Primarie dem, Sanders vince nel New Hampshire (Altre News)

Virus, la Cina licenzia due alti funzionari - Virus, casi sospetti in carcere: allarme in Inghilterra - Coronavirus, 174 casi sulla Diamond Princess - Brucia 3 chiese, musicista prova a ’stregare’ fan black metal

MONDO_12_2_20.jpg

Primarie dem, Sanders vince nel New Hampshire

cms_16100/sanders_bernie_dem_usa_afp.jpg

"Questa vittoria è l’inizio della fine di Donald Trump". Così Bernie Sanders ha commentato i risultati delle primarie del Partito democratico nel New Hampshire, che lo vedono avanti, anche se di poco, rispetto all’ex sindaco Pete Buttigieg. "Chiunque vinca, e naturalmente speriamo di essere noi, ci uniremo e sconfiggeremo il presidente più pericoloso della storia moderna di questo paese", ha aggiunto il senatore del Vermont.

Con il 94 per cento dei voti scrutinati, Sanders risulta primo con il 26 per cento delle preferenze, seguito da Buttigieg con il 24,4 per cento. Seguono al terzo posto la senatrice del Minnesota Amy Klobuchar, che ha ottenuto il 19,7% dei voti, quindi Elisabeth Warren, senatrice del Massachusetts. Ultimo l’ex vicepresidente Joe Biden, con l’8,4% dei voti.

Virus, la Cina licenzia due alti funzionari

cms_16100/virus_Cina_ospedale_afp.jpg

Licenziati due alti funzionari responsabili della sanità nella provincia di Hubei, epicentro del focolaio di nuovo coronavirus. Ne dà notizia il Quotidiano del popolo, secondo cui Zhang Jin, segretario della commissione Santità di Hubei, e Liu Yingzi, direttore della commissione, sono stati rimossi dal loro incarico dal comitato permanente del Partito comunista della provincia.

Il loro incarico è stato affidato al numero due della commissione sanitaria nazionale cinese, Wang Hesheng, molto legato al presidente Xi Jinping, che la scorsa settimana lo aveva nominato membro del comitato centrale provinciale del Partito comunista.

La decisione è arrivata a seguito di un’ondata di critiche nei confronti dei funzionari della provincia, accusati di aver nascosto o sottovalutato l’epidemia nei primi giorni, critiche esplose con maggiore forza dopo la morte del medico Li Wenliang, arrestato per "aver diffuso voci" sul nuovo coronavirus insieme ad altri otto colleghi. Li, 34 anni, ha contratto il virus da uno dei suoi pazienti ed è morto la settimana scorsa.

Virus, casi sospetti in carcere: allarme in Inghilterra

cms_16100/Carcere_Sbarre_repertorio_Fg_ipa.jpg

Lo spettro del coronavirus in un carcere britannico. Il Daily Mail riferisce che 3 detenuti sono sotto osservazione in un carcere dell’Oxfordshire. L’allarme è scattato dopo il malore accusato da un uomo appena trasferito nella struttura e proveniente dalla Thailandia. Altri due detenuti, a stretto giro, avrebbero manifestato sintomi influenzali. Un solo uomo è stato trasferito in ospedale, gli altri due vengono monitorati nel penitenziario. Nella struttura è scattato un protocollo speciale: l’ala interessata è stata isolata e rimarrà in ’lockdown’ per circa 72 ore. I detenuti rimarranno nelle loro celle e riceveranno i pasti attraverso feritoie presenti nelle porte.

Coronavirus, 174 casi sulla Diamond Princess

cms_16100/virus_diamond_princess_quarantena_afp.jpg

Il ministero della Salute di Tokio ha confermato 39 casi di nuovo coronavirus a bordo della nave da crociera ’Diamond Princess’, in quarantena nel porto di Yokohama. Il totale è di 174 persone infettate a bordo della nave su cui si sono imbarcate 3700 persone, secondo la Kyodo.

Brucia 3 chiese, musicista prova a ’stregare’ fan black metal

cms_16100/polizia_usa_notte_ipa.jpg

Un ragazzo di 22 anni ha dato fuoco a tre chiese in Louisiana per accreditarsi come musicista Black Metal, un sottogenere dell’Heavy Metal con testi di ispirazione satanista. Holden Matthews, figlio di un vicesceriffo, si è dichiarato colpevole in tribunale, racconta il Washington Post. La sentenza è attesa per maggio: rischia da 10 a 70 anni di carcere.

Le chiese, distrutte di notte dalle fiamme fra il 26 marzo e il 4 aprile 2019, erano frequentate da congregazioni di afroamericani e ciò aveva fatto inizialmente pensare all’azione di un gruppo di suprematisti bianchi, creando forte allarme sociale in Louisiana.

Il responsabile era invece Matthews, che è stato arrestato pochi giorni dopo dai colleghi del padre. Secondo l’accusa, i roghi servivano per "promuoversi fra i fan del Black Metal". Il ragazzo aveva mandato foto e video delle chiese in fiamme a diversi amici, accompagnate dai testi delle canzoni che - novello Nerone - aveva scritto sotto l’ispirazione degli incendi. Il ragazzo voleva anche usare una delle immagini come copertina del prossimo album della sua band "Pagan carnage" (massacro pagano). Alcuni bozzetti erano stati inviati ad un amico in India. Secondo la procura, le "positive reazioni" ricevute su Facebook, avevano incoraggiato Matthews a proseguire negli incendi.

Il ragazzo intendeva prendere di mira i cristiani in generale. Apparentemente le chiese non erano state scelte per motivi razziali, ma perché costruite interamente di legno e quindi facili da bruciare. Matthews si era ispirato a Varg Vikernes, un musicista Black metal norvegese che negli anni novanta è stato condannato per aver dato fuoco a diverse chiese nel paese scandinavo. Un suo disco del 1993, Aske (ceneri), aveva sulla copertina una foto dei resti di una storica chiesa norvegese bruciata. I genitori di Matthews hanno raccontato agli inquirenti che il figlio aveva visto il documentario ’Lords of Chaos’, sulla vita di Vikernes, due mesi prima degli incendi.

Matthews "ha lo sviluppo mentale e sociale di un adolescente" - ha detto il suo legale, Dustin Talbot, al Washington Post - ha commesso questi atti nell’ingenuo tentativo di usare le immagini per farsi accettare nella sua comunità musicale online". "Holden ha ora capito la gravità delle sue azioni ed è pieno di rimorso per quanto ha fatto e il dolore che ha causato alle congregazioni delle tre chiese", ha aggiunto il legale.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App