Smartphone sulla tavola, social network onnipresenti

1557023213teelfono_tavola.jpg

Presente dappertutto e convitato di pietra nelle nostre tavole, lo smartphone si prende il posto che gli spetta anche mentre condividiamo lo stesso cibo e lo stesso pasto con i nostri cari. Stare lontani anche durante il tempo di un pranzo o una cena conviviale non è neanche lontanamente immaginabile nei pensieri dei componenti della famiglia italiana. Il web è parte integrante di ogni momento della vita di una famiglia e per la maggioranza di noi appare anacronistico solo pensare che giovani e meno giovani possano vivere lontani, anche solo qualche minuto, dalla tecnologia e dalla condivisione a tutti i costi.

cms_12699/2.jpg

Lo stare a tavola è diventato un delicato gioco di equilibri tra il tenere la forchetta con una mano e con l’altra maneggiare abilmente il proprio smartphone per attività più disparate, compresa quella di inquadrare il piatto che si ha davanti in quella tendenza diffusa dai blogger di cucina denominata dagli specialisti come porn food. L’onnipresenza della tecnologia e la sua pervasività nella quotidianità del menage familiare non deve certamente essere demonizzata tout court; pensiamo all’utilità dei new media nelle circostanze in cui ci troviamo in situazioni di emergenza o in cui abbiamo bisogno di rintracciare un nostro congiunto o un nostro amico. C’è però la consapevolezza che la famiglia debba riconciliarsi con antiche pratiche di convivialità e rimodulare, riconquistandoli, i propri spazi e i propri momenti di dialogo interpersonale, momenti che per ora sono rubati dalle chat, per esempio, dei sistemi di messaggistica istantanea. WhatsApp è infatti il social maggiormente usato per le relazioni familiari, il preferito dalle famiglie dove risulta presente per la maggior parte dei collegamenti familiari, tra gruppi di scuola e amici del calcetto il lunedì.

cms_12699/0.jpg

L’app di messaggistica istantanea è ugualmente il social in cui le persone sono più presenti con un profilo attivo ed è inoltre un supportoutile per incentivare e nello stesso tempo coltivare le relazioni familiari, soprattutto quando si è lontani. Rimane inteso per tutti coloro i quali ormai usano le nuove tecnologie di comunicazione che il modo di approcciarsi alle informazioni e alla conoscenza in generale sia cambiato radicalmente, coinvolgendo in questa trasformazione i vecchi media come la tv, la quale si è adattata a ospitare concetti come interazione e condivisione dei propri contenuti televisivi. I problemi e i rischi connessi con l’uso delle tecnologie digitali, consumate in spazi e luoghi una volta occupati da consolidate routine familiari, insorgono quando i genitori ignorano l’attività online dei loro figli.

cms_12699/00.jpg

I genitori spesso sottovalutano il potere di influenza dei social network, sentendosi inadeguati a fermare la forza dell’approccio al digitale dei loro ragazzi. Fissare regole e dettare tempi di utilizzo rimangono ancora e sempre valide regole da applicare sin dalla piccola età dei nostri nativi digitali per non incorrere nel rischio di stare a guardare inermi a scene di violenza postate sui social solo per rendere visibili le inadeguatezze di adolescenti in cerca di identità.

Andrea Alessandrino

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App