“Prudenza alla guida”

La sicurezza delle nostre strade

La_sicurezza_delle_nostre_strade.jpg

Recenti fatti di cronaca, riguardanti incidenti anche gravi, inducono ad una riflessione sulla sicurezza delle strade che percorriamo.

cms_10056/2.jpg

Il 9 Marzo dello scorso anno, sulla A-14, in provincia di Ancona, più precisamente nel tratto tra Osimo e Camerano, il crollo di un viadotto costò la vita a due coniugi, ed il bilancio sarebbe stato molto più grave se in quel momento l’autostrada fosse stata percorsa dall’ordinario flusso di veicoli proprio di particolari periodi dell’anno, come il mese di agosto.

Le ragioni del crollo sono poi state individuate nei lavori per la realizzazione della terza corsia, che hanno indebolito il viadotto. Qualcosa non ha funzionato mentre gli operai sollevavano la campata del ponte con dei martinetti ed è così andato giù, seppellendo letteralmente una vettura con i due passeggeri, i coniugi Diomede appunto.

cms_10056/3.jpg

Lo scorso 6 Agosto, sulla A-1 Bologna-Taranto, in seguito all’esplosione della cisterna di un tir contenente materiale infiammabile (le cui cause sono ancora da stabilire), è crollato un ponte sul raccordo nei pressi di Casalecchio. Anche in questo caso il bilancio è stato di un morto e centinaia di feriti, alcuni in modo grave.

cms_10056/4.jpg

Alle 11 e 36 del 14 agosto, il crollo del ponte Morandi che attraversa Genova ha provocato ben 43 vittime ed alcune decine di feriti…

Anche in questo caso sembra che l’incuria abbia contribuito a causare il disastro: numerose e, a quanto pare, inascoltate segnalazioni erano state inoltrate alla società autostrade.

Tutte vittime innocenti, “colpevoli” di aver percorso in un piovoso giorno di agosto un ponte, simbolo del capoluogo ligure, che tutti, o quasi, almeno una volta nella vita abbiamo attraversato.

cms_10056/5.jpg

Ancora: a causa del forte vento il 22 agosto scorso, sulla Firenze-Pisa-Livorno, un grosso cartello autostradale, cadendo, ha sfiorato le automobili in transito e per poco non si è verificata l’ennesima tragedia stradale.

Ecco che quando si è soliti, giustamente, raccomandare prudenza sulle strade limitando la velocità, evitando di assumere alcolici in eccesso (sempre e comunque dannosi), o vietando l’uso del cellulare alla guida (causa di un gran numero di incidenti, anche mortali), talvolta si ha la sensazione che qualcosa non vada per il verso giusto…

cms_10056/6.jpg

Sembra di vivere un paradosso…

È come dire ad un bambino di tre anni d’età di fare attenzione a non cadere sulle montagne russe, senza cinture di sicurezza e senza nessuno che lo accompagni.

Lucia D’Amore

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram