PARI GIUSTO NEL DERBY COL MONOPOLI, MA ANCHE OCCASIONE SPRECATA

VIVARINI: “QUALCHE ERRORE, BUON PAREGGIO ANCHE SE DOVEVAMO VINCERE”

PARI_GIUSTO_NEL_DERBY_COL_MONOPOLI_9_2_2020.jpg

Dopo la netta vittoria maturata contro la Virtus Francavilla, il Bari rallenta la sua corsa pareggiando (2-2) in trasferta contro il Monopoli, squadra rivelazione di questo campionato che sta lottando per le prime posizioni, a sole tre lunghezze dalla squadra biancorossa. Un risultato che permette al Bari (51 p.ti) di inanellare il ventesimo risultato utile consecutivo - con 12 vittorie e 8 pareggi - e di muovere, sia pure a piccoli passi, la classifica in attesa di sapere l’esito della sfida tra Reggina (56) e Ternana (48) che si giocherà nel posticipo di lunedì.

LA PARTITA

Con il 3-5-2 l’allenatore del Monopoli, Giuseppe Scienza, opta per: Mercadante, Giorno, Piccinni, Donnarumma, Carriero (76’, Tsonev), Rota, De Franco, Tazzer (60’, Pecorini); Fella, Jefferson (85’, Cuppone).

Con il 4-3-1-2, invece, il tecnico del Bari, Vincenzo Vivarini, schiera: Frattali; Ciofani, Sabbione, Perrotta, Corsinelli; Maita (91’, Terrani), Schiavone (62’, Folorunsho), Scavone (62’, Bianco); Laribi (69’, D’Ursi); Antenucci, Simeri (69’, Di Cesare).

Parte subito forte il Bari che al primo affondo passa in vantaggio.

cms_16066/2_Antenucci_.jpg

Laribi, complice un errore di Rota, serve Antenucci (5’) che, appena dentro l’area, insacca da par suo con un preciso diagonale. Risponde il Monopoli che pareggia improvvisamente con un tiro dalla distanza di Fella (15’) che sorprende Frattali sembrato non impeccabile nell’occasione. Il Bari reagisce e così Antenucci (18’) si rende pericoloso con un tiro che però viene facilmente parato dal portiere Menegatti. Qualche minuto dopo è sempre lo stesso Antenucci (30’) ad andare vicino al gol, ma il portiere questa volta neutralizza con un’ottima respinta. Si rivede il Monopoli, ma il tiro dalla distanza di Donnarumma (35’) viene facilmente bloccato da Frattali. Ci riprova più tardi ancora l’attaccante barese con un tiro dal limite (43’), ma ancora una volta il portiere biancoverde si fa trovare pronto. Nella ripresa parte più determinato il Monopoli che alla prima occasione passa in vantaggio con Jefferson (52’) più a lesto di tutti a ribattere a rete. Ma passano pochi minuti e Sabbione (58’) riporta la gara in equilibrio con un tiro al volo sugli sviluppi di un calcio di punizione. La partita resta piacevole, veloce e con diversi capovolgimenti di fronte. Proprio in uno di questi il Monopoli sembra poterne approfittare, ma Perrotta (66’), ultimo uomo, atterra Fella e viene espulso dall’arbitro. Vivarini effettua qualche cambio per dare nuova linfa alla squadra e provare a riguadagnare campo. Così il tempo passa e il Bari tiene fino alla fine.

ANALISI E COMMENTI

Il Bari, dunque, non va oltre il pareggio. Un’occasione sicuramente persa per quanto riguarda la classifica perché con una vittoria avrebbe potuto allungare sul Monopoli e guadagnare punti su una tra Reggina e Ternana impegnate nella sfida al vertice nel posticipo di lunedì. Ma si tratta di un pareggio giusto tra due squadre che hanno giocato su ritmi alti proprio perché volevano vincere la partita. Il Bari ha giocato meglio nel primo tempo quando ha concluso più volte nello specchio della porta avversaria. Nella ripresa il Bari è sembrato più stanco e ha subito la maggior pressione del Monopoli soprattutto con l’uomo in meno.

cms_16066/3_VIVARINI.jpg

La partita è stata bella e avvincente - ha dichiarato Vivarini ai microfoni di RadioBari – ma anche combattuta in tutte le zone del campo. L’abbiamo affrontata col piglio giusto, soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa con i cambi abbiamo fatto meglio e guadagnato terreno. Tuttavia abbiamo fatto qualche errore di troppo come nel caso del primo gol, ma avremmo potuto e dovuto sfruttare meglio alcune situazioni da gol che ci sono capitate nel primo tempo. Dobbiamo accontentarci di questo pareggio anche se dovevamo vincere. Ma devo fare i complimenti alle due squadre per come hanno giocato e lottato. Il Monopoli ha fatto un gran lavoro a centrocampo per poi ripartire con gran cattiveria. Nella ripresa loro sono partiti più forti di noi”.

In effetti la differenza di blasone e di qualità tra le due squadre non deve trarre in inganno perché il Monopoli dimostra di essere squadra ostica e difficile da battere, ben organizzata e capace di mettere alle corde qualsiasi squadra. Il Monopoli, in effetti, reduce da tre vittorie ed un pareggio nei precedenti quattro turni, ha mostrato di meritare la posizione che occupa e di avere tutte le carte in regola per poter raggiungere i play-off.

Ma è un pari che non cancella, tuttavia, il percorso pazzesco intrapreso da mister Vivarini che da quando siede sulla panchina biancorossa, non solo è imbattuto, ma ha conquistato ben 44 punti in 20 gare con una media di oltre 2 punti a partita. Una squadra che, al di là dei risultati, ha mostrato col passar del tempo progressi anche sotto l’aspetto della maturità riuscendo a conquistare punti anche in giornate meno brillanti.

Quindi in attesa della classifica aggiornata - che si determinerà dopo il posticipo tra Reggina e Ternana - il Bari dovrà riflettere su questa seconda occasione mancata che avrebbe potuto dare nuovo slancio al campionato che resta, pur tuttavia, molto avvincente.

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App