Von der Leyen:Coronabond, nulla è escluso (Altre News)

Oltre 700 morti a New York e Trump pensa a quarantena - Londra:"20mila morti in Gb? Buon risultato" - Spagna 832 nuovi decessi - 319 morti in Francia - Stato Vaticano:sei positivi

MONDO_29_3_20.jpg

Von der Leyen:Coronabond solo slogan.Poi chiarisce:Nulla è escluso

cms_16797/vonderleyen_seria_afp.jpg

Prima la stroncatura, poi il chiarimento. Ursula von der Leyen ha inizialmente a dir poco ridimensionato l’ipotesi dei coronabond auspicati dall’Italia e da altri Paesi europei per rispondere all’emergenza coronavirus. In un’intervista alla Dpa, la presidente della Commissione Ue ha detto: "La parola coronabond è una sorta di slogan, dietro c’è la grande questione delle garanzie, le riserve della Germania ma anche di altri Paesi europei sono giustificate". "Ci sono limiti molto giuridici molto chiari, non stiamo lavorando ad un piano" per i coronabond, ha quindi sottolineato.

"L’Italia non è colpevole della crisi esplosa con il coronavirus ed è colpita economicamente in modo molto pesante, bisogna salvare le aziende", ha poi aggiunto von der Leyen, secondo cui "il Consiglio ha incaricato la Commissione di elaborare il piano di ricostruzione, ed è quello su cui stiamo lavorando".

Se l’’Europa rischia di spaccarsi? "Dipende da noi. All’inizio abbiamo intravisto l’abisso. Ora vediamo il positivo e siamo forti insieme", ha detto poi von der Leyen, secondo la quale ora molti stanno comprendendo che ogni paese europeo è più forte grazie agli altri. "Per questo, di fronte ad una crisi così forte c’è anche un’occasione per l’Europa di reinventarsi". Secondo la presidente della Commissione, i 27 stanno dimostrando di avere fede e fiducia. "Per questo - ha detto - il Consiglio ha affidato alla Commissione la exit strategy e il piano per ricostruire".

La presidente della Commissione europea non ha nascosto la sua preoccupazione che il divario economico possa crescere in Europa: "L’obiettivo in Europa è stato sempre di crescere insieme in termini economici".

Poi è arrivato un chiarimento. "In questa congiuntura, la Presidente non esclude alcuna opzione entro i limiti del trattato", si legge in una dichiarazione della presidente della Commissione europea diffusa in seguito alle polemiche suscitate dalla sua intervista. "Come primo passo stiamo lavorando su una piena flessibilità dei fondi esistenti, come i fondi strutturali. Ciò fornirà immediato sostegno", ha aggiunto. "Per assicurare la ripresa, la Commissione proporrà dei cambiamenti alle proposte per il quadro finanziario pluriennale in modo affrontare le conseguenze della crisi del coronavirus. Queste comprenderanno un pacchetto di stimolo che assicurerà il mantenimento della coesione in seno all’unione attraverso la solidarietà e la responsabilità".

Coronavirus, oltre 700 morti a New York e Trump pensa a quarantena

cms_16797/coronavirus_ny_afp_2803.jpg

Sono almeno 728 le persone morte a New York per il coronavirus. Lo ha detto il governatore di questo Stato, Andrew Cuomo, aggiungendo che i contagiati sono ormai 52.318. Ieri sono state 172 le persone ricoverate in terapia intensiva.

Il picco di contagi da coronavirus nella Grande Mela arriverà fra 14-21 giorn, ha aggiunto Cuomo, evidenziando che a quel punto serviranno 140mila posti letti negli ospedali della città. Intervenuto nell’ormai consueta conferenza stampa giornaliera sulla situazione coronavirus, Cuomo ha sottolineato che il reperimento di respiratori rimane la massima priorità.

Per alleggerire il carico sugli ospedali, lunedì arriverà nel porto della città l’unità navale Usns Comfort, che servirà da nave ospedale. Verranno messi così a disposizione mille posti letti aggiuntivi per malati di coronavirus.

TRUMP - "Lo stiamo valutando e prenderemo una decisione". Donald Trump si è espresso così sull’ipotesi di imporre la quarantena a New York. "Sarebbe per un periodo breve di tempo" per alcuni parti dello stato di New York, del Connecticut e del New Jersey, ha aggiunto, precisando: "Ne parlerò con il governatore".

CUOMO - Quarantena a New York? Il governatore Cuomo ha detto che il presidente Donald Trump non gliene ha parlato e ha aggiunto di non sapere "cosa significhi". "Ho parlato con il presidente della nave ospedale che sta arrivando", ha detto Cuomo in conferenza stampa, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano delle parole di Trump su una possibile quarantena a New York. "Non ho parlato con lui di alcuna quarantena, non abbiamo avuto questa conversazione. Non so nemmeno cosa significhi", ha affermato il governatore democratico.

Coronavirus, Londra: "20mila morti in Gb? Buon risultato"

cms_16797/Londra_coronavirus_gb_afp_2803.jpg

Se il bilancio dei decessi per il coronavirus nel Regno Unito rimarrà sotto 20mila morti "avremo fatto molto bene". A fare questa scioccante considerazione è Stephen Powis, direttore medico del sistema sanitario pubblico inglese, intervenuto al briefing giornaliero del governo britannico.

