare la definizione di meccanismi volti alla determinazione di un valore di mercato di Autostrade per l’Italia, ma anche per effetto di richieste avanzate da parte di Cdp su ulteriori impegni al di fuori di quanto rappresentato nella lettera del 14 luglio 2020". E’ quanto comunica Atlantia nel comunicato diffuso al termine del Consiglio di Amministrazione del gruppo.

Soluzioni alternative per la vendita di Aspi è la strada tracciata dal cda di Atlantia a fronte delle "concrete difficoltà" in cui versano le trattative con Cassa Depositi e Prestiti. "Restando ferma la volontà della Società di dare corso a quanto delineato nella lettera del 14 luglio 2020, il Consiglio di Amministrazione di Atlantia ha ritenuto di dover individuare - con spirito di buona fede - anche soluzioni alternative idonee comunque a giungere ad una separazione tra la Società ed Autostrade per l’Italia, che diano certezza al mercato, sia in termini di tempi che di trasparenza, nonché della irrinunciabile tutela dei diritti di tutti gli investitori e stakeholders coinvolti", comunica il gruppo.

In particolare, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la possibilità di procedere: alla vendita tramite un processo competitivo internazionale - gestito da advisor indipendenti - dell’intera quota dell’88% detenuta in Autostrade per l’Italia, al quale potrà partecipare Cdp congiuntamente ad altri Investitori Istituzionali di suo gradimento, come già ipotizzato nella lettera; alla scissione parziale e proporzionale di una quota fino all’88% di Autostrade per l’Italia mediante creazione di un veicolo beneficiario da quotare in borsa, creando quindi una public company contendibile".

Le suddette due operazioni potranno essere condotte da Atlantia in parallelo, fino ad un certo punto. È già prevista, annuncia il gruppo, una riunione straordinaria del Consiglio di Amministrazione di Atlantia per il 3 settembre prossimo per esaminare e approvare il progetto di scissione.

“La decisione del CdA di oggi intende individuare un percorso certo per la separazione di Aspi da Atlantia. L’operazione è in linea con gli impegni assunti con l’Esecutivo e da noi sottoscritti con la comunicazione del 14 luglio" ha dichiarato l’amministratore delegato di Atlantia, Carlo Bertazzo, a margine della riunione del cda. “La scelta operata oggi dal Consiglio di Amministrazione, che dovrà comunque passare per una Assemblea straordinaria, risponde anche alle richieste che ci sono pervenute in questi giorni da diversi azionisti italiani e internazionali, ai quali dobbiamo dare garanzie che questo percorso sia trasparente e operato in ogni suo aspetto secondo regole di mercato", ha sottolineato Bertazzo. “Restiamo - ha concluso - comunque disponibili a proseguire nel confronto già avviato con Cassa Depositi e Prestiti".

Le decisioni assunte oggi dal cda di Atlantia e comunicate in una lettera inviata a Palazzo Chigi, al ministero dell’Economia e al ministero delle Infrastrutture e Trasporti e per conoscenza a Cassa Depositi e Prestiti segnano un’inversione di marcia rispetto agli impegni assunti dal gruppo a metà luglio. E’ quanto rilevano fonti vicine alla trattativa dal confronto tra le missive, quella di oggi, appunto, e quella inviata il 14 luglio scorso con la quale Atlantia concordava sullo schema dell’operazione che prevedeva, tra l’altro, di deliberare un aumento di capitale riservato a un soggetto a partecipazione statale, Cdp, al fine di consentire di acquisire una quota complessiva post aumento di capitale pari al 33%, auspicabilmente entro il 30 settembre 2020. Uno schema, rilevano le stesse fonti, che viene oggi cancellato dalle deliberazioni assunte dal cda e comunicate all’esecutivo.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App