Shqiperi- Zvicer, nje ndeshje ne emer te bashkejeteses

Rtl 102.5 sot flet shqip

UEFA_2016_Francia_-_Copia.jpg

Ne debutimin e pare ne Uefa te ekipit te futbollit Shqiptar , u gjenda ne studiot e radio RTL 102.5 ne Milano, qe sot ka vendusor te flase shqip. Po, sepse gra azhvillohet mes Shqiperise, vendi nga ku vijne 600 mije emigrante qe jetojne ne Itali, dhe Zvicres, qe flet italisht si dy te ftuarit nga lugano qe kane ardhur te mbeshtesin ekipin e tyre. Jemi tre shqiptar kunder dy zvicerianeve, por atje jashte, mbeshtetja e degjuesve esht gati e gjitha per ne. Jemi vendi i shqiponjave, sic e perserit ne komentet e tij komentatori i mrekullueshem Fulvio Giuliani, te paret emigrant qe mbas renies se murit te Berlinit, sbarkuan ne brigjet e Pulias ne periudhen e njohur si “Pushtimi biblik”, sepse asnjehere me pare ne Itali skishin mberritur aq shume emigrant si ne ato dite. Sot gjendemi ne studiot e njeres prej radiove me te degjuara ne Itali duke folur shqip, per te mbeshtetur shqiponjat tona.

cms_4088/foto_2.jpg

Jemi mes Italise dhe Zvicres, dy shtete ne te cilat jeton nje numer i madh shqiptaresh keshtu qe presim edhe shume mesazhe mbeshtetjeje qe nuk vonojne per te arritur ne studio, gati te gjitha Forca Shqiperi, sic lexon Gabriele Sanzini, qe besoj se nuk ka lexuar e perseritur si asnjehere me pare kaq shum here emrin Shqiperi, Shqiperi, Forca Shqiperi.

cms_4088/foto_3.jpg

Edhe ne Zvicer nuk behet shaka, 7 lojtare mbajne mbiemer shqiptar, te feshkellyer ne fushe sapo preknin topin dhe si per mallkim asnjeher s’arriten te shenonin ne port. Shaqiri duket shum nervoz kur per here te trete nuk arrin te shenoj ne qender , Behrami po ashtu dhe feshkellimat kunder atyre qe tashme tifozat shqiptar quajne tradhtar nuk pushojne. Jane ata qe quhen gjenerata e dyte, te lindur nga prinder shqiptar e te rritur e formuar ne nje vend qe i mirepriti e i beri te medhenjte e sotem. Nuk duam polemika, futbolli nuk duhet ta lejoje, duhet vetem te jetojme emocionet qe deri me sot futbolli yne s’na kish dhuruar me pare. Me nje trajner italian si Gianni de Biasi qe na dhuroi keto momente aq te deshiruara prej vitesh dhe qe para ndeshjes esht shprehur keshtu per Reppublica.it : Gezimin qe ne jemi ketu sot nuk do te na e heqe me kurre asnjeri . Futbolli ne Shqiperi esht nje faktor gezimi, eshte nje nga faktoret me te cilin populli shqiptar do te rikthehet e te jetoje serish. Europa duhet te tifoje per ne ne kete europian.

cms_4088/foto_4.jpg

Nje ekip i perbere nga djem qe jetojne jashte shtetit, shqiptar nga Kosova, Maqedonia e Shqiperia qe rikthehen per te jetuar endrren e shumepritur. Eshte nje derby ndeshja e sotme, derby i vellezerve Xhaka, nena e te cileve ne stadium ka vendusur te veshe nje bluze ku figurojne te dy flamujt ai zvicerian dhe ai shqiptar. Eshte ky realiteti pa u hidheruar aspak.

Skuadra jone tregon guxim dhe ecen perpara edhe pse ka marr gol ne minutat e para nga Sharr e ka mbetur e privuar nga kapiteni Cana qe doli me te kuq. Portieri Berisha, ex-lazio, tregon guxim prej hekuri dhe mbas 6 pritjeve i falet edhe dalja amatoriale e minutave te para te golit qe mori. Po, mund t’ja dalim mbane djema, kemi treguar qe kemi karakter dhe forca per te vazhduar te enderrojme.

cms_4088/foto_5.jpg

Eshte ky ekipi yne, i perbere nga histori emigrantesh ku historia e secilit prej tyre do te krijonte nje film te vertete, e perbere nga gonxhe te lindura e te rritura larg nga vendi i tyre por me ne zemer mallin per atdhe, endrren per te luajtur e per te cuar neper bote ngjyrat kuq e zi te flamurit tone, per te bere te flutuorje shqiponjen qe kane brenda, ne qiejt e Europes dhe pse jo te Botes.

Si ushtaret e Skenderbeut, nga historia e te cilit eshte frymezuar edhe trajneri De Biasi, qe sebashku me ushtaret e tij te gjithe shqiptare te rritur ne Turqi, kur kthehen ne vendlindje per te luftuar kunder vellezerve te tyre zgjedhin te luftojne kunder pushtuesit turk. De Biasi thote, sic thoshte nje here Skenderbeu; Vetem te bashkuar mund te fitojme, edhe kjo enderr u be realitet per cunat e ekipit dhe mbare tifozat shqiptare neper bote duke bere qe sot te gjithe edhe per vetem 90 minuta te flasin Shqip.

cms_4088/bandiera_.jpgAlbania–Svizzera: Un a partita all’insegna della convivenza

Rtl 102.5 oggi parla in albanese

All’esordio della squadra dell’Albania, per la prima volta agli Europei , mi sono trovata negli studi di radio Rtl 102.5 a Milano in compagnia del cosidetto “Trio minchia”,oppure la Gialappas di Rtl, il trio radiofonico formato da Francesco Taranto, Gabriele Sanzini e Martino Migli, tre giovani speaker che insieme al impeccabile comentatore Fulvio Giuliani oggi hanno deciso di “parlare” in Albanese.

Si, perchè la gara si disputa tra la vicina Albania, il paese dei 600 milla immigrati che per il momento si trovano in Italia e la vicina Svizzera, che per lo più parla in Italiano come gli ospiti di Lugano che sono venuti a sostenere la loro squadra. Siamo tre Albanesi contro due Svizzeri ma il sostegno là fuori dallo studio, degli ascoltatori è quasi tutto per noi. Siamo il paese delle aquile, come dice il comentatore Fulvio Giuliani, i primi immigrati sbarcati con le navi subito dopo la caduta del muro di Berlino, approdati sulle coste pugliesi nel periodo conosciuto diversamente come “L’evasione Bibblica”. Mai si erano visti tanti immigrati tutti insieme sbarcare in Italia, e oggi siamo qui negli studi della radio più ascoltata in Italia, a parlare in Albanese. Siamo qui a sostenere le nostre aquile.

Siamo tra Italia e Svizzera, due nazioni che contengono il maggior numero di cittadini albanesi e quindi ci aspettiamo tanti messaggi di sostegno per la nostra squadra, messaggi che non attendono ad’arrivare quasi tutti, Forza Albania, come legge Gabriele Sanzini, che scomettiamo non avra mai detto e ripettuto prima d’ora cosi tanto il nome Albania-Albania, Forza Albania. Ma anche in Svizzera non si scherza, 7 giocatori tengono i cognomi albanesi, fischiattissimi in campo appena toccano il pallone e come per ingiuria non riescono mai a tirare bene in porta. Shaqiri sembra avere i nervi sui capelli quando per il terzo tiro non riesce a fare centro, Behrami lo stesso e i fischi contro quelli che i tifosi albanesi ormai, chiamano traditori, non cessano. Sono quelli che fanno parte delle seconde generazioni, nati da genitori albanesi ma cresciuti e formati in un paese che li ha accolti e li ha fatti diventare i grandiosi che sono oggi.

Non vogliamo polemiche, il calcio non se la deve permettere questo, dobbiamo solo vivere emozioni che mai fino ad’ora il nostro calcio ci aveva regalato. Con un allenatori italiano come Gianni De Biasi che ci ha regalato questi momenti tanti attesi e che prima della partita si era espresso per Reppublica : La gioia di essere qui non ce la toglierà mai nessuno. Il calcio in Albania è un fattore di gioia, è uno dei mezzi con cui il popolo vuole ritornare a vivere. L’Europa deve tifare per noi!.

Una squadra fatta da ragazzi che vivono all’estero, albanesi del Kosovo, Macedonia e Albania che ritornano per vivere il sogno tanto atteso. E’ un derby quasi questa partita, il derbi dei fratelli Xhaka, la qui madre allo stadio tiene una maglietta con la metta la bandiera albanese e l’altra quella svizzera. E’ questa la realtà che non lascia spazio all’amarezza. Tiene testa la nostra squadra anche se ha subito nei primi minuti il gol di Shàrr ed’è rimasta orfana del suo capitano Cana, il portiere Berisha, ex-lazio, si dimostra coragio di ferro e dopo 6 parate li si perdona del tutto il gol subito ai primi minuti. Si ce la possiamo fare ragazzi, abbiamo mostrato di avere carattere e la forza di continuare a sognare. È questa la nostra squadra, fatta di storie migranti che ciascuna ne formerebbe un bel film, fatta di germogli nati e cresciuti lontano dal loro paese ma con nel cuore la nostalgia del loro paese, il sogno di giocare e portare nel mondo i colori rosso neri della nostra bandiera, di far volare l’aquila che c’è dentro loro sui cieli dell’Europa e perchè no del mondo. Come i soldati del nostro eroe nazionale Skenderbe, dalla cui storia si è ispirato il Coach De biasi, che insieme ai suoi compagni cresciuti e allenati nella lontana Turchia una volta mandati nel loro paese di origine a lottare contro gli stessi albanesi, scelgono di lottare si, ma contro gli ottomani e di vincere tante battaglie sempre uniti con nel cuore di vedere il loro paese indipendente. Cosi anche De Biasi ha voluto fare ; Solo uniti si può vincere, e questa teoriaquanto lontana che presente oggi ci ha portato alle porte dell’Europa, oggi ha fatto parlare di sè, ha fatto parlare tutti in Albanese almeno per 90 minuti.

Marsela Koci

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App