Turkey elections

Erdogan victory risks making country an authoritarian state sliding into Syrian mire

ELEZIONI_TURCHIA.jpg

Turks vote on Sunday to choose a new parliament amid fears that Turkey is turning into an authoritarian one-party state and political, ethnic and religious polarisation is so great that the country is becoming permanently unstable.

cms_2916/2.jpg

President Recep Tayyip Erdogan and his Justice and Development Party (AKP), in power since 2002, need to elect just 18 more MPs to win back the majority in parliament that they lost in the last election on 7 June. If they succeed, then Mr Erdogan will be able to expand his already extensive power over the state, security forces, media and judiciary.

cms_2916/3.jpg

The election outcome is too finely balanced to predict, according to the latest opinion polls, which show that as many as 50 million Turks are intending to vote. The AKP is expected to slightly increase its share of the votes to 42 to 43 per cent and the opposition Republican People’s Party’s (CHP) vote is forecast to rise to 26 to 28 per cent. The most important development of the last election was the pro-Kurdish People’s Democratic Party (HDP) getting 13 per cent – well above the crucial 10 per cent level that a party must reach to get representation in parliament. The HDP’s success deprived the AKP of its majority and precipitated a five-month-long crisis in which this election is the latest, but probably not the last, episode. The AKP is unlikely to win back Kurdish support and is looking to take votes from the floundering right-wing anti-Kurdish Nationalist Movement Party (MHP) to get at least 276 seats in the 550-seat parliament.

cms_2916/4.jpg

The election is taking place in an atmosphere of agitation and fear because of suicide bomb attacks on pro-Kurdish activists and demonstrators, which were blamed on Isis. The most recent attack, on 10 October in Ankara, left 102 dead. It was the worst terrorist incident in the history of Turkey and has led all parties, aside from the AKP, to cancel their campaign rallies. The ability of the opposition to promote their policies was already limited by state television’s almost exclusive focus on Mr Erdogan and the AKP. Private media companies have been intimidated or taken over. Voters interviewed by The Independent all speak of widening fault lines dividing Turkish society. Ismail Dogmusoz, a 29-year-old accountant originally from Mardin in southern Turkey close to the Syrian border, said that “divisions in terms of race, language and religion might deepen even further after the election.”

cms_2916/5.jpg

The rise of Isis and the proximity of a savage sectarian and ethnic civil war in Iraq and Syria is helping to poison the political atmosphere. Mr Dogmusoz cynically believes that, although polarisation of opinion may grow after the poll, violence might simultaneously decline if the AKP wins, because he suspects the ruling party of inciting or tolerating the upsurge in disorder to persuade Turks that the only alternative to Mr Erdogan and the AKP is anarchy. But Mr Erdogan and the AKP are not solely or even mainly reliant for their political strength on partisan use of the security forces and judiciary, media bias, patronage and demagoguery. Elections in Turkey since 1950 have shown that there is a permanent centre-right majority, though it was for long constrained by military interventionism and by military coups.

cms_2916/6.jpg

Though theoretically in power since 2002, the AKP only gradually took control of centres of power like the army, state apparatus, media and judiciary. Having done so, it is not showing any mercy to its opponents. Nor does the AKP show restraint in enjoying the profits of power: Mr Dogmusoz says that the AKP treats the Turkish state as if it owned it and “they have spread to every position in it like a virus.” But a 32-year-old clinical psychologist living in Istanbul, who did not want her name published, disagrees and said she intended to vote AKP because it represented stability while the politics of the other three parties simply amounted to saying that “they are against AKP and against Erdogan”. She added: “I don’t believe the Kurdish and Turkish nationalist parties can produce solutions for all citizens.”

cms_2916/7.jpg

The most telling argument for backing Mr Erdogan, according to the psychologist, is that “he turned Turkey into a middle-income country from being a low-income one.” She speaks enthusiastically of new roads, new bridges, new tunnels and new airports with cheaper air fares. In saying that Mr Erdogan alone has the influence to negotiate an agreement with the Kurds, she is probably right but that does not mean that he is going to do so. Zeynep Cermen, a journalist in her thirties living in Istanbul, wholly disagrees with this, saying that it is clear to her that Turkey is “evolving into an authoritarian state” and is being sucked into “the Syrian quagmire”. She sees extremism everywhere and is frightened by the growth of what she describes as nationalist fascism and claims support for Isis is at 10 per cent.

cms_2916/8.jpg

She says: “I would do anything to send my children to school abroad because the Turkish educational system is deteriorating.” Some parents attribute this to the government experimenting with more Islamic instruction in school. Ms Cermen is in despair over the decline in the status of women who she says are being harassed and criticised over everything from abortion to the way they laugh in public. Her misgivings are echoed by Fatma, a 43-year-old professional in Ankara, who was shocked both when football crowds jeered during a minute’s silence for the victims of the Ankara bomb blast and when doctors who treated people beaten up by the police were imprisoned.

