Nuova vita per le opere di Antonio Canova

La presentazione del restauro virtuale nel progetto “Antonio Canova Atelier”

Nuova_vita_per_le_opere_di_Antonio_Canova.jpg

Giovedì 18 luglio 2019, alle ore 19:00 presso la Sala Chilesotti del Museo Civico di Bassano del Grappa (Vicenza) si terrà la presentazione di Antonio Canova. Atelier, edita da Marsilio a cura di Chiara Casarin.

«Oggi ci pregiamo di celebrare un momento che sta già segnando la storia dei Musei di Bassano» afferma Chiara Casarin, direttore dei Musei Civici di Bassano del Grappa. «A 200 anni (era il 1819) dalla realizzazione del Cavallo colossale in gesso e a 50 anni (era il 1969) dal suo sezionamento, siamo in grado di presentare alla città di Bassano del Grappa una delle opere più imponenti di Antonio Canova. L’utilizzo dei più aggiornati dispositivi tecnologici per il patrimonio storico artistico si dimostra in questa occasione come uno strumento imprescindibile di conoscenza, di conservazione e di valorizzazione».

Il progetto ha avuto inizio nel 2016, ispirato dallo studio di alcune casse contenenti i resti in gesso di una scultura monumentale realizzata da Antonio Canova: un Cavallo Colossale, donato al Museo Civico nella metà del 1800 dal fratello acquisito dello scultore, Monsignor Giovanni Battista Sartori Canova.

cms_13384/2.jpg

Antonio Canova. Atelier, volume edito da Marsilio a cura di Chiara Casarin,in collaborazione con Adam Lowe, fondatore di Factum Foundation - la più importante azienda di mediazione digitale al mondo - rende finalmente accessibile al pubblico una parte importante del patrimonio cittadino: il restauro virtuale del Cavallo colossale, la digitalizzazione in alta risoluzione di tutti i disegni canoviani per la creazione di un archivio completo, la realizzazione del fac-smile di due album e del bozzetto in terracotta delle Tre Grazie. Il libro ripercorre tutte le fasi dello studio condotto su queste parti del patrimonio canoviano e ricostruisce la storia di un momento della creazione artistica del genio di Possagno.

cms_13384/3.jpg

«Siamo orgogliosi di presentare questo importante libro. Uno studio delle collezioni permanenti della città che proietterà nuova luce sul patrimonio canoviano e che conferma l’incalcolabile valore di quanto conservato nei nostri musei» dichiara Elena Pavan, sindaco di Bassano del Grappa. «Adottare nuove strumentazioni, aggiornate al progresso tecnologico e rispettose della fragilità delle opere è un passo importante verso la ricerca e la valorizzazione del patrimonio culturale in generale. Con il patrocinio del Ministero e della Regione, stiamo compiendo un passo che porterà nuova attenzione alla nostra meravigliosa città e ai suoi tesori».

Massimo Favia

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App