Una “questione morale”

Le aggressioni ai medici e il valore della vita umana

Le_aggressioni_ai_medici_e_il_valore_della_vita_umana.jpg

L’episodio di Palermo, che vede protagonisti due genitori colpiti dalla prematura morte del figlio neonato, ci induce a una riflessione su quanto ci sta accadendo e sulla concezione che abbiamo della nostra e dell’altrui vita.

Il piccolo, venuto al mondo a sole 30 settimane di gestazione, era affetto da una grave patologia tumorale. I medici hanno provato a rimuovere la neoplasia con un intervento di emergenza, ma il neonato non ce l’ha fatta. A quel punto è scattata l’ira dei genitori, che hanno massacrato di botte i sanitari.

cms_8922/2a.jpgAttribuendo poteri miracolosi alla scienza, si è portati a non accettare il fallimento dei medici, i quali talvolta devono arrendersi davanti a situazioni critiche e spesso irrisolvibili. D’altra parte, non accettando la morte dei propri cari, si reputa che l’altrui esistenza abbia uno scarso valore: per questo, spesso, gli episodi di violenza provocano conseguenze drammatiche.

Quanto accaduto a Palermo non è un episodio isolato: sono sempre più frequenti gli assalti ai pronto soccorso o ai reparti ospedalieri ad opera di parenti di ammalati deceduti per cause il più delle volte indipendenti dall’operato dei medici.

È pur vero che, in alcuni casi, l’errore umano è la causa di episodi di malasanità; in questa evenienza, tuttavia, vi sono organi preposti - il Tribunale del malato e la Magistratura - a cui occorre affidarsi.

cms_8922/3a.jpgIl circolo vizioso che viene a crearsi a danno del paziente vede il medico gravato da uno stato d’ansia continuo, che gli impedisce di svolgere serenamente il proprio operato. Ne risente anche l’ammalato (o i suoi familiari), che non accetta la fallibilità delle persone che svolgono questa professione densa di responsabilità.

La morte, specie se quella di un bambino, è un evento drammatico ed inaccettabile, sebbene sia essa strettamente collegata alla vita. Se imparassimo ad accettare il valore del dono che riceviamo al momento della nascita, comprenderemmo che ogni reazione violenta è sempre e comunque da condannare, che l’uomo in quanto tale è fallibile e che nessuno è esente da errori.

L. D.A.

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App