BIDEN DICE QUEL CHE PENSA

1648436472161_PROVA_CRISI_UCRAINA_RUSSIA.jpg

I discorsi di ogni Capo di Stato, Presidente degli Stati Uniti incluso, normalmente, anzi, da prassi, sono composti dalle parole che mettono insieme le persone dello staff, oppure il gosthwriter di turno; e quindi, sono il frutto di attente valutazioni compiute sulla base di analisi, congiunture, circostanze, interessi, obiettivi, alleanze; e quindi, sono espressione di una di una diplomazia utile a mantenere positivi, almeno nella forma, i rapporti e gli equilibri tra i vari paesi.

cms_25376/1.jpg

In altri termini, che si tratti di discorsi ufficiali, o che si tratti di discorrere in altre dimensioni, sarebbe vietato ad ogni Vertice di Stato o di Governo dire esattamente quello che pensa.

Parrebbe, allora, come ci rivela la notizia che rimbalza su ogni pagina di giornale, digitale o cartacea, che Joe Biden abbia deciso, con “Per l’amor di Dio, quest’uomo non può rimanere al potere”, ovviamente riferendosi a Putin, di buttare a terra le fondamenta delle parole politicamente controllate e lasciare lo spazio ad una solare sincerità, che non possiamo altro che apprezzare.

Sono poche parole, contro le quali si inizia a tuonare duramente, paventando una rottura irreversibile, irreparabile, insuperabile, definitiva dei rapporti tra gli Stati Uniti e la Russia.

cms_25376/2_1648436005.jpg

Allora, se il Presidente Biden ha detto questo, come ha detto: non merita la più assoluta approvazione? Il terrore per le parole non scritte, ma mondialmente pronunciate, a conclusione del suo discorso a Varsavia, dette a braccio, spontaneamente, di getto, devono essere approvate per il semplice fatto che ha detto la verità, come sarebbe bello che sempre facessero tutti coloro che fanno politica; e ha fatto bene a farlo, a dispetto del suo staff, e malgrado i componenti del suo staff si siano catapultati a precisare le parole del Presidente.

cms_25376/3.jpgFa un po’ specie che l’uomo più potente del mondo non possa dire quello che pensa la sua testa presidenziale, e che di conseguenza si debba giustificare. Ognuno, al di là della propria carica e del proprio ruolo, su queste parole sta dicendo la sua, magari dipingendo panorami apocalittici, senza pensare che verso il fronte dell’apocalisse rischiano di portarci, non le parole, ma i fatti violenti e sanguinari di un altro Capo di Stato.

Nel caso del Presidente USA, mi pare, abbia le idee abbastanza chiare; e con la stessa chiarezza le ha espresse; e con la stessa onestà non possiamo che condividerle.

Giuseppe Salvatore Alemanno

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos