ACHILLE LAURO IN PIAZZA SALOTTO A PESCARA CON IL SUO “SUPERSTAR TOUR”.

MUSICA_SPETTACOLO_ACHILLE_LAURO_ITALIA_Bandiera.jpg

Quando ho saputo che Achille Lauro avrebbe fatto un concerto nella mia città, Pescara, sicuramente la prima cosa che mi ha spinto a recarmi in Piazza Salotto per assistere al suo concerto è stata la curiosità.

Penso, infatti, che alla base del mestiere del giornalista ci debba essere anche il desiderio di vedere e ricercare cose nuove.

Uno dei motivi fondamentali che mi ha spinto a scegliere questa professione è proprio questo: la possibilità di condividere con gli altri, attraverso la scrittura, la mia passione per l’arte e la musica in generale.

Erano circa le diciannove quando sono arrivata e già molti fan erano lì dalla mattina per essere in prima fila davanti al palco.

Io stessa, mi sono chiesta cosa di quell’artista cosi particolare, eclettico e sorprendente, potesse tanto piacere ai ragazzi.

La risposta mi è arrivata non appena è iniziato il concerto.

cms_27448/1.jpg

Achille Lauro di certo non passa inosservato, non annoia ed è anche bravo.

Forse è proprio il suo essere originale e sopra le righe che porta tantissime persone a fare ore e ore di fila per vedere un suo concerto.

Nella musica, come in altri ambiti della vita, a volte si ha bisogno di cercare qualcosa di diverso e sensazionale che catturi la propria attenzione.

Un motivo anche per riflettere su come le canzoni e gli artisti siano cambiati nel corso degli anni, adeguandosi alle tematiche, scomode ma attuali dei nostri giorni.

Si accendono le luci e inizia uno dei concerti più particolari che abbia mai visto.

Achille Lauro, che piaccia o no, sicuramente non lascia indifferenti.

La parola d’ordine, infatti, è stupire.

Il suo modo di muoversi sul palco, di vestirsi e di comunicare con il pubblico attraverso i testi delle sue canzoni hanno qualcosa di magico e sorprendente.

Sì, perche i suoi non sono semplici live ma dei veri e propri show, o come piace chiamarli a lui “progetti”, che richiedono mesi e mesi di preparazione.

Non mancano i suoi grandi successi come: “Rolls Royce”, “Domenica” e “Me ne frego” che fanno letteralmente impazzire il suo pubblico nonché “1969”, “Roma”, ”Solo noi” e “Generazione X”.

cms_27448/2_1662687136.jpg

Arriva anche un momento un più intimo, dove Lauro canta alcune delle sue ballate come:“C’est la vie”, “Marilù” e “16 Marzo”.

Cosa mi ha colpito di più di questo concerto?

La capacità dell’artista di distinguersi per le nuove sonorità e per il suo modo di scrivere, distante e innovativo rispetto ai metodi più classici.

L’artista sul palco è accompagnato dalla sua band: alla batteria Marco Lancetti, alla chitarra Amudi e Riccardo Castelli mentre al piano c’è maestro Gregorio Calculli.

Grazia De Marco

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram