What actually is antisemitism?

A survey for deciphering the perennial "Jewish problem"

1462035957What_actually_is_antisemitism.jpg

cms_3854/2.jpg

Leftist antisemitism tends not to be about treacherous genes, but the treacherous heart. It links Judaism to Zionism, Zionism to imperialism, and imperialism to global control. Simmering tension within the British Labour Party over claims of antisemitism has boiled over. First MP Naz Shah was suspended; now theparty’s former London mayor, Ken Livingstone has joined her. It’s an ideal moment to consider what antisemitism actually is.

cms_3854/3.jpg

Many probably – perhaps secretly – gave up puzzling over antisemitism long ago. They’ve moved on to some other issue, like battery hens, where the oppressors are shamefaced and the victims can’t speak. The first step towards conquering antisemitism fatigue is to admit that you have the problem. I need to do it every day. Perhaps Shah and Livingstone, and a few others, might do so too. Allow me, if I may, to return to a few basics for deciphering our perennial “Jewish problem”.

cms_3854/4.jpg

Semitic cultures and languages, largely traceable to the Middle East, include both Arabs and Jews. Unsurprisingly, people often bristle at the very phrase “antisemitic”: how dare the Jews act as if they’re the only Semites, let alone accuse Arabs of antisemitism? Indeed, how dare the Jews even pose as victims of racism, detracting attention from victims of “real” racism? After all, the average European Jew often physically and socially resembles the average indigenous European. So problems with Jews are simply “white on white”.

cms_3854/5.jpg

For more than a millennium a term such as “anti-Jewish” would have made more sense than “antisemitism”. Some Jewish writers still believe it better captures the earlier source of the hostilities, which were often justified in theological terms. The term “antisemitic” kicks in with the Enlightenment, through the rise of race theory and the concomitant racialisation of Jews.

cms_3854/6.jpg

Heart of the matter. By the 19th century, rapidly growing upheavals wrought by market forces propelled the association of Jews with finance and behind-the-scenes control. Of course, Jews had over centuries turned to finance in part due to their rigorous exclusion from other economic activity, and, far more importantly, despite the fact that the overwhelming majority lived in poverty. Leftist antisemitism tends not to be about treacherous genes, but the treacherous heart. It links Judaism to Zionism, Zionism to imperialism, and imperialism to global control. Of course, many Jews have long pioneered leftist and anti-imperialist politics. When they criticise Israel with fervour, they all too easily become the voice of authenticity, the pure hearts.

cms_3854/7.jpg

Again the Holocaust, again racism. Resentment is also commonly expressed at the particular association of the Holocaust with Jews. The death camps, after all, claimed other victims, such as communists, Roma, homosexuals, the disabled, and Christian clergy. Millions of people were slaughtered by Nazi forces throughout Europe.

cms_3854/8.jpg

Of course, anyone who seriously follows Holocaust remembrance knows that Jews have never claimed to be the only victims, and recall others in their commemorations. Nor, contrary to ubiquitous opinion, do Jews “use” the Holocaust to justify their presence in Israel or that state’s controversial military and security measures. To reduce the intricacies of the Arab-Israeli conflict to such a simplistic formula is an act of epic reductionism. Still, the distinctness of a particularly Jewish Holocaust runs far deeper. Nazi doctrine of course vilified many humans they deemed to fall short of some fantasy Aryan ideal. Other groups were at times portrayed as useless or defective, but Jews were singled out as the signal enemy of all humanity – ironically, the hidden force behind both imperial capitalism and Soviet Bolshevism.

cms_3854/9.jpg

That image of Jews not merely as less-than-human but as the opposite of human, merely racialised, hence modernised, the age-old equating of Judaism with Satan. Even secular Europeans continue to believe de-contextualised appropriations of the maxims “eye for an eye” or “chosen people”. These are turned into opposites of what they originally meant: that Jews ought not to seek justice out of proportion to any wrongdoing done to them, and that God bestows not particular privileges but rather particular duties upon Jews.

cms_3854/10.jpg

Hate crimes. So yes, others were unquestionably brutalised in the Holocaust. But when the citizens of Vienna chose to force a group to its knees to clean the streets it was not any of those other groups. It was Jews. When shop windows were systematically painted in a boycott campaign and then later destroyed, they belonged to Jews. When towns boasted their compliance with Aryanisation, they erected signs advertising themselves “Free of Jews” (Judenrein).

cms_3854/11.jpg

Hitler, in countless speeches and writings rehearsed gripes against any number of groups, but when he dug to the “root” of all those problems he found not them, but Jews. When Nazi tabloid Der Stürmer adopted front-page slogans about Germans’ misfortune, the group causing it was none of those others, but Jews. When a German film about treating cancer included an “educational” animation, it displayed SS-men exterminating not members of any other group, but a tight cluster of grotesequely caricatured Jews.

cms_3854/12.jpg

No apologies. Anyone who denies the outright racialisation of Jews, and antisemitism as full-blown racism, perpetrated not only by Nazis but throughout Europe over centuries, reveals a frightful ignorance about the histories, meanings, and consequences of racism. When invective like “Nazi” or “apartheid” is then hurled at Jews, often with breathtakingly myopic readings of colonial and post-colonial histories – and yes, even when dissident Jews dramatise their views with such language, however well-meaning may be their intentions – then don’t be surprised that it comes across as antisemitism. Because it is. When we read daily reports revealing massive new waves of antisemitism by educated and influential people, tidied up with “apologies” (quite frankly, open and candid admissions about what they really do think would serve us all far better than the endless train of “Oops, I didn’t really mean it” fudges), then don’t be surprised that it comes across as antisemitism. Because it is.

cms_3854/italfahne.jpgChe cos’è, in realtà, l’antisemitismo?

L’antisemitismo di sinistra tende a non essere sui geni insidiosi, ma ha il cuore infido. Esso collega il giudaismo al sionismo, il sionismo all’imperialismo, e l’imperialismo al controllo globale. Da tempo covavano le tensioni all’interno del partito laburista britannico, ora, a causa delle domande sull’antisemitismo è scoppiato. Prima il parlamentare Naz Shah è stato sospeso; ormai ex sindaco di Londra, Ken Livingstone ha unito la sua. E’ un momento ideale per prendere in considerazione ciò che l’antisemitismo è in realtà.
Molti probabilmente - forse in segreto - ha rinunciato a cervellarsi sull’antisemitismo molto tempo fa. Hanno spostato a qualche altro problema, come galline di batteria, dove gli oppressori sono imbarazzato e le vittime non possono parlare. Il primo passo verso la conquista dell’antisemitismo è quello di ammettere che il problema esiste. Ho bisogno di farlo ogni giorno. Forse Shah e Livingstone, e pochi altri, potrebbero fare altrettanto. Mi permetta, se posso, di tornare a alcuni principi fondamentali per decifrare il nostro perenne "problema ebraico". Le culture e le lingue semitiche, in gran parte riconducibili al Medio Oriente, comprendono sia gli arabi che gli ebrei. Non sorprende che la gente spesso si sorprenda per la frase "antisemita": Come osano gli ebrei che si comportano come se fossero gli unici semiti, per non parlare di quando accusano gli arabi di antisemitismo? In effetti, come osano gli ebrei i quali pongono come vittime del razzismo, senza nulla togliere l’attenzione da parte delle vittime del razzismo "reale"? Dopo tutto, nella mente europea l’ebreo spesso assomiglia fisicamente e socialmente alla media europea indigena. Quindi i problemi con gli ebrei sono semplicemente "bianco su bianco".
Per più di un millennio un termine con più senso come "anti-ebraico" avrebbe fatto riferimento a "antisemitismo". Alcuni scrittori ebrei credono ancora meglio cogliere la prima fonte delle ostilità, spesso giustificate in termini teologici. Il termine "antisemita" nasce con l’Illuminismo, quando si delinea la teoria della razza e la razzializzazione concomitante degli ebrei.
Il fulcro della materia. Dal diciannovesimo secolo, alcuni sconvolgimenti in costante aumento, compiuti da forze del mercato hanno spinto gli ebrei ad essere associati alla finanza, ponendoli dietro le quinte del controllo. Naturalmente, gli ebrei avevano trasformato nel corso dei secoli per finanziare, a causa della loro esclusione rigorosa da altre attività economiche, e, molto più importante, nonostante il fatto che la stragrande maggioranza viveva in condizioni di povertà. L’antisemitismo di sinistra tende a non essere sui geni insidiosi, ma dal cuore infido. Esso collega il giudaismo al sionismo, il sionismo all’imperialismo, e l’imperialismo al controllo globale. Naturalmente, molti ebrei hanno da tempo aperto la strada politica alla sinistra e a fazioni anti-imperialiste. Quando si critica Israele con fervore, che fin troppo facilmente diventare la voce di autenticità, si criticano i cuori puri.
Anche in questo caso l’Olocausto, ancora una volta il razzismo. Il risentimento è anche comunemente espresso alla particolare associazione della Shoah con gli ebrei. Nei campi di sterminio, dopo tutto, hanno perso la vita altre vittime, come i comunisti, i rom, gli omosessuali, i disabili e il clero cristiano. Milioni di persone sono state abbattute dalle forze naziste in tutta Europa. Naturalmente, chi segue seriamente il ricordo dell’Olocausto sa che gli ebrei non hanno mai affermato di essere le uniche vittime, e commemorano nelle loro commemorazioni tutte le altre vittime. Né, contrariamente all’opinione onnipresente, l’"uso" che gli ebrei fanno della parola Olocausto per giustificare la loro presenza in Israele o misure militari e di sicurezza controverse. Per ridurre la complessità del conflitto arabo-israeliano di una formula semplicistica è un atto di riduzionismo epico.

