VADEMECUM SEMISERIO DI ORRORI FASHION WINTER

QUANDO LO STILE CAMMINA SUL FILO DEL RASOIO!

VADEMECUM_SEMISERIO_DI_ORRORI_FASHION_WINTER_30_11_2019.jpg

La stagione invernale oltre al calo delle temperature, alla pioggia, al cielo plumbeo e alle poche ore di luce nasconde un’insidia ancor più grave per una fashion addicted, lo stile che soccombe sull’altare del comfy e del “stare al caldo”! Tanti outfit invernali che vediamo per le nostre strade gridano vendetta, perché coprirsi ed essere fashion contemporaneamente non è cosa da tutte e cadere sulla buccia di banana del fashion orror è più facile di quanto si pensi.

cms_15103/foto_1.jpg

L’orrore di stile più comune che vedo soprattutto in questo periodo dove il generale inverno non ha ancora definitivamente le redini della stagione è quello di creare outfit composti da un mix di tessuti, stampe e capi che appartengono a stagioni diverse. Ogni stagione ha le sue stampe, se le stampe pois, righe, animalier e floreale prestando per quella floreale particolarmente attenzione ai colori sono senza stagione e possono essere indossare in tutte le stagioni per le stampe jungle e tropical è un NO categorico all’indosso nella stagione fredda. Lo stesso discorso vale per i tessuti soprattutto per gli accessori, perché se la viscosa o la pelle per gli accessori sono tessuti trasversali, il cotone non rientra in questa categoria. Un pantalone in cotone o un semplice accessorio in tela di cotone anche se di colore scuro suscita puro orrore fashion alla stessa stregua che vedere sfilare con “ammirevole” nonchalange il velluto o l’eco fur declinati in accessori sull’asfalto infuocato in pieno agosto (e credetemi io l’ho visto!). La stessa filosofia di fashion deve essere applicata ai capi estivi come possono essere la minigonna o gli shorts in jeans dal lavaggio chiaro che avete lasciato nell’armadio con la falsa credenza che potevano essere indossati con una calza velata o, orrore degli orrori, con sotto un paio di leggings…lasciate perdere o voi che entrate nel dorato mondo dello stile! Chi legge da tempo i miei articoli quello che sto per scrivere lo sa perfettamente, ma come dire non è mai abbastanza scriverlo e ribadirlo: I LEGGINGS NON SONO DEI PANTALONI! Quindi NON possono essere indossati con t-shirt o pullover crop top e blazer corti…e NO non vale nemmeno se avete la silhouette di una top model, essere belle e in forma non vi esonera dal buon gusto. Alla stregua degli shorts anche il vestitino troppo leggero NON può essere indossato con un cardigan over e particolarmente voluminoso, l’effetto sarà stridente e sembrerete solo una che è uscita di casa frettolosamente perché è scattato l’allarme antincendio.

cms_15103/foto_2.jpg

Anche camminare sotto la pioggia ha le sue regole di stile, fatto salvo che l’eco fur è un must have di quest’inverno non c’è niente di più brutto e sciatto è una donna che cammina indossando un “cane bagnato” per di più ricordo che la pelliccia real o eco che sia non trasmette un buon odore se bagnata. Idem vale per gli accessori in camoscio che oltre a rovinarsi con la pioggia se declinati in colori chiari danno subito quell’aria sciatta e priva di stile. Fatto salvo che non può piovere per sempre e che la pazienza è la virtù delle fashioniste di certo ci saranno occasioni più consone per sfoggiare la vostra bellissima eco fur. Nelle giornate di pioggia sarete ugualmente glamour e super trendy indossando un trench in vinile (must have di stagione) e un bel paio di stivali o tronchetti in gomma o in vernice. I capi non saranno da buttare e una volta arrivate a destinazione, ad esempio in ufficio, darsi una ripulita sarà facile e senza lasciare tracce imbarazzanti.

cms_15103/foto_3.jpg

Un altro errore di stile molto popolare è il layering, popolarmente detto “vestirsi a cipolla” che se a piccole dosi è estremamente fashion l’eccesso è la pietra tombale dello stile. La zona rossa è superata se per layering intendete: maglietta della salute più dolcevita più pullover più cardigan più capospalla e dulcis in fundo sciarpone avvolgente, oltre ad apparire un tantino ridicole quello che deve mettervi il terrore addosso è la consapevolezza di acquistare almeno due taglie, di essere identificate con l’omino Michelin e di avere un’alta probabilità di essere tradite dal vostro compagno. Quindi diciamo un NO deciso al layering selvaggio!

cms_15103/foto_4.jpg

Anche nel fashion system l’usura è considerato un reato, dal vostro guardaroba devono sparire e sottolineo SPARIRE pullover in balia di pallini selvaggi, capi dai tessuti logori, jeans esageratamente strappati e scolorati, camicie bianche con aloni indelebili sotto le ascelle e camicie troppo strette con l’alibi “…tanto prima o poi dimagrisco”. Non sono ritenute prove a vostro discarico l’attaccamento affettivo e il “tanto l’indosso solo a casa!” Perché sappiamo bene come va a finire, si esce con il long coat in cachemire e l’orrore sotto per andare al mini market sotto casa o per scendere il cane. NO, una very fashion addicted non l’ho fa, lei è sempre stilosa, lei è una dura e pura dello stile!

cms_15103/foto_5.jpg

Chiudiamo con il vasto ed annoso capitolo su collant, calzini e parigine, assodato il MAI categorico al collant color carne a meno che non apparteniate ad una famiglia reale che lo impone per protocollo la prima regola di stile vuole che il collant non sia di una nuance più scura della calzatura scelta per l’outfit. Cercate nel limite del possibile di scegliere il collant del colore più simile alla scarpa tenendo bene a mente che un collant a forte contrasto con il colore della scarpa non solo è un pugno nell’occhio, ma pregiudica notevolmente le vostre gambe facendole apparire meno slanciate. La coppia inossidabile con la quale sarete sempre perfette è sempre lei, collant nero più scarpa nera che farà apparire le vostre gambe chilometriche. Non sono da disdegnare anche le combo grigio più grigio, blu più blu e marrone più marrone, mentre è un NO deciso alle combo collant neri e scarpa cuoio o nude o collant marroni più scarpa nera. La questione si fa più spinosa se si decide di indossare una décolleté nude con un look total white o dalle nuance neutre o una décolleté dal colore insolito come possono essere le nuance fluo. Purtroppo la soluzione di stile corretta non vi piacerà, ma l’unica possibilità fatto salvo che è da escludere il collant bianco per il total white o color carne è la gamba nuda. Di conseguenza riservate questa opzione quando siete certe che non camminerete per molto tempo a piedi e che siete dirette in un luogo caldo, quando le temperature non sono troppo rigide, quando non piove o non nevica altrimenti cadere nel ridicolo è un attimo. Come potete notare guardando la foto qui sopra quanto una calza sbagliata nel colore può ammazzare anche l’outfit più chic con gravi ripercussioni per le nostre gambe che a causa di questo stacco netto di colore tra abito, collant e scarpa risultino fortemente penalizzate.

cms_15103/foto_6.jpg

Le sneakers si indossano in modo chic a pelle e per le fashion victim con il calzettone di spugna, mai e poi mai con il collant ecco perché sono vivamente sconsigliate d’inverno con il mini dress, con una gonna midi o corta. Di contro vanno bene indossate con il maxi dress e il gonnellone perché possono essere indossate a pelle o con un calzino in cachemire della stessa nuance dell’abito o della gonna. Se amate indossare mini dress e gonne corte un’ottima alternativa alle sneakers sono le ballerine che possono essere indossate con un paio di collant super coprenti in nuance con la ballerina, zero tacchi, ma per effetto ottico gambe slanciate. Le stringate maschili e i mocassini possono essere indossati sotto il pantalone, il maxi dress o una gonna lunga con un calzino in cachemire anche stampato (l’importante è che riprenda almeno uno dei colori dell’outfit). Le parigine invece saranno l’accessorio chic se amate indossare le stringate e i mocassini con la gonna corta, ma NON con i collant sotto, primo perché è un fashion orror, secondo perché farebbero scivolare le parigine che diventerebbero degli scaldamuscoli. Per quanto riguarda i sandali che devono essere per la stagione fredda (in velluto o pelle) e NON estivi per colore e materiale da indossare con il calzino è un trend che personalmente amo, ma bisogna essere davvero brave nel creare l’outfit perché passare da chic a trash è un attimo!

T. Velvet

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su