"Possiamo battere questo virus, possiamo ridurre il numero delle vittime, ma solo se le persone prenderanno sul serio le misure di distanziamento sociale. Ognuno di noi ha un ruolo da ricoprire, sappiamo che può funzionare", dice Powis ribadendo, come si legge sul Guardian, che 20mila decessi sarebbero "un buon risultato". "Avete la possibilità di salvare vite. E’ semplicemente così: evitate contatti con gli altri, state a casa. Se avete i sintomi, state in isolamento. Questo signficherà meno morti".

Coronavirus, in Spagna 832 nuovi decessi in un giorno

cms_16797/virus_spagna28_afp.jpg

Sono stati registrati in Spagna 832 nuovi decessi a causa del nuovo coronavirus nelle ultime 24 ore. E’ il numero più alto registrato in un singolo giorno dall’inizio dell’epidemia, dopo il già pesante bilancio di ieri, con 769 morti. Sono morte nel paese dopo aver contratto il Covid-19 un totale di 5.690 persone. Il numero dei contagi confermati è di 72.248, 8.100 più di ieri. Il ministero della sanità ha reso noto che sono guarite in tutto 12.285 persone.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha annunciato un inasprimento delle misure di confinamento anti coronavirus. A partire da lunedì e per i prossimi 15 giorni tutti i lavoratori non essenziali dovranno rimanere a casa, ha affermato. Gli impiegati saranno in permesso retribuito.

Coronavirus, 319 morti in Francia

cms_16797/francia_covid_afp.jpg

In Francia nelle ultime 24 ore sono morte a causa del coronavirus altre 319 persone. Ne hanno dato notizia le autorità, secondo cui sale così a 2.314 il numero dei decessi nel Paese, dove si contano anche 4.273 pazienti in rianimazione. "Voglio parlare chiaro ai nostri connazionali", ha detto il primo ministro francese Edouard Philippe, i primi 15 giorni di aprile "saranno ancora più difficili dei 15 giorni appena trascorsi". "La lotta è appena iniziata", ha aggiunto, citato dal sito di le Figaro, aggiungendo che il progredire dell’epidemia Oltralpe è molto rapido e coerente con quanto sta avvenendo in Italia.

La Francia ha ordinato oltre un miliardo di mascherine per proteggere medici e infermieri. Lo ha annunciato il ministro della Salute Olivier Veran, spiegando che le ordinazioni sono state fatte in tutto il mondo, in particolare in Cina. Le consegne verranno scaglionate nelle prossime settimane e mesi, ha aggiunto, citato dal sito di le Figaro. Per facilitare le consegne è stato organizzato un ponte aereo fra Francia e Cina. Veran ha poi detto che sono stati ordinati anche 5 milioni di test per individuare rapidamente, in 15 minuti, l’infezione. L’obiettivo è poter fare 30mila test rapidi in più al giorno a fine aprile, 60mila a fine maggio e 100mila a fine giugno.

Coronavirus,Stato Vaticano:sei positivi

cms_16797/coronavirus_Vaticano_fg.jpg

In Vaticano, ad oggi, sono sei le persone positive al coronavirus. Non sono coinvolti né il Papa né i suoi più stretti collaboratori. Nei giorni scorsi sono stati effettuati più di 170 tamponi. L’aggiornamento sull’emergenza Covid-19 nella Città del Vaticano arriva dal portavoce Matteo Bruni.

"Nei giorni scorsi, nell’ambito dei controlli effettuati dalla Direzione Sanità Igiene dello Stato della Città del Vaticano in ottemperanza alle direttive sulla emergenza coronavirus, è stata individuata un’altra positività al Covid-19: si tratta di un ufficiale della Segreteria di Stato, residente a Santa Marta, che, presentando alcuni sintomi, era stato successivamente messo in isolamento fiduciario. Al momento - spiega Bruni riferendosi alle condizioni del monsignore -le sue condizioni di salute non presentano particolari criticità, ma in via cautelativa la persona è stata ricoverata in un ospedale romano sotto osservazione, in stretto contatto con le autorità della Direzione Sanità e Igiene".

"A seguito del riscontro positivo - ragguaglia ancora Bruni - sono state prese misure secondo i protocolli sanitari previsti, sia relativamente alla sanificazione degli ambienti, al luogo di lavoro e di residenza dell’interessato, sia rispetto alla ricostruzione dei contatti avuti nei giorni precedenti al riscontro. Le autorità sanitarie hanno effettuato test sulle persone a più stretto contatto con la positività individuata. I risultati hanno confermato l’assenza di altri casi positivi tra quanti risiedono a Casa Santa Marta, e una ulteriore positività tra i dipendenti della Santa Sede a più stretto contatto con l’ufficiale".

Nella nota si tutela la privacy delle persone coinvolte e non si fanno i nomi. Al di là dei quattro positivi di cui il Vaticano aveva dato contezza nei giorni scorsi, gli altri due casi sono appunto quello dell’alto prelato della Segreteria di Stato e del sacerdote pure lui operativo in Segreteria di Stato ma residente in un convento sull’Aurelia.

"In via precauzionale, visto questo ulteriore riscontro, sono stati adottati opportuni provvedimenti di sanificazione e sono stati effettuati nuovi test, in totale con i precedenti oltre 170, sui dipendenti della Santa Sede e i residenti della Domus. Questi ultimi test hanno dato tutti esito negativo. Le persone affette da Covid-19 tra dipendenti della Santa Sede e cittadini dello Stato della Città del Vaticano sono, dunque, attualmente 6. Posso confermare che non sono coinvolti né il Santo Padre, né i suoi più stretti collaboratori", spiega ancora il portavoce Vaticano.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App