Libia, ok a cessate il fuoco duraturo (Altre News)

Mullah Krekar, Norvegia dice sì a estradizione in Italia

MONDO_13_2_20.jpg

Libia, ok a cessate il fuoco duraturo

cms_16116/Libia_Tripoli_Afp.jpg

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione chi chiede alle parti in guerra l’impegno per un cessate il fuoco duraturo in Libia. Il testo, approvato con l’astensione della Russia, condannando l’escalation di violenza. La risoluzione proposta dalla Gran Bretagna accoglie i risultati del vertice di Berlino del 19 gennaio.

Missione a Bengasi giovedì per il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. A quanto si apprende, il titolare della Farnesina - reduce dalla visita di oggi a Tripoli - avrà un incontro con il generale Khalifa Haftar. La missione in Cirenaica conferma l’impegno dell’Italia a dialogare con entrambe le parti del conflitto per arrivare a una soluzione politica della crisi libica.

Mullah Krekar, Norvegia dice sì a estradizione in Italia

cms_16116/mullah_krekar_afp.jpg

Il Mullah Krekar potrà essere estradato in Italia per scontare una condanna per reati di terrorismo. Lo ha annunciato ai giornalisti il ministro della Giustizia norvegese, Monica Maeland. "Abbiamo concluso che ci sono i termini per l’estradizione", ha detto la Maeland. Brynjar Meling , avvocato di Krekar, ha annunciato che ricorrerà in appello contro la decisione delle autorità norvegesi, come riporta l’emittente Nrk.

Nato in Iraq, di etnia curda, Najmuddin Faraj Ahmad, meglio noto come il Mullah Krekar, lo scorso luglio è stato condannato in Italia a 12 anni di carcere perché riconosciuto come leader del gruppo jihadista Rawti Shax. La parola definitiva sulla sua estradizione spetta al governo norvegese.

E’ dall’inizio degli anni 2000 che Najmuddin Farah Ahmad, alias Mullah Krekar, è motivo di allarme e imbarazzo per le autorità norvegesi e, con il crescere della sua fama, per i servizi di intelligence di mezzo mondo, a cominciare da quelli statunitensi. L’inchiesta del Ros di Trento, per la quale nel luglio dello scorso anno è stato condannato a 12 anni di reclusione dalla Corte d’Assie di Bolzano è, per certi versi, la riproposizione di altre inchieste che lo hanno riguardato nel corso di questi anni. A cambiare, col mutare delle gerarchie nell’universo jihadista, è l’alleato di turno al quale gli inquirenti hanno accostato Krekar: un tempo Al Qaeda, oggi lo Stato Islamico. Sessantatre anni, di origini curdo-irachene, nel 1991 trovò rifugio in Norvegia, sfuggendo alle repressioni di Saddam Hussein nel nord dell’Iraq. A differenza della moglie e dei quattro figli, Krekar non ha la cittadinanza norvegese. Questo ha consentito alle autorità di Oslo di emettere fin dal 2003 nei suoi confronti vari ordini di espulsione, tutti contestati da Krekar in tribunale e di fatto non eseguibili, per il fatto che il mullah, se consegnato alle autorità del governo regionale curdo, potrebbe essere condannato a morte.

Nel 2001, mentre godeva del diritto di asilo in Norvegia, Krekar per sua stessa ammissione fondò nel Kurdistan iracheno il gruppo islamista Ansar al Islam, una sigla che poi ricomparve anche durante il lungo e sanguinoso dopoguerra che fece seguito alla caduta di Saddam Hussein. L’obiettivo di Ansar Al Islam era la creazione di uno stato autonomo fondato sulla sharia. Krekar si dissociò dalle violenze commesse dal gruppo in Kurdistan, sostenendo di averne abbandonato la leadership prima della deriva jihadista. Nel 2006 fu inserito nella lista anti terrorismo dell’Onu. L’anno successivo la Corte suprema norvegese stabilì che Krekar era un "pericolo per la sicurezza nazionale", emanando un nuovo ordine di espulsione. Nonostante questo, entrando e uscendo dai tribunali e finendo a più riprese in carcere, Krekar ha continuato in questi anni, più o meno indisturbato, a lanciare proclami, a minacciare di morte i suoi avversari, come l’ex premier conservatore norvegese Erna Solberg. E ha continuato a raccogliere proseliti. Fino al nuovo -e definitivo - stop impostogli dall’operazione ’Jweb’ del 2015, per la quale lo scorso anno è arrivata la condanna in Italia.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App