Presented the Teatro La Fenice Opera and Ballet Season and the Symphonic Season 2019-2020

1563680516Presented_the_Teatro_La_Fenice_Opera_and_Ballet_Season_and_the_Symphonic_Season_2019-2020.jpg

cms_13538/1.jpg

The Opera and Ballet Season and the Symphonic Season 2019-2020 of the Teatro La Fenice Foundation were presented on Tuesday 2 July 2019 by the superintendent and artistic director Fortunato Ortombina, in the presence of the general director Andrea Erri, of the artistic director of the dance activities Franco Bolletta, of the general director of the Foundation of Venice Giovanni Dell’Olivo and of the manager CTPS Regional Directorate Veneto Friuli Venezia Giulia and Trentino Alto Adige Intesa Sanpaolo Monica Cristanelli: the Group, from 1 January 2019 became a supporting member of the Venetian Theater, in fact renewed its precious support for the Opera and Symphonic Seasons of the Teatro La Fenice.

cms_13538/2.jpg

Don Carlo will inaugurate the Opera and Ballet Season 2019-2020: drawing an artistic line of continuity with the previous inaugurations, Myung-Whun Chung will continue with the project to re-read the Verdi catalog. The show, directed by Robert Carsen, will see three performers debut: Piero Pretti, Alex Esposito and Julian Kim. Pinocchio will follow by the composer from Vicenza Pierangelo Valtinoni, among the most performed living authors in the world, and the twentieth-century diptych A Hand of Bridge by Barber and The castle of Prince Bluebeard by Bartók. Together with the filming of the Traviata and of the Trovatore, an installation by Rigoletto for Damiano Michieletto will be performed in Italian premiere, to complete Verdi’s so-called ’popular trilogy’. The Vivaldian trend continues with Farnace, always with the presence of Diego Fasolis.

cms_13538/3.jpg

From the French repertoire, a new version of Gounod’s Faust directed by Frédéric Chaslin will be proposed, as well as the resumption of Bizet’s Carmen directed by Wyung-Whun Chung, with Varduhi Abrahamyan and Francesco Meli. Two titles long absent from the phoenix scene will be back on stage: Rinaldo by Händel in the historic staging by Pier Luigi Pizzi, reconstructed to pay homage to the master - who with this production, in 1985, stimulated the start of an important rediscovery phase of baroque music; and Roberto Devereux by Donizetti directed by Alfonso Antoniozzi. The diptych composed by Prima la musica and then the words of Salieri and Der Schauspieldirektor by Mozart will be an absolute novelty for the Venetian scenes, as part of the by now well-established collaboration with the Academy of Fine Arts.

cms_13538/4.jpeg

The servant of Pergolesi and the first performance in modern times of Engelberta di Albinoni are the titles foreseen for the Opera Giovani project. While for Balletto, Alessandra Ferri and Hamburg Ballett will be the performers of Duse’s first Italian performance, a choreographic fantasy by John Neumeier. The programming is completed by the great ’classics’ of the repertoire that will be repeated in the historic Fenice productions: Donizetti’s elixir of love - with Celso Albelo in the role of Nemorino -, The Barber of Seville and Rossini’s Wedding Bill, Aida by Verdi with Piero Pretti making his debut as Radamès.

cms_13538/5.jpg

The music of Ludwig van Beethoven, in the two hundred and fiftieth anniversary of his birth, will be one of the main themes of the 2019-2020 Symphony Season. With the performance of almost all of his Symphonies, the Choral Fantasia, the Coriolan Overture, The Creatures of Prometheus and two Concerts for piano and orchestra, the program of concerts at the Fenice and Malibran will ensure a complete view of the work of the master of Bonn. On the podium of the Fenice next to regularly invited directors, some important debuts stand out, such as that of Alpesh Chauhan, who will inaugurate the poster, followed by the first appearances in Fenice by Claus Peter Flor, who will propose the Italian Symphonies and Reform by Felix Mendelssohn Bartholdy ; Daniel Cohen, who will be the Beethoven’s Fourth and Seventh; Hartmut Haenchen - he will measure himself against the Ninth -; Rudolf Buchbinder, engaged in the double role of conductor and soloist at the piano; finally Ton Koopman, who will draw a common thread between Beethoven and the music of Johann Sebastian Bach: another cardinal point of the new Season, in the two hundred and seventy-first anniversary of his death. Prestigious debuts but also expected returns.

cms_13538/6.jpg

That of Myung-Whun Chung, in the first place, which is part of a multi-year project to re-read Gustav Mahler’s work: after the Fifth heard in 2017 and Second in 2019, the master will now direct the Ninth and Third Symphony. And those by Federico Maria Sardelli, also engaged in a lunge on the work of Beethoven, and Marco Angius who will work alongside the Pastorale, Wolfgang Amadeus Mozart’s Symphony Jupiter and Richard Strauss’s Intermezzo for Mozart’s Idomeneo. Do not miss the traditional appointment with the Christmas Concert in the Basilica of San Marco, entrusted to the Choir of the Marciana Chapel led by Marco Gemmani; while the Choir of the Teatro La Fenice directed by Claudio Marino Moretti will perform Alfred Schnittke’s Requiem and the motet «Jesu, meine Freude» by Bach. The Staatskapelle Dresden - host of this season - will propose instead the Eighth Symphony of Antonín Dvořák and the Fourth of Johannes Brahms, under the direction of Myung-Whun Chung.

cms_13538/7.jpg

And again Chung will conduct the Orchestra and Chorus of the Teatro La Fenice in the seventeenth edition of the New Year’s Concert at the Teatro La Fenice. Finally, the «New Music at the Fenice» project was renewed thanks to the support of the Amici della Fenice Foundation: also in this season there will be three performances by young composers. In total, the Opera and Ballet Season 2019-2020 has over one hundred and fifty performances, from November 24, 2019 to October 20, 2020, with twelve new productions and eight shots. The numbers of the symphonic billboard are increasing, recording thirteen concerts and eleven performances, from 12 October 2019 to 15 June 2020.

cms_13538/italfahne.jpg150 rappresentazioni, 12 nuove produzioni, 8 riprese

Presentata la Stagione Lirica e Balletto e la Stagione Sinfonica 2019-2020 del Teatro La Fenice

La Stagione Lirica e Balletto e la Stagione Sinfonica 2019-2020 della Fondazione Teatro La Fenice sono state presentate martedì 2 luglio 2019 dal sovrintendente e direttore artistico Fortunato Ortombina, alla presenza del direttore generale Andrea Erri, del responsabile artistico delle attività di danza Franco Bolletta, del direttore generale della Fondazione di Venezia Giovanni Dell’Olivo e della responsabile CTPS Direzione Regionale Veneto Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige Intesa Sanpaolo Monica Cristanelli: il Gruppo, dall’1 gennaio 2019 diventato socio sostenitore del Teatro veneziano, ha infatti rinnovato il suo prezioso sostegno alle Stagioni Lirica e Sinfonica del Teatro La Fenice.

Sarà Don Carlo a inaugurare la Stagione Lirica e Balletto 2019-2020: disegnando una linea artistica di continuità con le precedenti inaugurazioni, Myung-Whun Chung proseguirà nel progetto di rilettura del catalogo verdiano. Lo spettacolo, con la regia di Robert Carsen, vedrà tre interpreti al debutto: Piero Pretti, Alex Esposito e Julian Kim. Seguiranno Pinocchio del compositore vicentino Pierangelo Valtinoni, tra gli autori viventi più eseguiti al mondo, e il dittico novecentesco A Hand of Bridge di Barber e Il castello del principe Barbablù di Bartók. Insieme alle riprese della Traviata e del Trovatore, andrà in scena in prima italiana un allestimento del Rigoletto per la regia di Damiano Michieletto, a completare la cosiddetta ‘trilogia popolare’ di Verdi. Continua il filone vivaldiano con Farnace, sempre con la presenza di Diego Fasolis. Dal repertorio francese, sarà proposto un nuovo allestimento del Faust di Gounod diretto da Frédéric Chaslin, ma anche la ripresa della Carmen di Bizet diretta da Wyung-Whun Chung, con Varduhi Abrahamyan e Francesco Meli. Torneranno in scena due titoli da molto tempo assenti dal palcoscenico feniceo: Rinaldo di Händel nello storico allestimento di Pier Luigi Pizzi, ricostruito per rendere omaggio al maestro – che proprio con questa produzione, nel 1985, stimolò l’avvio di una importante fase di riscoperta della musica barocca; e Roberto Devereux di Donizetti con la regia di Alfonso Antoniozzi.

Sarà invece una novità assoluta per le scene veneziane il dittico composto da Prima la musica e poi le parole di Salieri e Der Schauspieldirektor di Mozart, nell’ambito dell’ormai collaudata collaborazione con l’Accademia di Belle Arti. La serva padrona di Pergolesi e la prima rappresentazione in tempi moderni di Engelberta di Albinoni sono i titoli previsti per il progetto Opera Giovani. Mentre per il Balletto, Alessandra Ferri e l’Hamburg Ballett saranno gli interpreti della prima rappresentazione italiana di Duse, fantasia coreografica di John Neumeier. Completano la programmazione i grandi ‘classici’ del repertorio che verranno riproposti negli storici allestimenti targati Fenice: L’elisir d’amore di Donizetti– con Celso Albelo nei panni di Nemorino –, Il barbiere di Siviglia e La cambiale di matrimonio di Rossini, Aida di Verdi con Piero Pretti al debutto nel ruolo di Radamès.

La musica di Ludwig van Beethoven, nel duecentocinquantesimo anniversario della nascita, sarà uno dei temi portanti della Stagione Sinfonica 2019-2020. Con l’esecuzione della quasi totalità delle sue Sinfonie, la Fantasia corale, l’ouverture Coriolano, Le creature di Prometeo e due Concerti per pianoforte e orchestra, il cartellone dei concerti alla Fenice e al Malibran assicurerà una visione completa dell’opera del maestro di Bonn.

Sul podio della Fenice accanto a direttori regolarmente invitati, spiccano alcuni importanti debutti, come quello di Alpesh Chauhan, che inaugurerà il cartellone, cui faranno seguito le prime apparizioni in Fenice di Claus Peter Flor, che proporrà le Sinfonie Italiana e Riforma di Felix Mendelssohn Bartholdy; Daniel Cohen, cui spetteranno la Quarta e la Settima di Beethoven; Hartmut Haenchen – sarà lui a misurarsi con la Nona –; Rudolf Buchbinder, impegnato nella doppia veste di direttore e solista al pianoforte; infine Ton Koopman, che traccerà un filo conduttore tra Beethoven e la musica di Johann Sebastian Bach: altro punto cardinale della nuova Stagione, nel duecentosettantesimo anniversario della morte. Prestigiosi debutti ma anche attesi ritorni.

Quello di Myung-Whun Chung, in primis, che si inserisce nel contesto di un progetto pluriennale di rilettura dell’opera di Gustav Mahler: dopo la Quinta ascoltata nel 2017 e Seconda nel 2019, il maestro dirigerà ora la Nona e la Terza Sinfonia. E quelli di Federico Maria Sardelli, anch’esso impegnato in un affondo sull’opera di Beethoven, e Marco Angius che affiancherà alla Pastorale, la Sinfonia Jupiter di Wolfgang Amadeus Mozart e l’Intermezzo per l’Idomeneo di Mozart di Richard Strauss. Non mancherà il tradizionale appuntamento con il Concerto di Natale nella Basilica di San Marco, affidato al Coro della Cappella Marciana guidato da Marco Gemmani; mentre il Coro del Teatro La Fenice diretto da Claudio Marino Moretti eseguirà il Requiem di Alfred Schnittke e il mottetto «Jesu, meine Freude» di Bach. La Staatskapelle Dresden – compagine ospite di questa Stagione – proporrà invece l’Ottava Sinfonia di Antonín Dvořák e la Quarta di Johannes Brahms, sotto la direzione di Myung-Whun Chung.

E ancora Chung dirigerà l’Orchestra e Coro del Teatro La Fenice nella diciassettesima edizione del Concerto di Capodanno al Teatro La Fenice. Si rinnova infine il progetto «Nuova musica alla Fenice» realizzato grazie al sostegno della Fondazione Amici della Fenice: anche in questa Stagione si presenteranno in prima esecuzione assoluta tre ouverture di giovani compositori. In totale la Stagione Lirica e Balletto 2019-2020 conta oltre centocinquanta recite, dal 24 novembre 2019 al 20 ottobre 2020, con dodici nuove produzioni e otto riprese. In aumento i numeri del cartellone sinfonico, che registra tredici concerti e undici repliche, dal 12 ottobre 2019 al 15 giugno 2020.

Domenico Moramarco

Tags: stagione lirica teatro la fenice sinfonica balletto venezia

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su