SIATE CORAGGIOSI CON I VOSTRI OBIETTIVI

SIATE_CORAGGIOSI_CON_I_VOSTRI_OBIETTIVI.jpg

Ogni obiettivo si trova in cima ad una montagna che può essere più o meno alta a seconda delle ambizioni personali. Scalare non è un problema quando siete attrezzati in maniera adeguata, tuttavia ci sono sempre degli ostacoli che, per quanto vi sforziate di evitare, incontrerete sul cammino. Di solito questi intralci sono perlopiù calci nel “sedere” di chi vuol mettere i bastoni tra i piedi. Sono parecchi perché fondamentalmente molte persone sono inaridite dalla vita e, quindi, cattive come la fame. Perciò, ad un certo punto, vi trovate soli ai piedi di questa montagna con un groppo in gola, il bagaglio delle delusioni passate e la paura di non farcela. Sapete che la felicità è in cima ma ancora non cogliete il sapore di quegli attimi e cominciate a pensare che, in fondo, non è più così importante arrivare al cielo. Siete disposti a sedervi, ad accontentarvi dell’insoddisfazione personale e a fare amicizia insieme a chi non ce l’ha fatta. Basta poco, eh. L’infelicità è una condizione comune e non richiede troppi sforzi, se non qualche lamento ogni tanto per stare in linea con le tendenze critiche del momento. E poi, conclusa lì.

cms_9601/2.jpg

Certo, perché l’esistenza finisce nel momento in cui ci accontentiamo. Speriamo che qualcosa cambi senza muovere un dito, intanto la stanchezza prende il sopravvento e la gioia s’allontana. E se invece d’accontentarvi d’un pugno di tristezza, iniziaste a combattere per quel che vi mette in subbuglio l’anima? Probabilmente scoprite che c’è felicità ovunque. Smettete d’ascoltare gli altri, comunque parleranno male di voi. In primis, cercheranno di demoralizzarvi con le loro congetture sulla vostra impossibilità di riuscire. Se desistete, tenteranno di buttarvi giù. E’ proprio da lì che deve arrivare la spinta verso il successo, dalla cattiveria altrui, dal dolore instillato dalle gocce di sudore provocate dalla resistenza agli attacchi. Ad un passo dalla meta di sicuro ricorderete coloro che v’hanno pugnalato guardandovi negli occhi. In cima tutto sarà chiaro e la sofferenza lascerà spazio alla vittoria. Ecco perché non bisogna mollare e continuare imperterriti per la propria strada.

Alessia Gerletti

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su