ADDIO ALLA REGINA ELISABETTA II, AVEVA 96 ANNI

Truss: "Ora lealtà e devozione a Re Carlo"

Addio_alla_Regina_Elisabetta_II,_aveva_96_anni.jpg

Morta la Regina Elisabetta II, deceduta l’8 settembre a Balmoral. La sovrana, 96 anni, si è spenta nel castello di Balmoral, in Scozia. I funerali sono previsti fra otto giorni secondo un calendario già stabilito da tempo.

cms_27452/1.jpgLa regina Elisabetta la sovrana che ha battuto ogni primato dopo le recenti celebrazioni per il Giubileo di Platino. Queen Elizabeth, 96 anni, è il secondo monarca al mondo ad aver regnato più a lungo, dopo il re di Bhumibol Adulyadej (solo 70 anni). Prima di lei, solo il re Sole, 72 anni e 110 giorni, dal 14 maggio 1643 (aveva 5 anni) alla morte avvenuta nel castello di Versailles l’1 settembre 1715 a 76 anni. Il taglio del nastro, seppur simbolico, lo scorso 13 giugno. Elizabeth Alexandra Mary ha percorso ufficialmente 70 anni di regno e 127 giorni. Solo un giorno in più rispetto a Rama IX, il cui regno è durato 70 anni e 126 giorni, dal 9 giugno 1946 alla scomparsa, il 13 ottobre 2016. Un vero e proprio record per la sovrana inglese soprattutto constatando, dalle sue ultime apparizioni, che non ha nessun desiderio di cedere lo scettro al principe Carlo.

cms_27452/2_1662702528.jpgOrmai non è più un mistero per nessuno. La regina Elisabetta è stata costretta, forse suo malgrado, a centellinare le apparizioni, lei che, nel giorno del suo ventunesimo compleanno aveva promesso, via radio, a tutto il Commonwealth: "dichiaro davanti a voi tutti che la mia intera vita, sia essa lunga o breve, sarà dedicata al vostro servizio e al servizio della nostra grande famiglia imperiale alla quale tutti apparteniamo". Un patto con il suo amato Paese che, quella che un tempo amabilmente, i suoi genitori chiamavano Lilibet.
E la consegna dell’Ordine della Giarretiera, una delle onorificenze inglesi più importanti e soprattutto con secoli di storia alle spalle, alla moglie del principe Carlo, l’uscita sul balcone di Buckingham Palace durante il Platinum Jubilee, del principe William accanto alla moglie e ai pargoli, George, Charlotte e Louis, in presenza della regina naturalmente. confermano che la successione è stata già decisa.
cms_27452/0.jpg
Una corte ristretta, complice e molto affiata. Henry e Meghan, duchi di Sussex, con i piccoli Archie Harrison e Lilibet Diana dovranno aspettare prima di ritornare in seno a quella che il principe Filippo chiamava ’la ’firm’, magari con un atto di contrizione. Ma quella è un altra storia.

I funerali sono previsti fra dieci giorni secondo un calendario già stabilito da tempo.

Ierii è stato il D-Day e l’annuncio ufficiale del decesso della sovrana è stato fatto da Buckingham Palace dopo che la prima ministra Liz Truss ne è stata informata formalmente.

Il periodo di lutto durerà fino ai funerali.

In questa fase saranno rinviati eventi sportivi, saranno allestiti maxischermi in tutte le principali città del Paese per seguire la copertura mediatica.

Tra qualche giorno, il corpo della regina sarà trasferito da Balmoral a Edimburgo - dove sarà esposta per 24 ore nella cattedrale di St Giles - e da lì a Londra.

A St Giles, secondo quanto previsto, gli scozzesi potranno rendere omaggio alla sovrana e qui dovrebbe tenersi una veglia funebre con i membri della famiglia reale.

cms_27452/00.jpg

Oggi intanto avverranno i passi formali dell’accessione al trono del nuovo re, Carlo III. Il Consiglio di Accessione si riunirà questa mattina a palazzo St. James e il nuovo re sarà proclamato dal balcone. Carlo terrà un discorso e incontrerà il primo ministro, il governo, il capo dell’opposizione, l’arcivescovo di Canterbury e il decano di Westminster.

Nel D-Day+2, la bara della Regina lascerà il castello di Balmoral e verrà trasportata nel palazzo di Holyroodhouse a Edimburgo, sua residenza ufficiale in Scozia.

Il giorno successivo, D-Day+3, vi sarà una processione dal palazzo verso la cattedrale di St. Giles, dove è previsto una cerimonia religiosa, presente la famiglia reale.

Successivamente la cattedrale rimarrà aperta al pubblico per 24 ore per permettere di rendere omaggio alla bara, anche se la vera camera ardente sarà a Londra.

Il nuovo re Carlo, che avrà già ricevuto le condoglianze dal parlamento di Westminster, le riceverà anche dal primo ministro e il parlamento scozzesi.

Nella serata del D-Day+4, la bara della Regina verrà trasportata in treno fino a Londra, dove arriverà il giorno successivo.

Quel giorno, Carlo III sarà in Irlanda del Nord per le condoglianze ufficiali e una messa alla cattedrale di Belfast. Nei giorni successivi Carlo andrà anche in Galles.

Il D Day+5, la bara verrà trasportata a Buckingham Palace.

Da qui verrà trasferita a Westminster Hall, dove è prevista la camera ardente aperta 23 ore al giorno fino al funerale di stato, che si terrà il D Day+10 a Westminster Abbey.

Tutto il paese osserverà due minuti di silenzio. La regina verrà poi sepolta nella cappella reale, a Windsor.

cms_27452/truss_fi_0809.jpgLa morte della Regina Elisabetta II "è uno shock enorme per la nazione e il mondo".

La sovrana è stata "una roccia su cui è stata costruita la moderna Gran Bretagna".

Lo ha detto il primo ministro britannico Liz Truss, nella sua dichiarazione dopo la morte della sovrana.

"Siamo tutti devastati", ha dichiarato davanti al numero 10 di Downing Street, aggiungendo che è terminata "la seconda era elisabettiana".

La premier rende omaggio al nuovo re, Carlo, invitando il popolo britannico a unirsi e sostenerlo, con "lealtà e devozione".

"Dio salvi il re", ha detto.

Redazione Esteri

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram