SIATE L’ECCEZIONE E RICERCATE L’ECCEZIONE

SIATE_L_ECCEZIONE_E_RICERCATE_L_ECCEZIONE.jpg

Le cose belle non finiscono: siamo noi che decidiamo di voltare pagina, stanchi dell’abitudine. In un mondo fatto di cambiamenti repentini, ci si abitua velocemente a qualsiasi situazione, anche ai sentimenti. Amore e amicizia diventano una virgola in mezzo alla quotidianità, un veloce battito di ciglia da concludere in fretta con la parola “fine”.

cms_8876/2v.jpgIo non ci sto. Ad un certo punto bisogna prendere una posizione, morire nella superficialità del riflesso oppure tuffarsi nell’incavo delle emozioni. Nel primo caso, ci si accontenta sempre con il risultato di vivere una vita infelice. Nel secondo, invece, v’è l’opportunità di trovare qualcosa di grande, quella rarità agognata da troppi e ricercata nei fatti da una stretta nicchia. Si tende a preferire il tutto e subito per la paura di rimanere soli, una tristezza infinita. Passare da una persona all’altra è un po’ come morire dentro, rimanendo ogni volta con un pugno di mosche in mano. La quantità di coppie infelici che vaga per il pianeta è a dir poco sconcertante. Non si amano, non sono fatti per stare insieme, eppure preferiscono crogiolarsi in una relazione scaduta e nel frattempo fare una passeggiata in altri lidi.

cms_8876/3v.jpgQuesta è la fine di chi si lascia governare dall’impazienza e dalla paura. La mediocrità si ciba della fretta e finisce con il vomitare dolore. Anziché lamentarsi per l’assenza dell’anima gemella, conviene darsi una mossa per rendere eccezionale la propria esistenza cominciando da sé. Ci sono tante persone che non sanno chi sono perché non si conoscono: se non sei consapevole di quello che sei, ciò rende altamente difficile comprendere davvero qualcun altro. E’ impossibile pensare di voler bene a qualcuno senza prima aver compreso se stessi. Dentro di noi scorre un fiume fatto di capacità e di talenti e, purtroppo, in molti pensano di avvicinarsi ad un altro con il cuore vuoto di passioni e pieno di voglia di amare; una contraddizione, insomma. Se manca l’amor proprio, non c’è nient’altro da dare. Ecco il motivo per cui bisogna iniziare da noi, dai nostri battiti, dalle nostre mancanze e, successivamente, lasciarsi andare ai sentimenti aspettando la persona giusta. Siate l’eccezione e ricercate l’eccezione. Accettarci e amarci per brillare e, poi, diventare il tesoro cercato da un altro: questo è il segreto.

Alessia Gerletti

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su