Ancora, la distintività di un olocausto ebraico particolarmente corre molto più profondo. La dottrina nazista naturalmente diffamata da molti esseri umani che hanno ritenuto essere a corto di qualche fantasia ideale ariana. Altri gruppi erano a volte ritratti come inutili o difettosi, ma gli ebrei sono stati individuati come segnale nemico di tutta l’umanità - ironia della sorte, la forza nascosta dietro sia il capitalismo imperiale e il bolscevismo sovietico. Quell’immagine di ebrei non solo come meno-che-umana, ma come l’opposto di umana, semplicemente razzializzata, quindi modernizzata, l’equiparazione secolare del giudaismo con Satana. Anche gli europei laici continuano a credere a ideologie de-contestualizzate delle massime "occhio per occhio" o "popolo eletto". Questi si trasformano in opposti di ciò che originariamente significava: che gli ebrei non dovrebbero chiedere giustizia sproporzionata rispetto a qualsiasi illecito sia fatto loro, e che Dio non conferisce loro particolari privilegi, ma piuttosto particolari cariche agli ebrei.
I crimini di odio. Quindi sì, altri sono stati senza dubbio brutalizzati nell’Olocausto. Ma quando i cittadini di Vienna hanno scelto di forzare un gruppo in ginocchio per ripulire le strade non era uno qualsiasi di questi altri gruppi. Erano ebrei. Quando le vetrine sono state dipinte in modo sistematico in una campagna di boicottaggio e poi distrutte, esse appartenevano a degli ebrei. Quando le città vantavano la loro conformità all’arianizzazione, le stesse avevano eretto delle insegne pubblicitarie con su scritto "libera degli ebrei" (Judenrein). Hitler, in innumerevoli discorsi e scritti si lamentava contro qualsiasi tipologia di gruppi, ma quando ha scavato alla "radice" di tutti quei problemi ha trovato solo gli ebrei. Quando il tabloid nazista Der Stürmer ha adottato lo slogan in prima pagina sulla sventura tedesca, il gruppo provocato era quello degli ebrei. Quando un film tedesco sul trattamento del cancro ha incluso un’animazione "educativa", visualizzata dalla polizia delle SS, non faceva riferimento a membri di altri gruppi, ma era chiaramente riferita a un gruppo di ebrei caricaturizzati grottescamente.
Niente scuse. Chiunque nega la razzializzazione a titolo definitivo degli ebrei e l’antisemitismo come il razzismo in piena regola, perpetrata non solo dai nazisti, ma in tutta Europa nel corso dei secoli, rivela una ignoranza spaventosa della storia, dei significati e delle conseguenze del razzismo. Quando invettive come "nazista" o "apartheid" sono scagliate contro gli ebrei, spesso con letture incredibilmente miopi di storie coloniali e post-coloniali - e sì, anche quando gli ebrei dissidenti drammatizzano le loro opinioni con tale linguaggio, per quanto ben intenzionati possono essere le loro intenzioni - allora non c’è da sorprendersi che ciò si presenta come antisemitismo. Perché lo è. Quando leggiamo sui quotidiani riguardo enormi nuove ondate di antisemitismo da parte di persone istruite e influenti, mascherate da "scuse" (che francamente, ammissioni chiare e lucide su ciò che realmente pensano sarebbe tanto più onesto delle menzogne mascherate dietro l’espressione: "Oops , non lo intendevo affermare sul serio"), quindi non essere sorpreso che si presenta come antisemitismo. Perché lo è.

(Tradotto dall’articolo What actually is antisemitism? scritto da Eric Heinz pubblicato su independent.co.uk venerdì 29 aprile 2016).

Domenico Moramarco

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App