AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PER ANZIANI

La difesa legale dei diritti del cittadino

La_difesa_legale_dei_diritti_del_cittadino.jpg

cms_28547/avv.jpgQuando - e se richiedere - l’amministrazione di sostegno per una persona in età avanzata?

Ho rivolto questa domanda all’avv. to Damiano Marinelli, Presidente Associazione Legali Italiani e presidente e Fondatore dell’ Unione Nazionale Consumatori Umbria, noto per l’impegno nella difesa del cittadino anche attraverso tante pubblicazioni e da oggi riferimento giuridico-legale per le questioni più dibattute del momento.

“L’amministrazione di sostegno per anziani rappresenta un caso molto frequente che persone in età avanzata o con problematiche specifiche non siano in grado di compiere attività – soprattutto economiche – tipiche della vita quotidiana.

In questo caso è bene che i familiari della persona procedano a depositare per il tramite di un avvocato un’istanza per richiedere l’amministrazione di sostegno del soggetto.

Questo istituto giuridico, introdotto con la Legge n. 6 del 2004, ha in buona parte sostituito l’interdizione (considerata eccessivamente limitante per il soggetto sottoposto) e garantisce la nomina di un amministratore di sostegno (generalmente un familiare o una persona di fiducia) dotato di specifici poteri di gestione delle attività dell’amministrato (soprattutto in ambito economico e/o di salute).

La scelta di richiedere l’amministrazione di sostegno è particolarmente opportuna laddove vi siano conflitti familiari ovvero vi sia la necessità di procedere ad atti che l’amministrato non potrebbe compiere (ad esempio compravendita immobiliare) ovvero più in generale laddove l’amministrato non sia più in grado di esercitare attività/istanze nei confronti della pubblica amministrazione o di privati.

A tutela dell’amministrato (e della sua famiglia) l’amministratore potrà compiere atti nei limiti del suo incarico così come stabiliti dal giudice, dovrà relazionare ogni anno sulla propria attività e potrà compiere atti di straordinaria amministrazione solo con l’assenso del Giudice tutelare”.

Antonella Giordano

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram