Let’s discover Pistoia: the Italian Capital of Culture 2017

A journey between tradition and urban generation

Visitiamo_Pistoia.jpg

cms_5471/0.jpg

The candidacy of Pistoia was promoted by the Municipality of Pistoia with the support of the Region of Tuscany, the Province, the Diocese of Pistoia, the Savings Bank Foundation, and the Chamber of Commerce. Giulia Cogoli, Carlo Sisi and Virgilio Sieni are the members of the Scientific Committee for the candidacy. Giuseppe Gherpelli Has Been entrusted with the role of project manager.

cms_5471/1.jpg

Pistoia based its candidacy on the idea That, in order to Promote itself, a city needs to Enhance its own features and Peculiarities rather than trying to show a different image. Prior to its candidacy to Italian Culture Capital, Pistoia has invested on high-quality cultural projects, Which sono stati carefully prepared and managed by the cultural institutions. Resulting from a scrupulous selection, the most substantial investments are directed to the promotion of cultural heritage, Social Cohesion and efficient cultural-touristic services.

cms_5471/3.jpg

Ordinarily, Pistoia Invests blackberries than double of the national average on cultural policies, as it Deems knowledge and culture to be the foremost rights of citizens, fundamental ingredients for the growth and the training of free, aware, and democratic citizens.

cms_5471/4.jpg

Pistoia is a solidarity-based, democratic, inclusive and open city. It has Always Been an important crossing and exchanging point, as it was a transitory location of merchant routes, of civilian infrastructures: such as the Railway Porrettana, and of religious pilgrimages across the Appennines.

cms_5471/5.jpg

Its origins date back to two thousand years ago. In 2017, Pistoia will celebrate 900 years of its 1117 Consuls’ Statute, Which is, to date, the oldest collection of laws of the age of the city-state.

cms_5471/6.jpg

Pistoia is a city on a human scale. Pistoia is reserved, it does not parade, and its medieval center is surrounded by the green belt of the mountains in the north, and by the nursery That production has developed in its fertile valley.

cms_5471/7.jpg

Pistoia is a busy city That has not lost the hardworking atmosphere of working-class traditions. Not only has the main train factory Been its most important industrial and productive center, but Also a motor of political and social growth That has shaped its identity and history.

cms_5471/8.jpg

Pistoia was a Partisan city, silver medal for military value for the Liberation of the Country from Nazi-fascism. Such roots nourish today’s city; That a city is now ready to be seen by Italy and the world.

cms_5471/italfahne.jpgToscana - Italia

Visitiamo Pistoia: Capitale Italiana della Cultura 2017

Un viaggio tra tradizione e rigenerazione urbana.

La candidatura di Pistoia è stata promossa dal Comune di Pistoia insieme alla Regione Toscana, alla Provincia, alla Diocesi di Pistoia, alla Fondazione Cassa di Risparmio, alla Cassa di Risparmio e alla Camera di Commercio. Giulia Cogoli, Carlo Sisi e Virgilio Sieni sono i membri del Comitato Scientifico della candidatura. Il ruolo di project manager è affidato a Giuseppe Gherpelli.

La candidatura di Pistoia si è fondata sulla convinzione che, per promuovere se stessa, una città non debba presentarsi diversa da com’è, ma valorizzare le proprie caratteristiche e peculiarità. Per la sua candidatura a Capitale Italiana della Cultura, Pistoia ha infatti investito su alcuni progetti culturali di alta qualità, accuratamente predisposti e gestiti dalle sue istituzioni culturali e elaborando. Gli investimenti più significativi, frutto di una scrupolosa ricognizione, sono destinati a garantire la valorizzazione dei beni culturali, la coesione sociale ed efficienti servizi turistico – culturali.

Pistoia investe ordinariamente in politiche culturali più del doppio della media nazionale, perché considera il sapere e la cultura come i primi diritti di cittadinanza, lievito per la crescita e la formazione di cittadini liberi e consapevoli, di cittadini democratici.

Pistoia è una città solidale, democratica e inclusiva, aperta al mondo perché da sempre crocevia di incontri e di scambi, luogo di passaggio attraverso l’Appennino di itinerari mercantili, di infrastrutture civili come la Ferrovia Porrettana, di pellegrinaggi religiosi.

La sua storia è lunga due millenni. Proprio nel 2017 si festeggeranno i 900 anni del suo Statuto dei consoli del 1117, la più antica raccolta di leggi dell’età Comunale, pervenuta fino ad oggi.

Pistoia è una città a passo d’uomo. È una città riservata, che non ostenta, e che ha mantenuto intorno al suo cuore medievale, una cintura verde costituita dalle montagne che la cingono a nord e dalla produzione vivaistica, sviluppatasi nella sua piana produttiva.

Pistoia è una città laboriosa, di antiche tradizioni operaie, che ha visto nella sua principale fabbrica di treni non soltanto il suo più importante centro industriale e produttivo, ma anche un motore di crescita politica e sociale che ne ha forgiato l’identità e la storia.

Pistoia è stata una città partigiana, medaglia d’argento al valor militare per la Liberazione del Paese dal Nazifascismo.

Da queste radici trova alimento la città di oggi, che adesso è pronta a mostrarsi all’Italia e al mondo.

(fonte: www.comune.pistoia.it per tutti gli eventi in programma clicca qui)

Domenico Moramarco

Tags: Capitale Italiana della Cultura 2017 Pistoia Toscana

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App