The 65th Giacomo Puccini’s Festival in Torre del Lago

An occasion to relive places that inspired Maestro’s immortal melodies

1563065988The_65th_Giacomo_Puccini’s_Festival_in_Torre_del_Lago.jpg

cms_13463/1.jpg

The Puccini Festival in Torre del Lago is one of the most anticipated events of the rich cultural life of Tuscany, the most important opera festival in Italy and the only one in the world dedicated to the composer Giacomo Puccini which takes place every summer, in the months of July and August, precisely in the places that inspired Maestro Puccini’s immortal melodies.

cms_13463/2.jpg

Born in 1930 with the passing of the years it has become a prestigious event able to attract thousands of spectators from all over the world who at the Puccini Festival can listen to the greatest opera stars, under the direction of important orchestra conductors, and admire extraordinary set-ups curated by the most famous directors of Puccini masterpieces from Madama Butterfly, Turandot, La Bohème, Tosca to Manon Lescaut. Puccini’s works are staged in a large open-air theater of 3,400 seats, on the shores of Lake Massaiuccoli, surrounded by greenery just in front of the Puccini’s Casa Museo where the remains of the musician are kept and where you can admire finds and memorabilia of life and the glorious artistic story of Puccini.

cms_13463/3.jpg

The museum, which was managed with love and competence by the late Mrs Simonetta Puccini, grandson of the illustrious Giacomo, is for the tens of thousands of enthusiasts who visit it every year, it is the ideal starting point to discover numerous and interesting itineraries themed that unfold throughout the province of Lucca and in the most important art cities of Tuscany.

cms_13463/4.jpg

Giacomo Puccini was born in Lucca December 22, 1858 by a family of four generations is dedicated to music, both on the paternal than maternal. His father, Michael (1813-1864) died when James was just over five years, and the musical education of the boy is entrusted to the maternal uncle Fortunato Magi, then Carlo Angeloni, both alumni of the father. Following the family tradition, Puccini became a chorister (1868), then organist (1872); and in this capacity he is also active as a composer early. In 1874 he allowed the institute Musicale Pacini of Lucca, and two years later he wrote the Prelude to orchestra. In 1880 he took leave from Lucca with Messa di Gloria (Mass of Glory) that receives an excellent and, attracted by the theater, in November he moved to Milan to sustain the entrance exam at the Conservatory, where his teachers Antonio Bazzini, only just over a month, and Amilcare Ponchielli. In July 1883 he completed his studies by running as the final essay symphonic Capriccio, directed by Franco Faccio, who is very well judged.

cms_13463/6.jpg

In October, the publisher publishes Sonzogno melody for voice and piano Storiella love; at the same time he works in a one-act Le Willis, on a libretto by Ferdinando Fontana who got through the efforts of Ponchielli, and with this work participated in the first competition organized by Melodramatic Sonzogno. The work is not rewarded but, thanks to ‘help of some friends (including Ponchielli, Fountain, Arrigo Boito and Giulio Ricordi), is shown May 31, 1884 at the Teatro Dal Verme in Milan, with great success. Remember the buy and gives the author commissioned to write another one. Puccini returned to Lucca, where he began living with Elvira Bonturi, wife of the grocer Narciso Gemignani, who will marry only in 1904. Had the new booklet Fontana, Edgar, a dark story dating whose plot is reminiscent of Carmen, it begins the writing music with little conviction in the meantime (summer 1886) he moved to Monza with Elvira and her daughter, Fosca, and here on December 23 will be born the only son, Antonio.

cms_13463/8.jpg

When Edgar finally staged (Milan, Scala, April 21, 1889), it is a failure, the rest largely provided by the author and the publisher, which, however, confirms its confidence in the composer. Those are difficult times for Puccini, who in the meantime has been based in Milan, and think of new subjects: Sardou’s Tosca and Manon Lescaut Prévost. Chosen this subject, despite the risk of a dangerous confrontation with the acclaimed opera by Massenet and, in 1890, after a hard work of collaboration between Memories, Leoncavallo, Domenico Oliva and Marco Prague, the booklet is ready and Puccini can begin the composition in the new house of Torre del Lago. But before the work can be considered finished (autumn 1892), the booklet must be undergone extensive rebuilding trust in Luigi Illica with the advice of Giuseppe Giacosa. The February 1, 1893 triumph of Manon Lescaut brings to an end a long period of uncertainty: not only the subject more congenial, but also acquired the consciousness of having to exercise a regular check on the development libretto are the basis of the attained mastery.

cms_13463/7.jpg

A few months after Puccini chooses la Vie de Bohème Murger, and the booklet is still entrusted to Illica, with the collaboration of Giuseppe Giacosa. Working with a series of ups and downs of excitement and puzzlement that will remain a constant work Puccini covers all 1894 and 1895. And only on February 1 next La Bohème has its baptism in Turin with a lukewarm success. But that is making impressive during replication and during the shooting in other Italian theaters. Meanwhile Puccini is often on the road, followed by performances of his works in various Italian cities and abroad: since 1892 has been in Madrid for Edgar and Hamburg to Le Villi; then he went to Vienna and Paris, where in 1898 presents La Bohème with great success. However, the search for a new subject for the next work become a major concern of Puccini: Tosca and resurfaces the project, entrusted to the well proven experience of Illica and Giacosa. Processing libretto is once again very painful, even for perplexed Image and Giacosa, and the effort to adapt to the needs of Sardou.

cms_13463/9.jpg

As in La Bohème, also the first contact of the public with Tosca (Rome, 14 January 1900) is not exciting, but just a few months because the new work enters also in the repertoire of the major European theaters. In July 1900 Puccini saw in London drama Long and Belasco Madame Butterfly: the person who is chosen, setting aside other ideas, including a Marie Antoinette. I am always working Illica and Giacosa, struggling with the usual concerns; but the slowness with which we proceed this time is also caused by a serious car accident (in February 1903), which results in Puccini a broken leg and a particularly long convalescence. The first version of Madama Butterfly, in two acts (Milan, Scala, February 17, 1904) is a dismal failure; but only three months after the resumption of Brescia, in three acts, with some modifications and broad cuts, determine the success of the work. Now he talks about it to Marie Antoinette, and a triptych of stories of Gorky; It is also the time to travel to London and a long stay in Buenos Aires (1905). Then it was the turn of New York (1907), where Puccini had the opportunity to see a play by Belasco, who will be behind the new opera La Fanciulla del West. The librettists this time are Carlo Zangarini and Guelph Civinini. and the first performance took place, with a warm success, at the Metropolitan in New York (December 10, 1910). With the death of Giulio Ricordi (6 June 1912) ends the most intense creative period of Puccini, which is now attracted to the idea of ​​a collaboration with D’Annunzio, and back to think of a series of three one-act plays.

cms_13463/10.jpg

On all these projects prevails, however the substantial offer to Viennese operetta, which will be the swallow, written by Giuseppe Adami and destined publisher Sonzogno: born in the war years, in the face of great perplexity, the new work is represented in Montecarlo March 27, 1917, and will never have an easy time, despite the glaring changes which will be submitted. Meanwhile he took shape the “Triptych”, including Il Tabarro written by Giuseppe Adami, and two texts of Gioachino Forzano, Suor Angelica and Gianni Schicchi; The triptych is staged December 14, 1918 at the Metropolitan in New York. Turandot is the new entity that chooses Puccini early 1920 and which entrusts the elaboration of the well-proven libretto Giuseppe Adami, which joins the theatrical experience of Renato Simoni.

It’s a work that engages Puccini for many years, with a particularly alternate course, also because the composer suffer from throat in October 1924 will be diagnosed as cancer. In late 1923, the Turandot is almost complete, but still lack the final duet, the text of which is painstakingly reworked. While any tweaks and revisions, in September 1924 Puccini makes arrangements with Toscanini for the first performance, scheduled for April next, but on November 4, with the final duet not yet composed, Puccini to Brussels, where He was admitted to a clinic. 24 is operated by the throat, and died on November 29, 1924.

cms_13463/italfahne.jpgAl via la 65° edizione del Festival Giacomo Puccini a Torre del Lago

Un’occasione per rivivere i luoghi che hanno ispirato le melodie immortali del Maestro.

Il Festival Puccini di Torre del Lago è uno degli eventi più attesi della ricca vita culturale della Toscana, il più importante festival lirico d’Italia e l’unico al mondo dedicato al compositore Giacomo Puccini che si svolge ogni estate, nei mesi di luglio e agosto, proprio nei luoghi che ispirarono al maestro Puccini le sue immortali melodie.

Nato nel 1930 con il passare degli anni è diventato un appuntamento prestigioso capace di richiamare migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo che al Festival Puccini possono ascoltare le più grandi stelle della lirica, sotto la direzione di importanti direttori d’orchestra, ed ammirare straordinari allestimenti curati dai più famosi registi dei capolavori pucciniani da Madama Butterfly, Turandot, La Bohème, Tosca a Manon Lescaut. Le opere di Puccini vanno in scena in un grande teatro all’aperto di 3.400 posti, in riva al lago di Massaiuccoli, circondato dal verde proprio davanti alla Casa Museo del maestro Puccini dove sono custodite le spoglie del musicista e dove si possono ammirare reperti e cimeli della vita e della gloriosa vicenda artistica di Puccini.

Il museo, che era gestito con amore e competenza dalla compianta Signora Simonetta Puccini, nipote dell’illustre Giacomo, è per le decine di migliaia di appassionati che lo visitano ogni anno, è l’ideale punto di partenza alla scoperta di numerosi ed interessanti itinerari a tema che si snodano in tutta la provincia di Lucca e nelle più importanti città d’arte della Toscana.

Giacomo Puccini nasce a Lucca il 22 dicembre 1858 da una famiglia che da quattro generazioni è dedita alla musica, sia dal lato paterno che materno. Il padre, Michele (1813-1864) muore quando Giacomo ha poco più di cinque anni, e l’educazione musicale del ragazzo viene affidata allo zio materno Fortunato Magi, poi a Carlo Angeloni, entrambi ex allievi del padre. Seguendo le tradizioni familiari, Puccini diventa fanciullo cantore (1868), quindi organista (1872); e in questa veste è attivo anche come precoce compositore. Nel 1874 è ammesso all’istituto Musicale Pacini di Lucca, e due anni dopo scrive il Preludio a orchestra. Nel 1880 si congeda da Lucca con una Messa di gloria che riceve un’ottima accoglienza e, attratto dal teatro, nel novembre si trasferisce a Milano per sostenervi l’esame di ammissione al Conservatorio, dove ebbe come insegnanti Antonio Bazzini, soltanto per poco più di un mese, e Amilcare Ponchielli. Nel luglio 1883 conclude gli studi facendo eseguire come saggio finale il Capriccio sinfonico, diretto da Franco Faccio, che viene molto ben giudicato.

In ottobre l’editore Sonzogno pubblica la melodia per canto e pianoforte Storiella d’amore; nello stesso periodo lavora a un’opera in un atto, Le Willis, su un libretto di Ferdinando Fontana che ha ottenuto grazie all’interessamento di Ponchielli, e con quest’opera partecipa al primo Concorso Melodrammatico organizzato da Sonzogno. L’opera non viene premiata ma, grazie all’ aiuto di alcuni amici (fra cui Ponchielli, Fontana, Arrigo Boito e Giulio Ricordi), viene rappresentata il 31 maggio 1884 al Teatro Dal Verme di Milano, ottenendo un grande successo. Ricordi la acquista e dà all’autore l’incarico di scriverne un’altra.

Giacomo Puccini torna a Lucca, dove inizia la convivenza con Elvira Bonturi, moglie del droghiere Narciso Gemignani, che potrà sposare solo nel 1904. Avuto il nuovo libretto di Fontana, Edgar, una storia a fosche tinte la cui trama ricorda quella della Carmen, ne inizia la stesura musicale con poca convinzione: nel frattempo (estate 1886) si è trasferito a Monza con Elvira e la figlia di lei, Fosca, e qui il 23 dicembre nascerà l’unico figlio, Antonio. Quando finalmente Edgar va in scena (Milano, Scala, 21 aprile 1889), è un insuccesso, del resto largamente previsto dall’autore e dall’editore, il quale tuttavia conferma la sua fiducia al compositore. Sono momenti difficili per Puccini, che nel frattempo si è stabilito a Milano, e pensa a nuovi soggetti: la Tosca di Sardou e la Manon Lescaut di Prévost. Viene scelto quest’ultimo soggetto, malgrado il rischio di un pericoloso confronto con l’acclamata opera di Massenet e, nel 1890, dopo un faticoso lavoro di collaborazione fra Ricordi, Leoncavallo, Domenico Oliva e Marco Praga, il libretto è pronto e Puccini può iniziarne la composizione nella nuova casa di Torre del Lago. Ma prima che l’opera possa dirsi compiuta (autunno 1892), il libretto deve essere sottoposto ad ampi rifacimenti, affidati a Luigi Illica con la consulenza di Giuseppe Giacosa. Il primo febbraio 1893 il trionfo di Manon Lescaut pone fine a un lungo periodo di incertezze: non solo il soggetto più congeniale, ma anche l’acquisita coscienza di dover esercitare un assiduo controllo sull’elaborazione librettistica sono alla base della raggiunta maestria.

Pochi mesi dopo Puccini sceglie la Vie de Bohème di Murger, e il libretto viene affidato ancora a Illica, con la collaborazione di Giuseppe Giacosa. Il lavoro con una serie di alti e bassi di entusiasmo e di perplessità, che resteranno una costante del lavoro pucciniano copre tutto il 1894 e il 1895. E solo il primo febbraio successivo La Bohème ha il suo battesimo a Torino: con un tiepido successo, che va però facendosi imponente nel corso delle repliche e in occasione delle riprese in altri teatri italiani. Intanto Giacomo Puccini è spesso in viaggio, a seguire esecuzioni di sue opere in varie città italiane e anche all’estero: fin dal 1892 è stato a Madrid per Edgar e ad Amburgo per Le Villi; poi si reca a Vienna e a Parigi, dove nel 1898 presenta La Bohème con grande successo. Tuttavia, la ricerca di un nuovo soggetto per l’opera successiva diventa una delle principali preoccupazioni di Puccini: e riaffiora il progetto di Tosca, affidata alla ben collaudata esperienza di Illica e Giacosa.

L’elaborazione librettistica è ancora una volta molto sofferta, anche per le perplessità dell’editore e di Giacosa, e per lo sforzo di adeguarsi alle esigenze di Sardou. Come già per La Bohème, anche il primo contatto del pubblico con Tosca (Roma, 14 gennaio 1900) non è esaltante, ma bastano pochi mesi perché la nuova opera entri anch’essa nel repertorio dei maggiori teatri europei. Nel luglio 1900 Puccini vede a Londra il dramma di Long e Belasco Madame Butterfly: soggetto che viene scelto, mettendo da parte altri spunti, fra cui una Maria Antonietta. Sono sempre al lavoro Illica e Giacosa, alle prese con le solite perplessità; ma la lentezza con cui si procede questa volta è causata anche da un grave incidente automobilistico (febbraio 1903), che provoca a Puccini la frattura di una gamba e una convalescenza particolarmente lunga. La prima versione di Madama Butterfly, in due atti (Milano, Scala, 17 febbraio 1904) è un clamoroso insuccesso; ma dopo solo tre mesi la ripresa di Brescia, in tre atti, con alcune modifiche e ampi tagli, decreta il successo dell’opera. Ora si riparla di Maria Antonietta, e di un trittico su racconti di Gorkij; è anche il momento di viaggi a Londra e di un lungo soggiorno a Buenos Aires (1905). Poi è la volta di New York (1907), dove Giacomo Puccini ha occasione di vedere un dramma di Belasco, che sarà alla base della nuova opera La fanciulla del West. I librettisti questa volta sono Carlo Zangarini e Guelfo Civinini. e la prima rappresentazione ebbe luogo, con un successo caloroso, al Metropolitan di New York (10 dicembre 1910).

Con la morte di Giulio Ricordi (6 giugno 1912) finisce il più intenso periodo creativo di Puccini, che ora è attratto dall’idea di una collaborazione con D’Annunzio, e torna a pensare a una serie di tre atti unici. Su tutti questi progetti prevale tuttavia la sostanziosa offerta viennese per un’operetta, che sarà poi La rondine, scritta da Giuseppe Adami e destinata all’editore Sonzogno: nata negli anni di guerra, in mezzo a molte perplessità, la nuova opera viene rappresentata a Montecarlo il 27 marzo 1917, e non avrà mai vita facile, malgrado le vistose modifiche cui verrà sottoposta.

Nel frattempo ha preso corpo il cosiddetto “Trittico”, comprendente Il tabarro scritto da Giuseppe Adami, e due testi di Gioachino Forzano, Suor Angelica e Gianni Schicchi; il trittico va in scena il 14 dicembre 1918 al Metropolitan di New York. Turandot è il nuovo soggetto che Giacomo Puccini sceglie all’inizio del 1920 e che affida all’elaborazione librettistica del ben collaudato Giuseppe Adami, cui si unisce l’esperienza teatrale di Renato Simoni. E’ un lavoro che impegna Puccini per vari anni, con un decorso particolarmente alterno, anche perché il compositore soffre di disturbi alla gola che nell’ottobre 1924 saranno diagnosticati come cancro. Verso la fine del 1923 la Turandot è quasi compiuta, ma ancora manca il duetto finale, il cui testo viene faticosamente rielaborato. Mentre sono in corso ritocchi e rifacimenti, nel settembre 1924 Giacomo Puccini prende accordi con Toscanini per la prima rappresentazione dell’opera, prevista per l’aprile seguente, ma il 4 novembre, con il duetto finale non ancora composto, Puccini parte per Bruxelles, dove viene ricoverato in una clinica. Il 24 viene operato alla gola, e muore il 29 novembre 1924.

Domenico Moramarco

Tags: Festival Giacomo Puccini Torre del Lago Boheme Tosca Turandot

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su