“THRILLER” DI MICHAEL JACKSON: IL “RE” DELLE VENDITE

Dal 1982 è il disco più venduto di sempre. Trenta milioni di copie solo negli Stati Uniti

THRILLER_DI_MICHAEL_JACKSON.jpg

Con oltre centoventi milioni di copie prodotte, Thriller di Michael Jackson rimane ancora oggi in testa alla classifica dei dischi più venduti di sempre. Siamo agli inizi degli anni ’80. Il panorama della musica sta cambiando. Con la nascita di MTV (Canale tematico di musica made in USA) nel 1981 e la messa in onda del primo video musicale "Video Killed the Radio Star" dei The Buggles, quello di Michael Jackson si appresta a diventare il secondo evento musicale più eclatante di quegli anni. Per l’uscita dell’Album omonimo, Thriller, la casa discografica fa le cose in grande.

cms_3249/foto_1_.jpg

L’idea è di creare tanta di quella suspense attorno al disco, dando un assaggio ai fan, attraverso un videoclip. Sono tantissimi a ricordare ancora quella sera di un tranquillo giorno feriale del 1982: sta per essere trasmesso il video che farà da apripista a un successo discografico unico nel suo genere. L’attesa è molto alta. Sono milioni i giovani e gli adulti che in tutto il mondo, dopo un battage pubblicitario faraonico, si preparano ad assistere in TV all’anteprima mondiale del video “Thriller” (omonimo dell’Album). Il video, della durata di quasi quattordici minuti, porta la firma di John Landis (famoso per i successi dei film “Un lupo mannaro americano a Londra” e “The Blues Brothers”), mentre la canzone è prodotta da Quincy Jones (musicista, compositore e ideatore del Live Aid).

cms_3249/foto_2_.jpg

Inoltre la clip è impreziosita dalla voce narrante di un grande del cinema Horror, Vincent Price (sua la “maligna” risata che chiude il video). Il successo del disco è planetario. Solo nel primo anno di uscita, grazie anche al videomusicale, vende più di sei milioni di copie e si piazza quasi ovunque ai primi posti delle Hit Parade, detenendo il record per la musica pop, oltre nelle vendite, anche quello di permanenza nelle classifiche. Sono esattamente trentatré gli anni d’imbattibilità nelle vendite di un album. E grazie alla distribuzione sul suolo USA (trenta milioni di copie), sta per ottenere il trentesimo disco di platino. A darne l’annuncio è la Recording Industry Association of America (RIAA), l’associazione che in America certifica le vendite degli album e attribuisce i riconoscimenti, per l’appunto dei dischi d’oro e di platino.

cms_3249/foto_3_.jpg

Intanto, il mese prossimo sarà proiettato al Sundance Film Festival il nuovo docu-film sul Re del Pop, firmato da Spike Lee: Michael Jackson’s Journey from Motown to Off the Wall. Il documentario contiene una serie d’interviste a personaggi famosi dello Star-business americano e ai genitori di Michael, e uscirà insieme alla riedizione dell’album del 1979, “Of the Wall”. Insomma, che dire? Michael Jackson, continua ancora a far parlare di sè per la gioia di parenti e discografici. E per il momento sono tanti gli artisti a non averlo ancora eguagliato. Compresa la cantautrice Adele che con “25” (il suo ultimo lavoro), nella sua prima settimana sul mercato, ha venduto solo negli Stati Uniti oltre tre milioni di copie. Ma lei sa benissimo che per raggiungere e oltrepassare i traguardi del personaggio afroamericano più famoso di sempre, non basta avere solo un bel faccino e una voce sublime.

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App