A ROMA C’È L’IRLANDA CONTRO GLI AZZURRI

In campo per la terza sfida del Guinness Six Nations

1614379621copertina.jpg

Oggi è un nuovo appuntamento con il Guinness Sei Nazioni. L’Italrugby, alla terza prova nel torneo, ospita allo Stadio Olimpico di Roma gli irlandesi guidati da Andy Farrell. Gli Azzurri sono a zero punti in classifica, ma avranno di fronte un avversario che da inizio competizione ha raccolto solo 2 punti bonus e zero vittorie. Probabilmente, è la nazionale davvero alla portata degli italiani; anche se, negli ultimi anni, i nostri ragazzi non sono stati all’altezza di nessun’altra formazione. Per questa sfida, la 33ma tra le due squadre, la quinta all’Olimpico di Roma e l’undicesimo nella Capitale, Franco Smith non ha operato nessun cambiamento nel XV titolare schierato contro l’Inghilterra con il triangolo allargato formato da Trulla, Sperandio e Ioane e con la coppia di centri formata da Brex e Canna, con il trequarti delle Zebre che raggiungerà quota 50 caps contro l’Irlanda.

cms_21098/foto_1.jpg

La mediana sarà affidata al duo Varney-Garbisi. In terza linea la maglia numero 8 sarà indossata da Lamaro con Negri e Meyer a completare il reparto. In seconda linea spazio per Sisi e Lazzaroni, mentre Luca Bigi – che toccherà quota 11 caps con i gradi di capitano – sarà affiancato da Riccioni e Lovotti. In panchina ci saranno Lucchesi, Traorè, Zilocchi, Cannone, Mbandà, Braley (la cui ultima presenza in maglia Azzurra è datata 24 ottobre nel recupero del Guinness Sei Nazioni 2020 a Dublino proprio contro l’Irlanda) e Mattia Bellini che rientra in lista gara dopo l’ultima presenza contro la Scozia il 14 novembre a Firenze nella Autumn Nations Cup. Ai già presenti in infermeria, si aggiunge Danilo Fischetti che non ha recuperato dal suo infortunio.

cms_21098/foto_2.jpg

Quella di domani sarà una battaglia contro una squadra piena di voglia. Noi siamo ben preparati per questo incontro – ha detto Franco Smith nella conferenza stampa alla vigilia del match – e ogni settimana il lavoro fatto qui in allenamento migliora giorno dopo giorno. Entriamo sempre in campo per vincere in ogni partita. È uno dei nostri obiettivi: essere competitivi in ogni match che affrontiamo”.

cms_21098/foto_3.jpg

Tra le fila dell’Irlanda ci sarà il rientrante Jonathan Sexton con la fascia di capitano (96 caps per lui), in un reparto che vedrà Gibson Park occupare lo slot da mediano di mischia, in cabina di regia di fianco allo skipper irlandese, il trio Lowe-Keenan-Larmour il triangolo allargato e il duo Henshaw-Ringrose sistemarsi al centro. Fra gli avanti invece Tadhg Furlong (46 caps) facendo reparto con Kilcoyne e Kelleher, mentre in seconda linea Henderson e Ryan con Beirne e Connors come flanker e CJ Stander con il numero 8. A disposizione, pronti a entrare e a fornire il loro contributo a partita in corso, vi saranno 5 avanti e 3 trequarti: Herring, Healy, Porter, Baird, Conan, oltre all’uncapped Craig Casey, a Burns e a Earls. Fischio d’inizio 15:15, arbitra il francese Mathieu Raynal.

(photo courtesy Federugby)

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos