Sri Lanka, Rajapaksa è il nuovo presidente

La Louisiana sceglie governatore dem - Hong Kong, polizia schiera cannoni ad acqua e blindati - Germania, sindaco Dresda: "A est cittadini si sentono di serie B"

MONDO_18_11_19.jpg

Sri Lanka, Rajapaksa è il nuovo presidente

cms_14961/GotabayaRajapaksa_Afp2.jpg

E’ stato ufficialmente proclamato vincitore delle presidenziali l’ex ministro della Difesa dello Sri Lanka, Gotabaya Rajapaksa. Il presidente della Commissione Elettorale, Mahinda Deshapriya, ha reso noto che Rajapaksa ha ottenuto 6,9 milioni di voti, pari al 52,25% delle preferenze espresse dagli elettori del Paese, contro il 41,9% ottenuto dal suo avversario e candidato del partito al governo, Sajith Premadasa. La cerimonia di giuramento è in programma per lunedì.

La Louisiana sceglie governatore dem

cms_14961/JohnBelEdwards_Fg_IPa.jpg

E’ il democratico John Bel Edwards il nuovo governatore della Louisiana. Edwards ha battuto lo sfidante repubblicano Eddie Rispone, sostenuto dal presidente Donald Trump. Una grande vittoria per i dem in uno Stato dove nel 2016 Trump aveva vinto con circa 20 punti di vantaggio rispetto a Hillary Clinton, soprattutto perché ad essere stato sconfitto è un uomo d’affari, Rispone, strettamente alleato con il presidente Trump. Quella della Louisiana è la seconda vittoria democratica questo mese in uno stato ’rosso’, dopo quella del Kentucky.

Hong Kong, polizia schiera cannoni ad acqua e blindati

cms_14961/HONGKONG_proteste_Afp2.jpg

Proseguono le manifestazioni di protesta a Hong Kong con episodi di grave violenza. Un agente di polizia è stato colpito alla gamba da una freccia lanciata dai manifestanti, mentre le tensioni continuano a intensificarsi su una strada fuori dal Politecnico di Hong Kong, dove stamattina sono stati lanciati gas lacrimogeni e bombe a benzina. La polizia ha schierato cannoni ad acqua e veicoli blindati, che hanno spinto e disperso i dimostranti nel campus. Sul tetto dell’università sono stati visti manifestanti sparare frecce e usare catapulte con proiettili fiammeggianti in direzione delle forze di polizia. Il poliziotto ferito, secondo quanto ha comunicato la stessa polizia di Hong Kong, è un ufficiale di quelli in prima linea con i giubbotti blu schierati a protezione dei giornalisti.

Anche domani le scuole resteranno chiuse a Hong Kong per motivi di sicurezza. Lo ha deciso l’ufficio di Istruzione del governo di Hong Kong, annunciando in una nota che le lezioni nelle scuole materne, elementari, medie e nelle scuole speciali dovrebbero riprendere martedì se le circostanze lo consentiranno. Sebbene i servizi di trasporto pubblico siano gradualmente ripresi, sussistono ancora incertezze per domani. Le scuole di Hong Kong sono rimaste chiuse da giovedì scorso a causa delle violente manifestazioni che hanno causato il caos in tutta la regione e paralizzato il traffico.

Germania, sindaco Dresda: "A est cittadini si sentono di serie B"

cms_14961/dresda_fg_1711.jpg

I cittadini della Germania est continuano a "sentirsi cittadini di serie B", le loro aspettative per una "svolta" dopo il crollo del Muro di Berlino e la riunificazione sono andate deluse ed i populisti ed i nazionalisti sfruttano queste loro frustrazioni. Ad una settimana dalle celebrazioni per il 30mo anniversario del crollo del muro, il sindaco di Dresda, Dirk Hilbert, spiega le ragioni del risentimento nella sua città, capoluogo della Sassonia e simbolo del malcontento della popolazione dell’ex Germania dell’est, dove l’estrema destra è diventata così forte da aver costretto il Comune a proclamare "l’emergenza neonazismo".

"Nell’ex Germania est - dice il liberale Hilbert in un’intervista all’Adnkronos - la forza economica è ancora minore rispetto alla Germania ovest, dove i salari sono più alti, la proprietà privata e i beni immobili sono più diffusi. A parte che in alcune grandi città, i land orientali sono meno attraenti per i lavoratori qualificati rispetto ai land occidentali".

C’è un legame tra la lentezza del processo di riunificazione e il risorgere dell’estrema destra? "Il populismo, il nazionalismo e l’estremismo di destra non sono solo un problema della Germania orientale o della Germania - premette Hilbert - ma un problema di tutta l’Europa e del mondo". "Le conseguenze della globalizzazione - sostiene il sindaco di Dresda - hanno colpito duramente molte persone a est, che si sono rese conto di come i loro desideri e le loro aspettative per una ’svolta’ non siano stati soddisfatti. Si sentono cittadini di seconda classe"

A est, per esempio, spiega il politico dell’Fdp, "ci sono più tedeschi occidentali nelle posizioni di vertice rispetto ai tedeschi orientali, il che ha portato a un’enorme frustrazione, che viene sfruttata dai populisti di destra. Frustrazione, tra l’altro, che viene rivolta anche contro le minoranze, in particolare i rifugiati". Senza contare, è l’analisi di Hilbert, che nell’ex Germania est il fenomeno del neonazismo e dell’estremismo di destra "esisteva già, ma veniva represso".

Il sindaco parla poi della risoluzione con cui nei giorni scorsi è stata dichiarata "l’emergenza neonazismo a destra", un’emergenza che sottolinea "la presenza di xenofobia, razzismo e atteggiamenti antidemocratici in alcuni settori della società". Per farvi fronte, conclude, servono "misure per rafforzare la democrazia e la società civile, sradicare l’estremismo di destra, la discriminazione e l’omofobia. Inoltre bisognerebbe dare maggiore sostegno alle vittime di razzismo e violenza".

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su