ABECEDARIO E CONTICINI

Di Maria Casalanguida (artista e scrittrice)

13_I_SEGRETI_DELLA_PAROLE_prima.jpg

cms_19553/0.jpg

Quaderno di Zaira, prima elementare anno 1953:“Parole”

Parole che sostengono, spiegano, annunciano. Aiutano a vivere.

Parole che stupiscono, creano ansia,dubbi, disperazione. Aiutano a morire.

Parole che rimangono identiche a se stesse, poche o tante che siano, capaci di non dire nulla, di lasciarci in una totale indifferenza, come se mai le avessimo ascoltate. Mai entreranno a far parte dei nostri ricordi.

Parole dette agli altri,vere, camuffate, addolcite, esagerate, incomprensibili o lasciate al libero arbitrio…

Parole dette a noi stessi: non sempre vere, ma stracariche di segreti. Cercano con coraggio la verità e ne troveranno gran parte soltanto in alcuni, quelli che non mentiranno a se stessi.

Parole dette da noi su di noi: io sono… io dico… io penso… io credo…io non critico…io non giudico… io perdono… io conosco…io mi conosco…e credo non ci sia altro da aggiungere.

Quaderni e quaderni alle scuole elementari, in un tempo lontano ma non lontanissimo! Sillaba su sillaba, l’abecedario!

E’ emozionante davvero sfogliare le pagine di questo quaderno “a quadretti:”era emozionante andare a scuola, affatto noioso riempire pagine e pagine di parole, disegni, numeri per imparare a scrivere, imparare a fare “i conticini”, imparare a parlare…

cms_19553/00.jpg

Quaderno di Zaira, prima elementare anno 1953:“Conticini”

Imparare a parlare… Si inizia in famiglia, si prosegue a scuola e non si finisce mai: parole nuove , tante, a volte troppe…ma spesso vuote. Non esistono ancora quelle che arrivano dritte alla coscienza degli uomini, quelle che siano in grado di convertirli all’amore. E’ triste constatare quanto “i conticini” abbiano preso il sopravvento sulle parole e quanto siano diventati importanti in questo nostro tempo così triste, così martoriato, così culturalmente povero.

E’vero però che del bene non si parla mai, soprattutto del bene che si fa agli altri. Non voglio citare il pensiero di Sigmund Freud a questo proposito… Preferisco quello di Madre Teresa di Calcutta:

Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici
non importa, fa’ il bene.
Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici
non importa, realizzali.
Il bene che fai verrà domani dimenticato
non importa, fa’ il bene.

(Madre Teresa di Calcutta)

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App