cms_2916/9.jpg

Fatma complains that merit and expertise are ignored while “everything from high-level bureaucratic positions to large-scale construction projects are apportioned in a corrupt system of nepotism and cronyism, and every bit of injustice creates its own backlash.” Perhaps the greatest danger facing the 78 million Turkish population is that crises affecting Turkey abroad and at home are beginning to combine and cross-infect each other. Thus, the relations between the Turkish state and the 15-20 per cent of the population who are of Kurdish ethnicity have become more antagonistic and violent over the past year. But this hostility is exacerbated by the war in Syria where the Syrian Kurds, once a marginalised minority, have set up their own quasi-sate called Rojava.

cms_2916/10.jpeg

Isis has every incentive to increase ethnic and sectarian divisions in Turkey and is doing so successfully through its suicide bomb attacks. Kurds and some of the Turkish opposition accuse the government of creating conditions in which Isis can successfully operate. Drawing on its experience in Iraq and Syria, Isis is expert at carrying out atrocities that provoke a vicious circle of retaliatory killings and massacres. The outcome of tomorrow’s election is unlikely to produce a clear-cut result, but even if it does, it may still not produce stability because divisions are too wide. Even the government’s takeover of much of the media seems to be having only a limited impact because people were already entrenched in their opinions. For the moment, Turkey exists in a state of permanent crisis.

cms_2916/italfahne.jpgElezioni turche: una vittoria di Erdogan rischierebbe di far diventare il paese uno stato autoritario e farlo scivolare nel pantano siriano.
I turchi voteranno domenica per scegliere un nuovo parlamento col timore che la Turchia si stia trasformando in uno stato a partito unico autoritario e con una polarizzazione politica, etnica e religiosa, così grande da renderlo permanentemente instabile. Il presidente Recep Tayyip Erdogan e il suo Partito di giustizia e sviluppo (Akp), al potere dal 2002, hanno bisogno di eleggere solo altri 18 parlamentari per riconquistare la maggioranza in parlamento, quelli che hanno perso nelle ultime elezioni del 7 giugno. Se ci riusciranno, allora Erdogan sarà in grado di espandere il suo già vasto potere sullo Stato, sulle forze di sicurezza, sui media e sul potere giudiziario. Il risultato delle elezioni è troppo finemente equilibrato per prevedere, secondo gli ultimi sondaggi, che mostrano come ben 50 milioni di turchi hanno intenzione di votare. L’AKP dovrebbe aumentare leggermente la propria quota dei voti al 42 e 43 per cento e il voto del partito di opposizione, il Partito repubblicano del popolo (CHP), dovrebbe aumentare al 26-28 per cento. Lo sviluppo più importante delle ultime elezioni è stato del partito democratico per il popolo pro-curdi (HDP) ottenendo il 13 per cento – ben al di sopra del cruciale 10 per cento, la percentuale che un partito deve raggiungere per ottenere la rappresentanza in parlamento. Il successo dell’HDP ha privato l’AKP della sua maggioranza e provocato cinque mesi di lunga crisi di cui queste elezioni sono l’ultimo, ma probabilmente non l’ultimo, episodio. L’AKP è improbabile che riconquisti il supporto curdo e sta cercando di prendere voti dal Partito del Movimento Nazionalista di destra anti-curdo (MHP) per ottenere almeno 276 seggi nel parlamento composto da 550 seggi. L’elezione si svolgerà in un clima di agitazione e paura a causa di attentati suicidi contro gli attivisti pro-curdi e i manifestanti, che sono stati incolpati di aderire all’Isis. L’attacco più recente, il 10 ottobre ad Ankara, ha provocato 102 morti. E ’stato il peggior incidente terroristico nella storia della Turchia e ha portato tutte le parti, a parte l’Akp, ad annullare i comizi elettorali. La capacità dell’opposizione di promuovere le loro politiche è già stato limitato dalla focalizzazione quasi esclusiva della televisione di stato su Erdogan e sull’Akp. Le società di media privati ​​sono stati intimiditi o fatte desistere. Gli elettori intervistati dall’The Independent parlano tutti di ampliare le linee di faglia che dividono la società turca. Ismail Dogmusoz, un ragioniere di 29 anni, originario di Mardin nel sud della Turchia, vicino al confine siriano, ha detto che "le divisioni in termini di razza, di lingua e di religione potrebbero aumentare ancora di più dopo le elezioni." L’ascesa dell’Isis e la vicinanza di una guerra civile settaria ed etnica selvaggia in Iraq e in Siria sta aiutando ad avvelenare il clima politico. Dogmusoz ritiene cinicamente che, anche se la polarizzazione dell’opinione potrebbe crescere dopo lo scrutinio, la violenza potrebbe contemporaneamente diminuire se vincesse l’AKP, perché incitare o tollerare l’aumento dei disordini nel partito di governo convince i turchi che l’unica alternativa a Erdogan e l’AKP è l’anarchia. Ma Erdogan e l’Akp non sono gli unici o i maggiori affidatari della loro forza politica sull’uso di parte delle forze di sicurezza e della magistratura, dei media, del clientelismo e della demagogia. Le elezioni in Turchia dal 1950 hanno dimostrato che vi è una permanente maggioranza di centro-destra, anche se era a lungo limitata da un interventismo militare e dai colpi di stato militari. Anche se teoricamente al potere dal 2002, l’AKP ha solo gradualmente preso il controllo dei centri di potere come l’esercito, l’apparato statale, i media e il potere giudiziario. Dopo aver fatto ciò, non sta mostrando alcuna pietà per i suoi oppositori. Né l’AKP mostra indugi a godere dei profitti del potere: Dogmusoz dice che l’AKP considera lo stato turco come se lo stesso fosse posseduto e "si sono insediati in ogni posizione come un virus." Una trentaduenne psicologa clinica che vive a Istanbul, che non voleva fosse pubblicato il suo nome, non è d’accordo e ha detto che voterà l’Akp perché rappresenta la stabilità, mentre la politica degli altri tre partiti semplicemente si limitano a dire che sono contro l’AKP e contro Erdogan. Ha aggiunto: "Non credo che i partiti nazionalisti curdi e turchi siano in grado di produrre soluzioni per tutti i cittadini". L’argomento più eloquente per il sostegno a Erdogan, secondo la psicologa, è che ha trasformato la Turchia da un paese con un basso reddito in un paese con un medio-reddito". Parla con entusiasmo di nuove strade, nuovi ponti, nuove gallerie e nuovi aeroporti con tariffe aeree più convenienti. Da solo Erdogan ha l’influenza di negoziare un accordo con i curdi, probabilmente ha ragione, ma questo non significa che egli lo stia facendo. Zeynep Cermen, una giornalista sulla trentina che vive a Istanbul, è in totale disaccordo con questo, dicendo che è chiaro come la Turchia si sta "trasformando in uno stato autoritario" e con il rischio di essere risucchiato nel "pantano siriano". Vede l’estremismo ovunque ed è spaventata dalla crescita di quello che lei descrive come il fascismo nazionalista e le richieste di supporto all’Isis siano al 10 per cento. Lei dice: "Farei qualsiasi cosa per mandare i miei figli a scuola all’estero perché il sistema educativo turco si sta deteriorando". Alcuni genitori attribuiscono al governo il proporre a scuola un’istruzione più islamica. Cermen è disperata per il declino della condizione della donna che dice essere perseguitata e criticata su tutto dall’aborto al modo in cui ride in pubblico. I suoi timori sono gli stessi di Fatma, una quarantatreenne professionista di Ankara, che è stata sconvolta sia quando folle di tifosi protestarono durante un minuto di silenzio per le vittime della bomba di Ankara e quando i medici che hanno curato le persone picchiate dalla polizia furono imprigionati . Fatma si lamenta che il merito e le competenze vengono ignorati mentre "tutto, dalle nomine dei burocrati ai progetti di costruzione su larga scala sono ripartiti in un sistema corrotto di nepotismo e clientelismo, e ogni occasione di ingiustizia fa il loro gioco." Forse il più grande pericolo per i 78 milioni del popolo turco è che le crisi che interessano la Turchia all’estero e in patria stanno cominciando a coniugare e si infettano a vicenda. Così, i rapporti tra lo Stato turco e il 15-20 per cento della popolazione che sono di etnia curda sono diventati più antagoniste e violente rispetto all’anno passato. Ma questa ostilità è aggravata dalla guerra in Siria, dove i curdi siriani, che una volta rappresentavano una minoranza emarginata, hanno istituito il loro quasi-stato chiamato Rojava. L’Isis ha tutto l’interesse ad aumentare le divisioni etniche e settarie in Turchia e lo fa con successo attraverso i suoi attentati suicidi. I curdi e alcuni dell’opposizione turca accusano il governo di creare le condizioni in cui l’Isis può operare con successo. Basandosi sulla sua esperienza in Iraq e Siria, l’Isis è esperto nel realizzare le atrocità che provocano un circolo vizioso di omicidi di rappresaglia e massacri. L’esito delle elezioni di domani è improbabile senza nemmeno un risultato chiaro, che, anche se sperato, non produrrebbe nemmeno stabilità perché le divisioni sono troppo ampie. L’acquisizione anche del governo di gran parte dei media sembra avere solo un impatto limitato perché le persone sono già trincerate dietro le loro opinioni. Per il momento, la Turchia è in uno stato in crisi permanente.

(Tradotto dall’articolo “Turkey elections: Erdogan victory risks making country an authoritarian state sliding into Syrian mire” scritto da Patrick Cockburn pubblicato sul sito independent.co.uk venerdì 30 ottobre 2015)

Domenico Moramarco

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App