VERDETTI RINVIATI ALL’ULTIMA GIORNATA PER INTER E NAPOLI

I NERAZZURRI CALANO IL TRIS (1-3) A PRAGA, MENTRE I CAMPANI PAREGGIANO (1-1) A LIVERPOOL

28_11_2019__CHAMPIONS_LEAGUE.jpg

Dopo le esaltanti vittorie di Juventus e Atalanta chiudono positivamente questo quinto turno della fase a gironi di Champions League anche le altre italiane, Napoli ed Inter. La prima pareggia a Liverpool, mentre la squadra nerazzurra vince a Praga. Il bilancio complessivo di questo turno, dunque, è di tre vittorie ed un pareggio. Alla luce di questi risultati la Juve – già qualificata agli ottavi - è prima nel proprio raggruppamento, mentre Napoli, Atalanta e Inter sono ancora in corsa per passare il turno.

LIVERPOOL - NAPOLI: 1-1

Al mitico “Anfield” di Liverpool il Napoli pareggia 1-1 e rimanda la festa per la qualificazione agli ottavi, obiettivo che quasi certamente dovrebbe raggiungere nell’ultima giornata, al “San Paolo”, contro il fanalino di coda Genk. Al termine di questo quarto turno, infatti, la situazione in classifica è la seguente: Liverpool 10, Napoli 9, Salisburgo 7 e Genk 1.

LA PARTITA

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

L’allenatore del Liverpool,Jurgen Klopp, con il 4-3-3 schiera: Alisson; Gomez, Lovren, Van Dijk, Robertson; Henderson, Fabinho, Milner; Salah, Firmino, Mané.

cms_15073/2_ancelotti_ADNKRONOS.jpg

Con il 4-4-2, invece, il tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, manda in campo: Meret; Maksimovic, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Di Lorenzo, Allan, Zielinski, Ruiz; Lozano, Mertens.

Buon primo tempo del Napoli che, dopo una fase di sostanziale equilibrio, passa in vantaggio con un preciso diagonale di Mertens (21’) ben servito da Di Lorenzo. Gli azzurri controllano la gara, complice anche una reazione poco convinta della squadra di Klopp. Solo nel finale gli inglesi provano a pungere con Van Dijk e Milner, ma in entrambi i casi paraMeret. Nella ripresa i Reds entrano in campo più determinati e così, dopo le conclusioni pericolose di Firmino (un paio di volte) e di Salah trovano il pareggio con un colpo di testa del difensore Lovren (65’). Nel finale la squadra inglese tenta un timido assedio, ma la gara termina sul risultato di parità.

SLAVIA PRAGA - INTER: 1-3

L’Inter non si arrende e così, nonostante i tanti infortuni, sbanca prepotentemente Praga e si rimette in corsa per la qualificazione agli ottavi di finale. Un traguardo non semplice per i nerazzurri che, nell’ultima giornata, giocheranno a “San Siro” contro il Barcellona, peraltro già agli ottavi e primo nel Girone F. La situazione in classifica, infatti, vede il Barcellona al comando con 11 punti seguito da Inter (7) Dortmund (7) e Slavia Praga (2).

LA PARTITA

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

Il tecnico dello Slavia Praga, Jindrich Trpisovský, con il 4-2-3-1 opta per: Kolar; Coufal, Frydrych, Kudela, Boril; Husbauer, Soucek; Masopust, Stanciu, Sevcik; Olayinka.

cms_15073/Conte_adnkronos.jpg

Con il 3-5-2, invece, l’allenatore dell’Inter, Antonio Conte, schiera: Handanovic; Godin, De Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino, Borja Valero, Brozovic, Biraghi; Lautaro Martinez, Lukaku.

Primo tempo vivace e ricco di emozioni tra due squadre bisognose di punti. Dopo un paio di occasioni pericolose – una per parte – di Husbauer e Martinez, l’Inter passa in vantaggio proprio con Lautaro Martinez (20’) abile a chiudere, con una mezza girata, un perfetto assist di Lukaku. Dopo il gol l’Inter concede un po’ di campo e così lo Slavia Praga ne approfitta. L’arbitro richiamato dal Var concede un calcio di rigore ai padroni di casa che pareggiano con Soucek (37’). Nella ripresa parte meglio l’Inter

ma è lo Slavia a rendersi pericoloso con Masopust. Ottimo l’intervento di Handanovic che devia in angolo. Grande reazione dell’Inter che, nel giro di tre minuti, colpisce due traverse con Lukaku e Brozovic. La partita è avvincente e così, nel giro di un minuto, le due squadre vanno ancora pericolosamente al tiro con Masopust e Martinez. Poco dopo, ancora un’altra clamorosa occasione capitata sui piedi di Martinez che, tutto solo davanti a Kolar, conclude incredibilmente fuori. Non sbaglia, invece, Lukaku (82’) che approfittando di un errore di un difensore dello Slavia si invola verso l’area, scarta il portiere e realizza la rete del vantaggio. Ma non è finita perché Martinez (88’) fissa definitivamente il match sul risultato di 1-3.

(Foto da adnkronos.com - si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App