ACCELERATORI “PORTATILI” DI PARTICELLE PRESTO REALTÀ

Tante applicazioni pratiche per ospedali, musei e dogane

1611263706Copertina.jpg

Il prolifico progetto di ricerca ENSURE, condotto presso il Politecnico di Milano in sinergia con il Consiglio europeo della ricerca (ERC) nell’ambito del programma Horizon 2020, ha dato vita ad un’interessante scoperta pubblicata sulla rivista Science Advances. Si tratta di mini acceleratori di particelle, facilmente trasportabili e con enormi applicazioni pratiche, che potrebbero presto essere presto prodotti. Dallo studio delle opere d’arte nei musei al controllo dei container in dogana, dalla sterilizzazione degli strumenti chirurgici alla produzione di radioisotopi per gli esami clinici: queste solo alcuni dei possibili impieghi in svariati ambiti.

cms_20712/Foto_1.jpg

"In questi cinque anni abbiamo sviluppato una tecnica per l’accelerazione di particelle non convenzionale", spiega Matteo Passoni, professore ordinario in fisica teorica della materia e responsabile del progetto. La tecnica “si basa su impulsi laser super intensi e ultra brevi che vanno a colpire materiali bersaglio molto particolari, come schiume di carbonio nanostrutturato a bassissima densità, che riescono ad assorbire l’energia in modo estremamente efficiente.

cms_20712/Foto_2.jpg

L’interazione con gli impulsi laser fa sì che la materia tramuti nello stato di plasma, generando i campi elettrici più intensi mai creati in laboratorio: questi, a loro volta, inducono l’accelerazione di particelle elettricamente cariche ad alte energie e su distanze molto brevi. Un risultato che potrebbe aprire la strada ad acceleratori di particelle grandi pochi metri o addirittura portatili, dunque sempre più compatti, flessibili e low-cost, per applicazioni nei più svariati settori".

Massimo Favia

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos