NOI RISORGIAMO DALLA DEPRESSIONE COME LA FENICE RINASCE DALLE SUE CENERI

NOI_RISORGIAMO_DALLA_DEPRESSIONE_COME_LA_FENICE_RINASCE_DALLE_SUE_CENERI.jpg

Ne sei appena uscito, ancora non ti rendi conto. Sei fuori dall’incubo che ha risucchiato completamente le tue energie. Oggi ti sei rialzato e hai percepito il mondo con occhi diversi. Non senti più quel peso sul petto e quel vuoto nel cuore. Finalmente puoi ricominciare a vivere. Non è facile uscire dalla depressione. Entrarci è questione di lunghi e ripetuti attimi di dolore. Venirne a capo è tutta un’altra cosa. Per guarire consigliano medicine e professionisti della mente. Ma il salto del cambiamento devi farlo tu con le tue gambe. Nessun altro può sollevarti dal pozzo in cui sei caduto lentamente. Ti sei accorto di scivolare solo in alcuni tratti. Hai provato ad aggrapparti con le mani alle tue volatili certezze. Quando sono morte quelle, ti sei lasciato andare. La depressione è questo: mollare la presa un po’ alla volta. Significa perdere il brivido di gioia per le cose semplici della vita. Niente ha più senso. Ci sei tu con il tuo buco dentro che divora qualsiasi sentimento. Non c’è distinzione tra buono e cattivo, è tutto solo vuoto. Continui a ripetere che non ce la fai. E’ esageratamente forte. Spingi un piede cercando il pedale del freno. Non sai che in realtà ti sei già fermato da un pezzo. Lo hai fatto nel momento in cui hai deciso che questa vita è infinitamente dura. Non reggi nemmeno te stesso. Chiudi cuore e cervello. Boom, non senti più nulla. La speranza è morta. Momenti complicati intercorrono tra l’inizio e la fine di una depressione. Sei lì, su quel letto e fissi il soffitto. Nulla tocca i tuoi sensi. Il cervello è perso in una oscura nebbia. Fluttui immobile in un mondo di apatia. Poi passato il peggio, le medicine cominciano a fare effetto e ricordi com’eri una volta.

cms_5366/2.jpg

Ci vuol tempo prima che tu capisca che il fiore di loto nasce dal fango. E’ possibile ricominciare sempre. Da fiero combattente riprendi in mano le redini della tua esistenza e di nuovo sfidi la vita a spada tratta. E’ impressionante la luce fuori dalla depressione, accecante ti avvolge come se fosse la prima volta. Ti fai guidare dal desiderio del cuore di riabbracciare la vita. Dopo l’ultimo sforzo è così luminoso. Non sei lo stesso di prima. Probabilmente sei meglio. Ancora vivo, più vivo che mai

Alessia Gerletti

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su