APULIANTIQUA: DALL’ALBA AL TRAMONTO

Il festival della musica itinerante, dal Gargano al Salento partire dal 23 luglio fino a settembre

1626889890copertina.jpg

Anche quest’anno la Puglia è stata riconosciuta, dai media specializzati e autorevoli come National Geographic, Lonely Planet e il New York Times, come la “Regione più bella del mondo”. A farla da padrone, nel territorio che si affaccia a Levante, punto di congiunzione sin dai tempi antichi tra oriente e occidente, però, non sono solo il bel mare e il buon cibo. Dal Gargano fino al Salento, la musica si unisce ai due elementi attrattori del turismo nostrano e internazionale. Grazie ad ApuliaAntiqua, prende il via a partire dal 23 luglio un evento itinerante straordinario e suggestivo, per la forma di rappresentazione e i luoghi in cui si svolge. Giunto all’undicesima edizione, il festival vede in programma, fino al 26 settembre, 15 concerti al tramonto e all’alba, in scena nei palazzi, nei chiostri e nei manieri di Tricase, Monopoli, Acquaviva delle Fonti e San Nicandro Garganico.

cms_22592/fot_1.jpg

La rassegna, organizzata dall’associazione Sentieri Armonici in partnership con l’associazione Aremu, s’inaugura con un progetto del duo De Finibus Terrae che vede Luca Alfonso Rizzello al violino barocco e Gilberto Scordari alla spinetta proporre un parallelo tra Alessandro Scarlatti e il figlio Domenico, tra i più geniali ambasciatori dell’arte musicale partenopea. Dopo il debutto di venerdì 23 luglio ad Acquaviva delle Fonti, il concerto verrà replicato domenica 25 luglio (ore 19) nel Cortile del Castello di Tutino, a Tricase, vincitore del bando «Radici e Ali» della Regione Puglia come luogo di spettacolo.

cms_22592/foto_2.jpg

Il festival, sostenuto dal Ministero della Cultura, dalla Fondazione Puglia e da Puglia Sounds, e dalla partnership della Città Metropolitana di Bari e del patrocinio dei Comuni di Acquaviva delle Fonti, San Nicandro Garganico e della Pro Loco di San Nicandro Garganico, prosegue con Caroline Kang, che con il suo violoncello del 1730 attribuito al liutista tedesco Paulus Alletsee esplora il repertorio solistico italiano accanto a pagine di Bach a San Nicandro Garganico, all’alba del 31 luglio (ore 5.50, Torre Mileto), e poi a Tricase, il 1° agosto (ore 19, Cortile del Castello) e ad Acquaviva delle Fonti, il 5 agosto (ore 20, Cortile Palazzo de Mari). Ancora musica antica, con attenzione al Seicento italiano, nel quadruplo concerto «Around a ground» che vede protagonista l’Ensemble Hortensia Virtuosa formato da Giovanni Rota (violino barocco e maestro di concerto), Valerio Latartara (violino barocco), Gioacchino De Padova (viola da gamba), Paola Ventrella (tiorba) e Giuseppe Petrella (chitarra barocca). La formazione suonerà a San Nicandro Garganico, il 17 agosto (ore 20, Torre Mileto), ad Acquaviva delle Fonti, il 18 agosto (ore 20, Cortile Palazzo de Mari), a Tricase, il 19 agosto (ore 19, Cortile del Castello di Tutino) e a Monopoli, all’alba del 21 agosto (ore 6, piazzale chiesetta di San Michele, contrada Impalata).

cms_22592/foto_3.jpg

A seguire, il primo dei quattro concerti del festival ApuliAntiqua vincitori del bando Puglia Sounds Live, in programma a Monopoli il 28 agosto (ore 20, chiostro di Palazzo San Martino) con il Collegium Pro Musica diretto dal virtuoso di flauti dolci Stefano Bagliano, coadiuvato da Luca Taccardi alla viola da gamba e Andrea Coen al clavicembalo. La formazione presenta un omaggio al «Mito della donna angelicata» in un reading concert con testi della voce recitante Mariagrazia Liberatoscioli e musiche antiche eseguite su copie di strumenti d’epoca. La voce e la tiorba di Francesca Benetti si intrecciano in sentieri comunicativi armonici e naturali nel recital «Verde barocco» previsto a San Nicandro Garganico, il 30 agosto (ore 20, Cortile del Castello), e ad Acquaviva delle Fonti, il 31 agosto (ore 20, Cortile Palazzo de Mari).

cms_22592/Foto_4.jpg

Il programma del festival si conclude con gli altri tre concerti sostenuti da Puglia Sounds Live. Il primo è con i virtuosi di violino barocco Alessandro Ciccolini e Domenico Scicchitano, protagonisti a Monopoli, il 9 settembre (ore 20, Chiostro Palazzo San Martino), del viaggio musicale tra Italia e Francia del XVIII secolo intitolato «Il maestro e il discepolo». Il secondo è con l’Ensemble Labirinto Armonico in un omaggio alla musica del compositore tedesco Johan Joachim Quantz in programma a Tricase, il 12 settembre (ore 19, Cortile del Castello di Tutino). Il terzo è con l’Ensemble del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Latina, a Monopoli, il 26 settembre (ore 20, chiostro Palazzo San Martino), quando si potrà ascoltare un florilegio di sonate e cantate italiane tra Sei e Settecento di Benedetto Marcello, Giacobbe Basevi «Cervetto», Francesco Antonio Vallotti e Alessandro Scarlatti. Per ulteriori informazioni, www.sentieriarmonici.org.

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos